Contenuto sponsorizzato

Assegno unico: nuovi sostegni alle famiglie più numerose e ulteriori agevolazioni per l’asilo nido e i genitori con lavoro precario

Si parte dal primo gennaio del prossimo anno. Olivi: "Uno strumento innovativo contro la povertà per l’inclusione sociale e le famiglie unico per intensità ed universalità in Italia"

Pubblicato il - 30 settembre 2017 - 12:45

TRENTO. Entrerà in vigore dal 1° gennaio 2018 l'Assegno unico provinciale interessando, secondo le stime, circa 40.000 nuclei familiari e circa 180.000 persone fisiche beneficiarie. Le domande potranno essere presentate dal 10 di ottobre

 

Rispetto al progetto iniziale sono previsti ulteriori aiuti alle famiglie con figli minori per l'accesso ai servizi della prima infanzia, una riduzione degli oneri per le famiglie con lavoro precario qualora venga meno una fonte di reddito e un rafforzamento del contributo provinciale a partire dal secondo figlio.

 

"Con oggi si parte - spiega soddisfatto Alessandro Olivi - l'assegno unico è una misura nuova perché tiene dentro allo stesso contenitore tre grandi obiettivi: il contrasto alla povertà, il sostegno alle famiglie e alla natalità, ed il sostegno all'invalidità".

 

Quattro gli obiettivi su cui la Giunta ha "tarato" questo strumento che rappresenta un unicum in Italia:

  • universalità, perché l'assegno unico non è categoriale, ma interessa tutti coloro che manifestano particolari situazioni di bisogno; 
  • equità, per incidere anche sulle nuove forme di disuguaglianza, generate in particolare dalla precarietà della condizione lavorativa:
  • efficacia, perché la misura incoraggia le persone a migliorare la loro posizione;
  • semplificazione, a vantaggio sia dei cittadini sia dell'amministrazione, chiamata a a valutare le diverse situazioni e ad erogare le prestazioni previste.

"Non si tratti di una misura meramente assistenziale - spiega Olivi - e questo lo si evince pienamente dai contenuti del patto di servizio che i beneficiari sono chiamati a sottoscrivere, che prevede non solo percorsi per il reinserimento lavorativo ma anche percorsi mirati di cittadinanza attiva, conformemente al profilo e ai bisogni degli interessati (con particolare riferimento alle categorie più esposte come giovani, donne che hanno perso l'impiego magari in seguito ad una maternità, stranieri e così via)".

 

L'universalità e l'equità, i principali pilastri della riforma, vengono garantiti da una scelta fondamentale, l'individuazione di un indicatore unico, l'Icef, ma prevedendo soglie diverse a seconda dell'obiettivo: 0,16 per il sostegno al reddito, 0,30 per il sostegno garantito alle famiglie con figli, 0,40 per le misure riguardanti gli asili nido.

 

"Avere adottato un unico indicatore di ingresso - sottolinea ancora il vicepresidente Olivi - significa avere individuato nell'equità sociale la nostra 'stella polare', la nostra guida principale. Le novità che abbiamo introdotto in questa fase finale ne sono un'ulteriore conferma. A partire da quelle per le famiglie con figli piccoli per l'accesso ai servizi della prima infanzia".

 

"Oggi - continua l'assessore - l'accesso al nido per il primo figlio non può costare più 250 euro per coloro che percepiscono redditi alti e 40 euro per i redditi bassi. La novità ora è che dal secondo bambino, indipendente dall'Icef, la soglia massima di spesa scende a 150 euro".

 

"Abbiamo inoltre tenuto conto del precariato - spiega Olivi - problema che non si risolverà immediatamente anche a fronte di una crescita del Pil, e nonostante le ultime rilevazioni parlino di un aumento dei contratti di lavoro a tempo indeterminato: in una famiglia con figli, all'eventuale venir meno del reddito familiare, in tutto o in parte, prevediamo che qualsiasi sia il costo sostenuto per l'asilo nido esso venga ridotto del 50%".

 

Infine è stato previsto un rafforzamento del contributo provinciale per chi ha bambini, a partire dal secondo figlio, ricalibrando la scala di equivalenza. Verrà garantito quindi un aumento del contributo, a parità di Icef, proporzionale all'aumento dei figli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 11:59

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha confermato la zona “rosso scuro” per Trentino e Alto Adige ma fa il suo ingresso anche l’Emilia-Romagna. In questi territori l’incidenza, calcolata su due settimane, supera i 500 casi ogni 100.000 abitanti

04 marzo - 13:15

Dalle ore 24 di giovedì 4 marzo fino al 14 marzo, tutta la Lombardia sarà in zona "arancione rinforzato". La giunta ha infatti deciso di eliminare ogni differenza tra le aree, così da preservare quelle province meno interessate dai contagi. Il presidente Attilio Fontana: "Tutte le scuole di ogni ordine e grado, eccetto i primi servizi all'infanzia, dovranno sospendere l'attività in presenza"

04 marzo - 12:55

L’azienda SynapsEES, all’interno di Progetto Manifattura a Rovereto, ha elaborato un innovativo sistema di sanificazione dell’aria per prevenire la diffusione del Covid 19 negli ambienti chiusi e molto frequentati come scuole, teatri, uffici e ospedali. Il fondatore: “L’aria contaminata è uno dei principali veicoli di trasmissione del virus, per prevenire il contagio è molto importante immettere aria sana negli ambienti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato