Contenuto sponsorizzato

60 milioni di euro per le piccole e medie imprese che investono in ricerca e innovazione

Il finanziamento arriva della Commissione europea all'interno del programma per la ricerca e l'innovazione dell'Unione europea "Horizon 2020". Il direttore generale di Mediocredito Trentino Alto Adige Diego Pelizzari: "Siamo molto soddisfatti"

Pubblicato il - 10 ottobre 2017 - 15:32

TRENTO. Appena uscita sull'Ansa l'ha twittata soddisfatto anche il presidente Ugo Rossi: "Mediocredito Trentino Alto Adige ha siglato un nuovo accordo con il Fondo europeo per gli investimenti (Fei) per l'utilizzo della garanzia a supporto delle Pmi e delle imprese a media capitalizzazione Small Mid-Cap, fino a 499 dipendenti, nell'ambito dell'iniziativa "InnovFin - EU finance for innovators".

 

Il finanziamento è della Commissione europea all'interno del programma per la ricerca e l'innovazione dell'Unione europea "Horizon 2020" e grazie a questo accordo, il secondo siglato da Mediocredito Taa, la banca è in grado di mettere a disposizione delle imprese italiane innovative un ulteriore plafond di 60 milioni di euro di finanziamenti, erogabili nei prossimi due anni, garantiti al 50% dal Fei.

"Siamo molto soddisfatti di questo rinnovo di fiducia da parte di Fei", ha dichiarato Diego Pelizzari, direttore generale di Mediocredito. "Il primo plafond di 30 milioni di euro, firmato con un accordo nel 2015, è stato interamente collocato, con un alto gradimento da parte delle nostre imprese clienti".

L’obiettivo del Fondo Europeo per gli Investimenti è quello di assicurare alle imprese un miglior accesso al credito, favorendo di conseguenza il sostegno all'occupazione ed alla crescita. “Questa iniziativa per noi è molto importante - sottolinea Franco Senesi, presidente di Mediocredito Trentino-Alto Adige/Sudtirol - perché ci consente di rispondere in modo preciso ad una crescente richiesta di finanziamenti per investimenti da parte delle imprese innovative della nostra regione e del Nord Est, territori ad alta concentrazione di imprese leader nelle nuove tecnologie".

 

Ecco chi sono i protagonisti dell’accordo. Il fondo Europeo per gli Investimenti - European Investment Fund (FEI) che è parte del Gruppo Banca Europea per gli Investimenti: promuove gli obiettivi dell'UE a sostegno dell'innovazione, ricerca e sviluppo, l'imprenditorialità, la crescita e l'occupazione.

 

La sua mission principale è sostenere le micro, piccole e medie imprese, aiutandole nell’accesso al credito. FEI progetta e sviluppa fondi di venture capital e di private equity, garanzie e strumenti di microfinanza diretti specificamente a questo segmento di mercato. 

Altro protagonista è Mediocredito Trentino-Alto Adige che opera da oltre 60 anni nel sostegno e nella promozione delle attività economiche delle piccole e medie imprese con il credito a medio e lungo termine, la consulenza finanziaria, le operazioni di finanzia straordinaria e il leasing.

 

Mediocredito si propone quale Corporate e Investment Bank a supporto della crescita dimensionale e tecnologica delle piccole e medie imprese del Nord Est. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 05:01

Le esternazioni del presidente del Mart, come quella sul Covid-19 e "Il virus del buco del culo" o "L'evasore fiscale è un patriota", erano state oggetto di diverse interrogazioni da parte delle minoranze. Consiglieri bollati dal critico d'arte come "depensanti" in qualche occasione e che non ha mai mancato di rispondere, anche duramente, alle varie sollecitazioni

30 settembre - 17:05

L’assessore all’ambiente chiede una revisione della direttiva europea Habitat, per la conservazione della fauna selvatica. L’intenzione sarebbe quella di eliminare alcune tutele giudicate “eccessive”, la Pat: “Il lupo non può più essere considerato una specie a rischio estinzione”

30 settembre - 16:13

La Polizia locale ha voluto ribadire la propria posizione. Lo skateboard era dotato di motore elettrico, motivo per cui assumeva le caratteristiche di veicolo a motore per il quale il codice della strada richiede l’obbligo di immatricolazione, con rilascio del relativo certificato di circolazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato