Contenuto sponsorizzato

Rinnovi: la Giunta sblocchi la contrattazione

Cisl: "Serve per rilanciare il nostro importante sistema dei servizi come volano per l'impresa. La stabilità dei posti di lavoro pubblici e privati deve essere una priorità"

Cisl - Funzione pubblica | spazio autogestito
Di Cisl Fp Trentino, spazio autogestito - 01 settembre 2016 - 00:58

TRENTO. Un contratto a dir poco "magro”, con poche risorse disponibili, l'Apran per conto della Giunta il mese scorso ha rilanciato un percorso che non ci convince, e abbiamo registrato una incomprensibile chiusura del Presidente, che stride fortemente in considerazione delle recenti aperture del Governo sul rinnovo contrattuale, in cui ribadiamo che dopo sette anni di blocco l’assegnazione da parte della Giunta di risorse esigue, insufficienti per un rinnovo dignitoso del vigente contratto. L'Autonomia della nostra Provincia deve tener conto dell’influenza positiva sul PIL del Trentino derivante dalla qualità dei servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione alla collettività.

 

Da tempo come Cisl Fp Trentino chiediamo, a gran voce, alla Giunta Provinciale di dare avvio allo sblocco della contrattazione con risorse adeguate e che dovevano essere accantonate in appositi fondi, in particolare modo quelle che danno corso alle progressioni.

 

Ora l’ammontare degli aumenti, che si aggirano sui 60 euro lordi pro-capite a regime 2017 portano ad un aumento netto che va dai 29 ai 34 euro, di cui una parte sono già in possesso dei lavoratori perché stanziati già nel Foreg 2011 per i 32.200 dipendenti, al di là delle dicerie gli stipendi vanno secondo la nostra elaborazione dai 21.000 ai 27.000 euro lordi, tradotto per la stragrande maggioranza dei lavoratori gli stipendi vanno dai 1.150 ai 1.600 euro netti, quindi è palese come tale stanziamento risulti essere assolutamente insufficiente.

 

In una realtà dinamica come quella odierna, funzionalità, efficacia, efficienza, economicità ed equità dei servizi non si perseguono con la riduzione dell’autonomia delle persone, ma riconoscendo loro una maggiore autorità decisionale. I servizi si innovano sviluppando un’innovazione organizzativa che passa attraverso capacità di ascolto, coinvolgimento, confronto, condivisione (dei problemi e delle soluzioni).

 

Che vuol dire, da un lato, co-progettazione dei servizi, cioè pianificazione e organizzazione delle risorse professionali, materiali e infrastrutturali intorno alle persone, in modo da rendere più soddisfacente l’esperienza di ogni servizio pubblico in termini di qualità, facilità d’uso e interazione con chi lo eroga; dall'altro “innovazione dal basso” fatta con i lavoratori pubblici attraverso la leva contrattuale, spostando il baricentro delle decisioni più a contatto con le esigenze quotidiane, nei territori e nei luoghi di lavoro. Cioè accorciando le distanze tra l’astrattezza di un comando di legge che opera indifferenziato per tutte le realtà coinvolte e la concretezza di un contratto che garantisce adeguata flessibilità organizzativa per il migliore raggiungimento di obiettivi condivisi.

 

Per questo, attraverso contratti innovativi che valorizzino professionalità, competenze e motivazioni delle persone, vogliamo aprire una nuova stagione di sviluppo e di crescita. Tutte le innovazioni auspicate e sopra descritte saranno possibili solo con idonei stanziamenti da parte della Giunta Provinciale, non sono accettabili gli investimenti ipotizzati, di questo si tratta investimenti che, se di adeguato ammontare, porteranno ad una crescita che avrà incontrovertibilmente positive ricadute in ambito gestionale e sui servizi erogati alla collettività. Dobbiamo anche considerare un altro “effetto collaterale” del reiterato blocco del contratto che porterà, a causa della staticità delle retribuzioni, il che avrà effetti, ovviamente negativi, all'atto della quiescenza dei lavoratori.

 

Oggi noi della Cisl Fp Trentino non registriamo niente di tutto questo, anzi si è fatto passare tutto il 2016 senza una progettualità, senza obiettivi concordati con il sindacato, ma anzi si è tradotto il tutto in attacco dall'interno al sistema pubblico.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

23 settembre - 19:31

Mosaner e Betta non vincono al primo turno e sono costretti a un insidioso ballottaggio. Malfer e Parisi hanno la possibilità di influenzare pesantemente il voto del 4 ottobre, mentre la Lega si giocherà il tutto per tutto puntando forte su Santi e Bernardi. Nell’Alto Garda domina l’incertezza

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato