Contenuto sponsorizzato

Uscita dell'A22 di Affi, si cambia: la rotatoria sarà ampliata e verranno creati più parcheggi

L'obiettivo dei lavori, già avviati da Autostrada del Brennero (e che termineranno entro l'anno) è quello di migliorare la viabilità troppo spesso ingolfata e rallentata. Tra le opere in progetto anche l'adeguamento degli innesti alla stazione e alle altre strade provinciali

Pubblicato il - 09 aprile 2017 - 16:51

AFFI. Sta per arrivare l'estate e come ogni anno l'uscita autostradale di Affi tornerà ad essere uno dei punti più critici dell'intero asse dell'A22. La "porta d'accesso" per il Garda per tutto il traffico proveniente dal Centro e Nord Europa l'anno scorso ha visto transitare 9 milioni di veicoli, 25 mila, in media, ogni giorno, con un aumento rispetto al 2015 del 4,5% di traffico. E allora diventano sempre più necessari interventi di miglioramento della viabilità, troppo spesso, ingolfata e rallentata in quel punto. Negli scorsi giorni i vertici di A22 e quelli del Comune di Affi hanno presentato il progetto di riqualificazione della viabilità in uscita dall'Autostrada.

 


 

Un investimento da 1,4 milioni di euro che, come ha precisato il direttore tecnico generale di A22 Carlo Costa "adeguerà l’infrastruttura viaria al volume di traffico registrato nell’area". "Sono stati individuati più sotto cantieri per limitare le interferenze con il traffico veicolare - ha spiegato Costa - e assicurare la viabilità per tutta la durata dei lavori che si concluderanno entro il mese di ottobre". Attualmente sono in corso i lavori per l'allargamento del tratto di strada che collega la rotatoria antistante la stazione autostradale con quella più grande sulla strada regionale 450 Affi-Peschiera.

 

Passerà da una a due corsie di 3,25 metri ciascuna e sarà dotato di nuove barriere di sicurezza e di sistemi per la raccolta e lo scarico delle acque. Anche gli accessi alle strutture commerciali saranno adeguati alla nuova configurazione di tracciato. Successivamente sarà ampliata la rotatoria autostradale che passerà da una a due corsie di marcia, ciascuna di 4 metri, oltre ad una interna, zebrata, di 3,5 metri. I lavori prevedono, infine, a nord della rotatoria, la realizzazione di un nuovo parcheggio con 105 posti auto.

 

All’interno sarà realizzato un sistema di raccolta delle acqua meteoriche. I passaggi pedonali del parcheggio saranno provvisti di un impianto d’illuminazione “safety cross” per la rilevazione e la segnalazione della presenza di pedoni. A22 riconfigurerà, inoltre, il parcheggio, che dispone di 40 posti auto, situato in corrispondenza dell’immissione sulla strada che conduce alla strada regionale 450. Queste aree parcheggio vanno a sommarsi a quella posta all’uscita della stazione autostradale dotata di  49 stalli, oltre ai posti dedicati alle vetture elettriche. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Affi Bonometti secondo cui "grazie al riassetto della viabilità il traffico sarà decisamente più razionale e scorrevole".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato