Contenuto sponsorizzato

In Regione calano gli stranieri (- 1,3%) ma aumentano le imprese gestite da non italiani (+11%)

I cittadini immigrati in Trentino Alto Adige incidono per il 9,3% del Pil nonostante abbiano un reddito pro capite medio inferiore a quello degli altri stranieri residenti nel resto del Paese

Di Giuseppe Fin - 18 ottobre 2016 - 08:31

TRENTO. Sono quasi 95 mila gli stranieri residenti in Trentino Alto Adige con un'incidenza sul totale della popolazione del 9%, in calo negli ultimi due anni dell'1,3%.

 

Se fossero un'azienda, però, rappresenterebbero quella più importante presente sul nostro territorio. Basti pensare che nel 2015 i cittadini immigrati in regione hanno inciso per il 9,3% del Pil pari a 3 miliardi e 255 milioni di euro.

 

I dati emergono dal Rapporto annuale sull'economia dell'immigrazione 2016 della Fondazione Leone Moressa. I ricercatori della fondazione hanno configurato un indice di attrattività migratoria, basato su fattori di integrazione e di benessere, rispetto al quale in Italia (come in altri Paesi, tra cui la Grecia) emergono elementi di differenziazione tra cittadini nativi e non, quali il reddito, la scarsa mobilità sociale, l’alto rischio di povertà.

 

Se analizziamo i dati che si riferiscono alle imprese straniere presenti in Trentino Alto Adige possiamo vedere che nel 2015 sono state 7.217, valori superiori solo al Molise (2.048), Basilicata (1.988) e alla Valle d'Aosta (665), inferiore a una regione simile, per dimensioni, alla nostra, come l'Umbria che ne ha 8.087.

 

Occorre notare però la crescita che le attività imprenditoriali hanno registrato dal 2011 al 2015. Se attualmente l'incidenza delle imprese straniere in regione, sul totale di quelle esistenti, è del 6,6%, negli ultimi cinque anni la loro crescita è stata dell'11% rispetto invece ad una variazione negativa dell'1% delle imprese italiane. Sono quasi 12 mila, invece, gli imprenditori stranieri.

 


 

Dati meno positivi si possono registrare per quanto riguarda l'occupazione degli stranieri nella nostra regione. I disoccupati non italiani in Trentino Alto Adige, infatti, incidono sul totale dei senza lavoro per il 31,2%. E' l'incidenza maggiore rispetto a tutte le altre regioni italiane. A dimostrare la situazione negativa è anche il tasso di disoccupazione. Per gli “autoctoni” è del 4,1% mentre per gli immigrati è 4 volte superiore e si arriva al 16%.

 

Sul piano del gettito fiscale, nel 2014 i contribuenti stranieri sono stati 125.255, pari al 15,2% del totale, con un volume Irpef pari a quasi 220 mila euro.

 

L'ultimo valore analizzato dai ricercatori dalla Fondazione Leone Moressa riguarda il reddito procapite. Anche in questo caso si verifica una divergenza molto ampia tra il valore medio degli stranieri che è di circa 12 mila euro e quello degli italiani che è quasi il doppio, 23 mila euro. Un dato che se paragonato a quello nazionale mostra che gli stranieri presenti sul nostro territorio hanno un reddito medio pro capite inferiore a quello della media del resto del Paese (che è di 13.288 euro) mentre quello degli autoctoni è superiore a quello degli altri italiani (che è di 20.993 euro).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 marzo - 16:51

Sono stati analizzati 1.166 tamponi tra molecolari e antigenici. Sono 232 i pazienti ricoverati in ospedale. Oggi 297 guarigioni

01 marzo - 16:11

Quando si entra in quarantena ci sono delle regole da rispettare per lo smaltimento dei rifiuti ma una famiglia ha avuto una brutta sorpresa: “L’ultima bolletta è altissima, ci sono stati chiesti circa 26 euro per ogni svuotamento effettuato, ci sentiamo presi in giro”

01 marzo - 12:56

Il ministro della salute ha spiegato, durante la presentazione dei dati del Programma nazionale Esiti, la situazione per l'apparato sanitario: da un lato lo sguardo deve andare al domani e al servizio sanitario universale ma dall'altro c'è il problema imminente della pandemia e di una terza ondata che pare sempre più una realtà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato