Contenuto sponsorizzato

Voucher, in Trentino-Alto Adige utilizzati buoni-lavoro per sei milioni di euro nel 2016. Incremento soprattutto nel commercio e nel turismo

I dati da uno studio della Uil. "Sono mancate da parte della stessa normativa, misure che potessero prevenirne gli abusi".

Di Donatello Baldo - 31 dicembre 2016 - 18:04

TRENTO. E’ un’analisi, quella che propone la Uil, che percorre tutti gli anni di effettiva applicazione dello strumento di pagamento tramite voucher, fotografando sia la quantità di buoni-lavoro venduti per territorio, sia la consistenza di utilizzo nelle varie attività d’impiego, con una proiezione dei dati per l’anno 2016.

 

"Già nei due precedenti Rapporti - scrive il sindacato - abbiamo segnalato con preoccupazione che tale istituto può presentare un alto rischio di abuso e distorsioni nell'applicazione reale. Abbiamo sviluppato un’analisi sia sulla vistosa tendenza di crescita di questo strumento, sia “dove” (aree territoriali e settoriali) si é manifestato maggiormente tale incremento".

 

Quello che salta all'occhio è che si sta prefigurando, secondo la Uil, "non tanto un’emersione dell’economia dei lavoretti, bensì un’immersione di attività regolate da contratti, certamente flessibili, ma sicuramente “garantisti” per il lavoratore in termini di protezione sociale, previdenza, garanzie occupazionali".

 

In testa alla classifica della Regioni che utilizzano maggiormente i buoni-lavoro c'è la Lombardia, ultimo il Molise. Al secondo posto il Veneto, poi Emilia Romagna, Piemonte, Toscana, Lazio Puglia, Friuli Venezia Giulia e Marche. Il Trentino-Alto Adige a metà strada, al 10° posto. Dopo mdi noi tutto il Sud e la Valle d'Aosta al penultimo posto.

 


 

Dai dati riportati, in Trentino-Alto Adige nel 2016 si stima che siano stati venduti voucher per un valore di quasi sei milioni di euro, 5.814.718 per la precisione. Con un incremento costante negli ultimi anni sempre in positivo: Nel 2008 ne sono stati venduti per soli 15 mila euro, l'anno successivo il salto a quasi 250 mila. 

 


 

Questo in termini assoluti. Ma se si guarda l'avanzamento percentuale rispetto all'introduzione del sistema dei voucher l'incremento è notevole. Tra il 2008 e l'anno successivo l'aumento è stato del 1.317%. Del 240% tra il 2009 e il 2010 per popi attestarsi attorno al 50% medio di incremento annuo fino al 21% di incremento percentuale rispetto all'anno scorso.

 


 

Non è possibile scorporare il dato provinciale e non si può nemmeno analizzare, per realtà territoriale, i settori in cui il voucher è maggiormente impiegato. Possiamo però guardare il dato nazionale e mettere in risalto alcuni aspetti. La voce "Altre attività" comprende edilizia, industria, artigianato, logistica e trasporti, consegne porta a porta eccetera, e lì si usano i voucher per più di 73 milioni di euro. Seguono i comparti maggiormente definiti: turismo, commercio, servizi, in cui - rispettivamente - si consumano voucher per 20.748 mila euro, 18.392 mila euro, 14.879 mila euro.

 

Quindi giardinaggio e pulizia (5.736.123 euro), manifestazioni sportive e culturali (5.590.828 euro), lavori domestici (4.753.839 euro) e chiude l'attività agricola con 2.186.681 euro. E l'incremento maggiore, oltre al 50% della categoria "Altre attività", si registra nel turismo e nel commercio. 

 


 

"La legislazione - spiega la Uil -  ha ampliato, volta per volta, la disciplina normativa del lavoro accessorio, conferendo a qualunque tipo di committente enormi possibilità di utilizzo fino a quella di mascherare, dietro a questo istituto, prestazioni di  natura subordinata. Inoltre, sono mancate da parte della stessa normativa, misure che potessero prevenirne gli abusi".

 

"Dalle scelte che si sono susseguite negli anni (Governi Berlusconi e Monti) era prevedibile - continua il sindacato - lo snaturamento dell’originaria finalità virtuosa dell’istituto: dare legittimità a rapporti di lavoro, occasionali (ogni tanto) e accessori (non insiti nella ragione sociale dell’impresa) che nella stragrande maggioranza dei casi venivano regolati informalmente".

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 05:01

La vicenda legata alla chiusura del quotidiano di via Sanseverino resta molto complicata: i giornalisti non sono in cassa integrazione perché non funziona come nel 1800 che il padrone chiude e buona notte. Gli abbonamenti sono stati convertiti con quelli del giornale fino a ieri concorrente senza possibilità di rimborso e non si capisce chi sia il direttore del sito (che Ebner e la proprietà altoatesina hanno detto di voler rilanciare) visto che intanto vi lavorano persone dell'Adige, dell'Alto Adige e un fortunato ex del Trentino

19 gennaio - 19:52
Sono 317 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 5 decessi, mentre sono 22 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività
19 gennaio - 22:21

I senatori di Italia Viva, come annunciato nel corso del pomeriggio, si sono astenuti dal voto. Alla fine il Governo è riuscito ad incassare la fiducia anche al Senato ma non c'è la maggioranza assoluta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato