Contenuto sponsorizzato

Obiettivo: abbattere il rischio di contagio. Un'azienda trentina lancia la prima postazione scomponibile dotata di dispositivi per la sanificazione

L'azienda roveretana Borz, leader nella produzione di cucine industriali, lancia la nuova postazione di sanificazione concepita per garantire la massima sicurezza in diversi ambiti professionali, dalla ristorazione all'hotellerie, ma non solo

Di Laura Gaggioli - 06 novembre 2020 - 17:55

ROVERETO. Non una comune cucina. Al tempo del Covid ci sono nuove esigenze da intercettare e Borz, l’azienda trentina d'eccellenza nella produzione di cucine industriali, ha messo la sua esperienza a servizio dei professionisti che necessitano di una stazione dedicata alla sanificazione di utensili e dispositivi.

 

Se il 2020 ha infatti disegnato una nuova mappa delle priorità, in cui operazioni come la sanificazione o l'igienizzazione svolgono un ruolo decisivo nella quotidianità di tutti noi, è a maggior ragione negli ambienti lavorativi, specie in quelli di ristoranti o più in generale di ristorazione, che si ricercano modalità più sicure per abbattere i rischi del contagio

 

Così, a offrire una possibile soluzione ci ha pensato l'azienda roveretano Borz, che, attraverso il bando “Sostegno alle piccole e medie imprese per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi a uso industriale e civile per la gestione delle fasi post emergenza sanitaria COVID-19” finanziato dalla Provincia Autonoma di Trento e da Trentino Sviluppo, ha utilizzato le proprie competenze in materia nella lavorazione dell'acciaio Inox per costruire una postazione in grado di garantire la massima sicurezza attraverso degli strumenti per l'igienizzazione e la sanificazione. 

 

Borz, con la prima postazione di sanificazione completa e personalizzabile completamente made in Trentino, ha voluto così offrire una soluzione pratica e immediata. Il progetto è realizzato interamente in acciaio Inox, come detto, utilizzando il primo sistema a incastro brevettato dall’azienda per evitare l’accumulo di sporco e integrando tecnologie di igienizzazione all’avanguardia, prodotti di sanificazione certificati, materiali e lavorazioni che seguono gli standard HACCP.

 

Il design è piacevole, minimale ma soprattutto funzionale. Infatti la struttura componibile è costituita da uno o più moduli, in base allo spazio disponibile. Sulle piattaforme MEPA e MEPAT sono già disponibili 4 versioni, ma, come tradizione vuole, l’azienda garantisce anche la possibilità di realizzare progetti su misura. E’ possibile infatti scegliere tra lavelli, dispenser, termoscanner, lavautensili a ozono, lavaoggetti per calzature. Tutto scrupolosamente pensato per ridurre le occasioni di contatto diretto con gli utensili e procedere contemporaneamente alla sanificazione attraverso l’innovativo "ionics", uno spray che utilizza l’acqua del rubinetto senza l’uso di prodotti chimici ma che garantisce una sanificazione al 99,9 %, o un dispositivo a raggi UV.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
29 novembre - 11:31
Le Camere di Commercio di Trento e Bolzano appoggiano la proposta dell'assessore al turismo che a molti era parsa quasi una boutade in un mondo che [...]
Cronaca
29 novembre - 11:05
L'inchiesta ha preso il via ad inizio anno, in questa nuova fase sono state individuate ulteriori aree adibite a discarica vicino al fiume [...]
Politica
28 novembre - 19:37
Zaia è sicuro, il Veneto viaggia spedito verso l’autonomia: “Entro la fine dell’anno avremo lo strumento per definire costi e fabbisogni [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato