Contenuto sponsorizzato

Quid hotel, gli albergatori: "Monitoriamo per non perdere qualità e competitività, ma non sono iscritti alle associazioni di categoria"

Hnh Trento presenta una perdita di circa 600 mila euro in 5 anni e un rosso di 22 mila euro sul bilancio 2015. La società ha chiesto una riduzione dell'affitto degli immobili, ma per ora Sgr Castello e Interbrennero rifiutano

Di Luca Andreazza - 09 dicembre 2016 - 15:23

TRENTO. Il Quid hotel e il Ristorante Mover potrebbero cessare l'attività a inizio anno. "Sarebbe una grave perdita - dice Natale Rigotti, presidente della sezione di Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi dell'associazione albergatori e delle imprese turistiche Asat -. Questo hotel ha un'offerta diversa rispetto a tante strutture cittadine e una garanzia di richiesta importante. Si tratta di problemi legati al contratto di affittanza che incidono sull'utile dell'esercizio".

 

"Le imprese Hnh hanno richiesto - conferma Stefano Picchettisegretario di UilTucs - la riduzione dei canoni di locazione, ma i proprietari dell'immobile hanno negato questa opportunità e davanti alla gestione economica deficitaria per l'attuale congiuntura del settore, l'unica strada che il Quid hotel e il ristorante Mover possono perseguire è la cessazione delle attività".

 

I proprietari delle pareti sono rispettivamente Sgr Castello per l'hotel quattro stelle e Interbrennero per la parte ristorativa, mentre Hnh Trento srl è proprietaria degli arredi, dell'attrezzatura e di tutto ciò che si trova all'interno delle mura in questione: "La società Hnh - dice la UilTucs - titolare di entrambe le attività, ha presentato una gestione in perdita di circa 600 mila euro in cinque anni e un conto in rosso di 22 mila euro sul bilancio del 2015. Alla richiesta di usufruire di canoni agevolati per contenere la perdita, Sgr Castello e Interbrennero si sono sfilate e l'unico scenario ora è la chiusura di queste attività".

 

Il Quid hotel è una struttura alberghiera certificata dalla Provincia come quattro stelle, affiliata al marchio Best Western e che ogni anno raggiunge il massimo del punteggio del noto brand per i servizi e gli standard di qualità molto alti che lo staff in larga maggioranza trentino e dall'età media di circa 30 anni propone quotidianamente.

 

"Cercheremo di monitorare la questione - conferma il numero uno di Asat - soprattutto perché sono in ballo 32 lavoratori. Purtroppo le difficoltà non mancano e dobbiamo fare un quadro della situazione, in quanto la società non è parte della nostra associazione. Quando la struttura ha aperto, abbiamo proposto di partecipare e aderire alle proposte di Asat. Personalmente avevo anche nominato la direttrice del Quid hotel, che stimo e reputo molto brava, all'interno del nostro direttivo, ma purtroppo Hnh non ha mai voluto iscriversi. Adesso è necessario capire le intenzioni della proprietà e delle parti in campo per non perdere qualità e competitività".

 

"Si tratta - conferma Gianni Bort, presidente dell'Associazione albergatori Unat - di un fulmine a ciel sereno e cercheremo per quanto possibile di verificare e far pervenire le nostre valutazioni e il nostro sostegno, anche se questa realtà non è iscritta alla nostra associazione. Attualmente infatti Hnh e il Quid hotel sono un punto estraneo a Unat, come spesso accade ai marchi legato alle grandi catene nazionali o internazionali. In questa prima fase non possiamo far altro che cercare di capire anche noi quanto accade".

 

Intanto però si fanno insistenti le voci dell'arrivo della catena B&B hotel per la struttura ricettiva e di potenziali acquirenti per la parte ristorativa, realtà che però hanno diritto a non esercitare la riassunzione del personale e non presentano inoltre la possibilità di ricollocare tutti i lavoratori che rischiano il proprio posto.   

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

29 settembre - 19:53

Ieri pomeriggio un mezzo pesante ha causato un incidente sulla strada statale 350. A rimanere bloccata anche un'ambulanza che in codice rosso da Serrada stava raggiungendo l'ospedale di Rovereto. I sanitari sono stati costretti a invertire la marcia e scegliere un'altra strada allungando il viaggio d'emergenza 

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato