Contenuto sponsorizzato

Imprese agricole, arriva il fondo per proteggerle dal rischio Covid-19 con un'applicazione che aiuta a mantenere gli organici grazie allo spirito mutualistico

Il Presidente di Codipra Gaiardelli: ''Una proposta innovativa su misura delle nostre imprese agricole che offre una soluzione di protezione che migliora il ventaglio degli strumenti a disposizione degli associati per garantire un futuro sereno alla propria azienda''

Pubblicato il - 22 dicembre 2020 - 19:32

TRENTO. Il Covid ha cambiato tutto mettendo in difficoltà la società ad ogni livello e così anche in ambito agricolo si corre ai ripari. Nasce il fondo mutualistico AgrovsCovid-19, ideato, sviluppato e gestito da Asnacodi, che tutela tutte le imprese agricole aderenti del territorio nazionale dal rischio causato dal virus Covid-19. Per il presidente di Codipra Gaiardelli si tratta di una proposta innovativa ''su misura delle nostre imprese agricole che offre una soluzione di protezione che migliora il ventaglio degli strumenti a disposizione degli associati per garantire un futuro sereno alla propria azienda''.

 

''La pandemia causata dal coronavirus - spiega Codipra - ha notevolmente influito sulle nostre abitudini e ha causato, in alcuni casi, ingenti perdite economiche, anche per le nostre aziende agricole. Sin da subito con Asnacodi, l’associazione a cui aderiamo con tutti i Condifesa di Italia, ci siamo attivati per trovare una soluzione innovativa per mettere al riparo le aziende agricole dal rischio Covid-19 che colpisce uno dei fattori fondamentali per l’attività agricola, il fattore umano''. E così le attività di ricerca e sviluppo messe in campo e gli sforzi profusi hanno permesso di attivare celermente il fondo mutualistico AgrovsCovid-19.

 

''Come consorzio di difesa – spiega Marica Sartori, direttore di Codipra – siamo stati elemento propulsore e abbiamo fattivamente contribuito alla nascita di questo progetto convintamente proposto dalla nostra associazione nazionale e che vede attivare uno specifico strumento per dare un sostegno al reddito delle imprese agricole basato su un principio a noi caro, quello mutualistico. Crediamo fortemente nella capacità del nostro settore di trovare negli strumenti di gestione del rischio una soluzione di protezione anche rispetto a questi nuovi rischi, come è sicuramente quello portato dalla pandemia, che possono impattare in modo determinante sui risultati agro-economici delle nostre aziende agricole''.

 

E allora ecco che la possibilità di partecipare alla costituzione del Fondo AgrovsCovid-19 è stata colta al balzo per dare una soluzione a quello che è un rischio tremendamente impattante per il nostro tempo. ''Il Fondo - proseguono a spiegare da Codipra - si basa, infatti, su principi di condivisione del rischio, di mutualità e solidarietà, essendo gli stessi agricoltori che costituiscono la dotazione del fondo attraverso il versamento di contributi associativi per la copertura mutualistica. Inoltre, la sua gestione particolare con coperture mutualistiche molto brevi (1 mese) è resa fattibile grazie all’utilizzo di un’innovativa piattaforma informatica in grado di gestire intelligentemente il flusso di dati ed i modelli matematici dell’andamento previsionale della pandemia'', evidenzia il direttore.

 

“Per sostenere convintamente il progetto e con l’obiettivo di dare un concreto sostegno rispetto a questa emergenza – sottolinea Giorgio Gaiardelli, presidente del Consorzio – abbiamo deciso di dare un concreto aiuto alle imprese sostenendo, per le prime tre mensilità, l’onere dei contributi di adesione al Fondo e di iscrizione alla copertura mutualistica di una persona (titolare o legale rappresentante) per ciascuna delle imprese agricole associate che abbiano aderito alla campagna assicurativa 2020, con un livello di protezione più alto per quelle imprese che hanno già aderito ad altri specifici fondi mutualistici. Per le imprese aderenti alle polizze assicurative con estensione ai fondi mutualistici settoriali la soluzione attivata è stata quella massima, per gli altri la soluzione è quella a garanzie base''.

 

''Riteniamo, infatti, strategico favorire lo sviluppo di questa innovativa proposta che, in modo assolutamente unico, per quanto conosciamo, fornire alle imprese agricole aderenti un sostegno economico, grazie agli aiuti solidali erogati dal fondo sulla base del regolamento, quando gli uomini chiave aziendali sono colpiti dal virus. Ma non solo – continua Gaiardelli – l’innovativa piattaforma informatica consentirà agli aderenti di individuare professionalità sostitutive in caso di mancanza degli uomini chiave per la continuità aziendale grazie alla messa a disposizione, da parte degli stessi aderenti ed in pieno stile mutualistico, del proprio fattore umano. Auspichiamo che con questa scelta di intervento i nostri assicurati possano comprendere nel primo periodo di gestione del fondo la valenza dello strumento e, quindi, rinnovino l’iscrizione alla copertura, che altrimenti cesserà, anche nei periodi successivi ai primi tre mesi, estendendo inoltre le coperture mutualistiche anche a tutti gli altri soggetti chiave dell’azienda agricola. Tutte operazioni che potranno essere effettuate sulla piattaforma''.

 

Insomma Codipra considera che favorire l’implementazione e l’adozione di tali innovativi strumenti sia una valida azione di sistema perché consente al comparto agricolo di essere pronto ad auto dotarsi di strumenti efficaci ed efficienti in un contesto nel quale – è evidente a tutti – sono in costante e rapido aumento gli eventi estremi ed imprevedibili e che portano con sé nuovi rischi per la redditività e sostenibilità delle imprese.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 settembre - 20:13
Trovati 26 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 19 guarigioni. Sono 20 i pazienti in ospedale, di cui 1 ricoverato in [...]
Economia
16 settembre - 20:55
Dopo le parole del rettore Flavio Deflorian ora è stata  spedita al presidente della Provincia di Trento una lettera aperta in cui si [...]
Cronaca
16 settembre - 20:26
I dati pubblicati da Fondazione Gimbe confermano l'efficacia dei vaccini nel ridurre decessi (96,3%), ricoveri ordinari (93,4%) e in terapia [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato