Contenuto sponsorizzato

Il Caffè letterario Predara (l'attuale Bookique) su piazza: aperto il bando pubblico

L'asta pubblica del Servizio cultura, turismo e politiche giovanili del Comune di Trento per il Caffè parte da un valore a base di gara di 10 mila e 264 euro, corrispondente al canone annuo di affitto. L'appalto è di nove anni e prevede l'organizzazione di attività culturali

Di Luca Andreazza - 13 giugno 2017 - 20:43

TRENTO. Nove anni di contratto per 92.376 euro iva esclusa, che si traduce nel canone annuo di concessione posto a base di gara di 10.264 euro dall'1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2026. Torna 'su piazza' il Caffè letterario Predara (l'attuale Bookique). E' stata infatti indetta l'asta pubblica dal Servizio cultura, turismo e politiche giovanili del Comune di Trento. Il termine per presentare le offerte è il 10 luglio alle 12, mentre la seduta di gara è il 12 luglio alle 9 (Qui info e bando completo).

 

La concessione del Caffè letterario Predara prevede la gestione del servizio di caffetteria/ristorazione e la somministrazione di alimenti e bevande (escluso i superalcolici e alcolici oltre i 21 gradi), oltre alle proposte di attività artistico-culturali, intellettuali, spettacoli e intrattenimento, in particolare rivolti ad un pubblico giovane.

 

Il Caffè letterario Predara si propone, infatti, come luogo di ritrovo in grado di coniugare gli aspetti artistici e intellettuali con l’intrattenimento, dove l’attività commerciale convive con le proposte culturali: uno spazio multifunzione destinato agli eventi, senza dimenticare l'obbligo di allestire, all'interno dell'unità immobiliare il 'punto mamma/bambino' per permettere alle madri di allattare gratuitamente i loro bimbi in un'atmosfera di accoglienza, riserbo e discrezione. 

 

Nel Caffé è inoltre vietata l’installazione e l’uso di apparecchi per il gioco d’azzardo e il concessionario è obbligato ad eseguire in proprio la gestione del bar e l’organizzazione e la promozione del programma culturale: vietata infatti la cessione totale o parziale a terzi.

 

Il Caffè è collocato a nord del parco pubblico della Predara e si articoli su due piani e quattro spazi. Il piano terra (97,66 metri quadri arredati e attrezzati) è dedicato alla somministrazione di alimenti e bevande, senza dimenticare esposizioni, spettacoli, letture, incontri pubblici e tutte quelle attività inserite nel progetto culturale.

 

Il primo piano (109,22 metri quadri e corredato di attrezzatura espositiva minimale) può ospitare attività e spettacoli, tenendo conto dei limiti della capienza consentita dalla normativa in materia di agibilità dei locali destinati all’uso di pubblico spettacolo (affollamento massimo 75 persone).

 

Il giardino antistante è di 257 metri quadri e arredato con tavoli e sedie, quindi è infine presente uno spazio coperto, posto a sud di 34 metri quadri a piano terra compresi i servizi igienici e di 35 metri quadri al primo piano-sottotetto, tutto destinato a servizi e magazzino. 

 

Possono partecipare all'asta pubblica i soggetti interessati, in possesso dei requisiti dettagliatamente descritti nell'avviso pubblicato sul sito del Comune. La concessione avverrà con aggiudicazione al soggetto che avrà presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa per l’amministrazione.

 

Ai fini della presentazione dell'offerta è facoltativa l'effettuazione di un sopralluogo presso l'immobile, negli orari di apertura del Caffé, previo accordo con l'Ufficio Politiche giovanili. La richiesta di effettuare il sopralluogo deve essere inviata all'indirizzo pec servizio.cultura-turismo@pec.comune.trento.it, entro il 14 giugno 2017. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 18:42

Il presidente ha confermato l'intenzione di proseguire con le lezioni in presenza. Ferro ha raccomandato di arieggiare gli spazi chiusi e mantenere le distanze sociali: ''Non ci rendiamo conto di quanto sia stressato il nostro sistema sanitario per questo aumento dei ricoveri che temo per i prossimi 10 giorni non potranno che aumentare''

03 marzo - 18:37

Il rapporto contagi/residenti a Giovo continua a rimanere sopra il 3% così il presidente della Pat firmerà a breve l’ordinanza per far scattare nuove misure. Fugatti: “Per le scuole medie non cambia nulla per il resto si applicano le restrizioni da zona rossa”. L’ordinanza in vigore da alla mezzanotte di giovedì

03 marzo - 18:15

Il contagio torna a mettere in difficoltà il sistema sanitario in Trentino con 47 ricoveri in terapia intensiva (il massimo della seconda ondata era stato 53) e altre 3 persone in alta intensità. Chiuse altre 6 classi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato