Contenuto sponsorizzato

"Senza di noi, i borghi di montagna sono tristi, vuoti e privi di servizi". La protesta silenziosa di oltre 280 esercenti solandri

Oltre 280 esercizi commerciali di 13 Comuni solandri associati a Confcommercio Trentino oscureranno le vetrine tra sabato 12 e lunedì 14 dicembre per lanciare un grido d'aiuto ed evidenziare il proprio ruolo di presidi nei borghi di montagna. Il presidente della sezione locale Luca Palmieri: "Anche noi siamo un prodotto turistico"

Di Davide Leveghi - 09 dicembre 2020 - 12:23

MALE'. R-Esistiamo in montagna. È questo lo slogan dell'iniziativa lanciata dagli esercenti di 13 Comuni della Val di Sole aderenti a Confocommercio Trentino, che a causa delle chiusure decise per il contenimento dell'emergenza sanitaria, hanno deciso di protestare attirando l'attenzione sul loro fondamentale ruolo di presidio nei borghi di montagna.

 

Saranno oltre 280 gli esercizi commerciali al dettaglio che sulle vetrine attaccheranno dei giornali vecchi. Un gesto per oscurare la vista dei negozi e sottolineare quanto i paesi perderebbero dalla loro scomparsa. Antiche panetterie, enoteche, negozi di tessuti e di abbigliamento, bar, produttori di eccellenze gastronomiche e così via, sono tante le attività che hanno deciso di partecipare, di fronte a una prospettiva, quella di rimanere vuoti, che potrebbe impattare non poco sull'economia della valle.

 

La silenziosa protesta avrà luogo fra sabato 12 e lunedì 14 dicembre, con l'esposizione sulle vetrine, assieme ai giornali vecchi, dello slogan dell'iniziativa: “R-Esistiamo in Montagna”. “In quei tre giorni le persone si renderanno conto di come potrebbero diventare i nostri borghi di montagna senza la nostra presenza. Tristi, vuoti e privi di servizi – incalza il presidente della sezione solandra di Confcommercio Trentino Luca Palmieri – anche noi siamo un prodotto turistico, ricercato da chi viene in vacanza nei nostri territori e quindi meritevoli di tutela”.

 

Presidi indispensabili per non spopolare i borghi periferici, “punto di incontro per la popolazione locale” e “cuore pulsante della montagna”, gli esercizi commerciali lanciano così il proprio grido d'aiuto ad amministratori locali, nazionali e ai cittadini che stanno pensando agli acquisti di Natale. "Vanno incentivati gli acquisti di prodotti tipici del territorio, per non disperdere le poche risorse economiche che girano in questo momento con acquisti online che vanno ad arricchire grandi gruppi dall'altra parte del mondo”.

 

“Solo in questo modo potremo evitare di danneggiare ancor più pesantemente l'economia locale – ha concluso Palmieri – il momento degli acquisti natalizi può infatti diventare uno strumento per rafforzare il senso di comunità e di solidarietà verso chi abita le nostre valli alpine. Il contributo di questi negozianti è essenziale sia per il Pil provinciale sia per le tasse che entrano nell'erario e che, grazie all'autonomia di cui gode il Trentino, servono per garantire i servizi pubblici ai cittadini della provincia. Sostenerli significa quindi garantire la linfa vitale che contribuisce al benessere economico e sociale del territorio”.

 

“Il commercio è un prodotto turistico importante, senza i negozi la Valle non sarebbe la stessa. Non perdo occasione per ricordarlo in tutti i tavoli provinciali – ha aggiunto il presidente dell'Apt val di Sole Luciano Rizzi – siamo sempre stati vicini al settore, certi che l'offerta turistica è formata da tante forze che arricchiscono il valore di un soggiorno in val di Sole”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 settembre - 19:02
Un minuto dopo il decollo da Folgaria si è verificato un guasto meccanico che ha determinato il distacco del portellone laterale destro. Il [...]
Cronaca
23 settembre - 16:31
Il grave incidente è avvenuto attorno alle 15 al bivio tra via G. Battisti e la strada statale 240. Sul posto i vigili del fuoco e la polizia [...]
Cronaca
23 settembre - 16:29
Il 29enne originario di Belluno è scomparso da Milano venerdì sera (17 settembre) dopo aver subito il furto del suo zaino durante un aperitivo a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato