Contenuto sponsorizzato

Sanità, la Cisl alla Provincia: ''L'esecutivo continua a prendere decisioni unilaterali. I lavoratori meritano di più e di meglio. Pronti a intraprendere le azioni necessarie''

La Provincia è tornata a parlare di assunzioni, assistenza domiciliare, infermiere di famiglia, unità speciali di continuità assistenziale e centrale operativa provinciale. Pallanch (Cisl Fp): "Non c'è però nessun confronto con lavoratrici e lavoratori, così come con i loro rappresentanti. Manca anche una analisi seria, puntuale e condivisa dei fabbisogni"

Pubblicato il - 19 settembre 2020 - 19:52

TRENTO. "Dispiace dover leggere sulla stampa del piano di riorganizzazione comparto sanitario provinciale", queste le parole di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, che aggiunge: "L'esecutivo non riesce a confrontarsi con i sindacati e torniamo a denunciare provvedimenti presi totalmente in modo unilaterale senza la capacità di coinvolgere personale e operatori da mesi in prima linea nel fronteggiare l'emergenza coronavirus".

 

La Provincia è tornata a parlare di assunzioni, assistenza domiciliare, infermiere di famiglia, unità speciali di continuità assistenziale e centrale operativa provinciale. "Non c'è però nessun confronto con lavoratrici e lavoratori, così come con i loro rappresentanti. Manca anche una analisi seria, puntuale e condivisa dei fabbisogni. La Provincia - evidenzia la Cisl Fp - è già stata fermata dal giudice del lavoro nel recente passato e potrebbe ritornare a pagare un'altra sconfitta giudiziaria se continua sulla strada dell'autoreferenzialità".

 

Un altro nodo è quello delle risorse. Le parti sociali chiedono adeguate assunzioni di personale per garantire il benessere organizzativo; rifinanziare e rinnovare il contratto di settore 2019/2021; allargare la platea dei beneficiari del bonus Covid-19 nella sanità pubblica e privata e partecipare alle scelte nella riorganizzazione territoriale del comparto. "Non si capisce - evidenzia Pallanch - quali risorse intende utilizzare e come vuole destinare eventuali finanziamenti, soprattutto per fronteggiare l'emergenza Covid-19 ancora presente".

 

C'è poi il tema delle esternalizzazioni. "Procedure che sono già state avviate. Siamo contrari - dice la Cisl Fp - la sanità pubblica ha dimostrato di saper reggere l'urto dell'epidemia coronavirus. Si vogliono seguire modelli che si sono dimostrati disastrosi in altre Regioni e questo meccanismo non può funzionare. Nonostante l'abnegazione di questi mesi delicati e difficili, i nostri eroi hanno ricevuto solo promesse ma pochi fatti. Si deve invece puntare a valorizzare lavoratrici e lavoratori che si si sono spesi e continuano a impegnarsi senza sosta".

 

Altre criticità si registrano poi sul fronte della sanità privata. "E' inutile che si riuniscano senza i sindacati. Le decisioni devono essere condivise e discusse. Se le parti sociali vengono tagliate fuori, siamo pronti a tutte le azioni che si rendono necessarie. L'agitazione è molto alta a tutti i livelli del settore", conclude Pallanch.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato