Contenuto sponsorizzato

Finstral il colosso delle finestre con oltre 1.400 dipendenti: "Il segreto del nostro successo? Facciamo tutto noi, dal prodotto grezzo a quello finito"

Ci sarà anche l'azienda della famiglia Oberrauch alla Fiera Campionaria del Renon di Collalbo. Un'impresa partita con i mobili oggi leader nel settore delle finestre e delle verande

Di spazio autogestito - 05 August 2017 - 19:14

COLLALBO. Tutto è cominciato dai mobili. Adesso è uno dei colossi europei nel campo della produzione delle finestre. Stiamo parlando della Finstral, fondata da Hans Oberrauch, che inizialmente produceva, appunto, mobili. L’esperto falegname riconobbe subito i vantaggi insiti nella produzione di finestre in materiale plastico e così cominciò a specializzarsi sempre di più in questo campo. Oggi con 1.400 collaboratori Finstral fattura 190 milioni di euro all'anno. E Finstral sarà dall'11 al 15 agosto una delle settanta aziende di artigiani, agricoltori, commercianti, industriali presenti con il loro stand alla settima edizione della Fiera Campionaria del Renon a Collalbo. 

 

E proprio a Collalbo l'azienda altoatesina ha una nuova fabbrica per la produzione di verande: uno dei 14 stabilimenti diffusi in tutta Europa, anche se il centro nevralgico dell'impresa resta Auna di Sotto sul Renon. Da qui la famiglia Oberrauch gestisce e amministra l'azienda.

 

Finstral dispone inoltre di un proprio laboratorio per i controlli qualità. “Facciamo tutto noi, dal prodotto grezzo fino alla finestra finita o alla veranda costruita su misura”, spiega Luis Oberrauch, al timone dell’azienda assieme alla seconda generazione della famiglia. La ricetta del successo si nasconde nella produzione, rigorosamente interna. 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 March - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 March - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato