Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la 'Fase 2' rivoluziona l'organizzazione delle aziende: la Würth Italia lancia i distributori di mascherine e guanti

Sanificazione degli ambienti, distanziamento sociale e l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, come mascherine e guanti. Massima attenzione nelle aziende per la riapertura delle attività 

Pubblicato il - 08 maggio 2020 - 11:05

BOLZANO. La sicurezza dei lavoratori è una conditio sine qua non che le aziende sono chiamate a ottemperare sempre e ancora di più oggi con la ripartenza delle attività in questa situazione di emergenza sanitaria.

 

In questa seconda fase del piano di contrasto alla diffusione del Covid-19 sono state varate misure che impongono rivoluzioni organizzative per gran parte delle imprese che devono introdurre nuove modalità operative che potrebbero protrarsi per un lungo periodo.

 

Parliamo della sanificazione degli ambienti, il distanziamento sociale e l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, come mascherine e guanti.

 

Ed è proprio per questo che mai come oggi i distributori automatici di queste protezioni svolgono un ruolo chiave per gestirne in modo ottimale la distribuzione e agevolarne quindi il rispetto delle misure di contenimento del contagio da Covid-19.

 

Tra le tante opzioni offerte a farsi alleato delle aziende è la Würth Italia, una delle più grandi aziende in  Alto Adige una società che offre la possibilità di adottare un distributore automatico di Dpi che permette alle persone di prelevare i dispositivi in modo autonomo attraverso un badge, in ogni momento e nelle giuste quantità. Oltre a questo si riesce anche a monitorare tutti i prelievi e di provvedere all’approvvigionamento più rapidamente, garantendone sempre scorte minime. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 05:01

La vicenda legata alla chiusura del quotidiano di via Sanseverino resta molto complicata: i giornalisti non sono in cassa integrazione perché non funziona come nel 1800 che il padrone chiude e buona notte. Gli abbonamenti sono stati convertiti con quelli del giornale fino a ieri concorrente senza possibilità di rimborso e non si capisce chi sia il direttore del sito (che Ebner e la proprietà altoatesina hanno detto di voler rilanciare) visto che intanto vi lavorano persone dell'Adige, dell'Alto Adige e un fortunato ex del Trentino

19 gennaio - 19:52
Sono 317 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 5 decessi, mentre sono 22 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività
19 gennaio - 22:21

I senatori di Italia Viva, come annunciato nel corso del pomeriggio, si sono astenuti dal voto. Alla fine il Governo è riuscito ad incassare la fiducia anche al Senato ma non c'è la maggioranza assoluta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato