Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il Trentino in 'Zona rossa' e la rabbia delle attività economiche: ''Si doveva evitare, per tanti di noi sarà la mazzata finale''

Per la Fipet, Massimiliano Peterlana: ''E' il fallimento della politica''. I Pubblici esercizi di Confcommercio: ''Tutto questo ci annienterà''. Tra le richieste l'arrivo veloce dei ristori, Villotti: ''Se non arrivano subito tantissimi imprenditori già in difficoltà non ce la faranno'' 

Di G.Fin - 14 marzo 2021 - 19:02

TRENTO. “Per tanti di noi sarà la fine. La situazione è drammatica così si annientano intere categorie”. Delusi dalla politica, dagli interventi annunciati ma mai visti, dalla mancanza di soluzioni e di poco ascolto. Per tante attività economiche la “Zona rossa” nella quale entrerà il Trentino a partire da lunedì 15 marzo è un “dramma che si doveva evitare”.

 

Le limitazioni saranno portate avanti fino a Pasqua e vanno a colpire un tessuto economico già molto provato. “Per noi è un'ulteriore botta in testa – ci spiega la presidente dell’Associazione dei pubblici esercizi del Trentino di Confcommercio, Fabia Roman – perché significa annientarci. Gran parte delle nostre attività rischiano davvero di non esserci più dopo queste settimane di zona rossa”.

 

In questi mesi in tanti hanno deciso di chiudere i battenti. “C'è chi non ha avuto la possibilità di avere i ristori perché aveva appena aperto e chi invece li sta ancora aspettando”.

 

La soluzione dell'asporto risolve, purtroppo, pochi problemi. “Si riesce a fare appena il 5 – 10%. “Con quello che si incassa – spiega Roman – non riesci certamente a pagare spese e tanto meno i dipendenti. Quello che chiediamo è che questi ristori arrivino in fretta”.

 

Parole simili arrivano anche dal presidente di Confesercenti Renato Villotti. “Piuttosto di una zona rossa generalizzata – spiega – avrei preferito degli interventi chirurgici su determinati territori dove assistevamo ad un aumento dei contagi. Purtroppo, invece, non è stato così e la situazione è davvero difficile”.

 

Moltissimi imprenditori sono in difficoltà, “E gli aiuti devono essere dati presto perché in caso contrario finiremo molto male” continua Villotti. “ Siamo delusi di una situazione per la quale non vediamo la fine. Speriamo e ci auguriamo che le vaccinazioni si facciano con senso organizzativo in tempi stretti per riuscire a vedere la luce”.

 

La situazione è quella che stanno vivendo tutte le categorie, dai bar, i ristoranti fino ai tanti ambulanti colpiti dal blocco delle fiere e dei mercati. “Se non interveniamo presto perderemo tanti imprenditori perché non hanno più l'energia e nemmeno le disponibilità finanziare per andare avanti”.

 

Parole dure anche da Massimiliano Peterlana presidente di Fiepet. “Sono deluso da questa situazione – afferma – l'ennesimo lockdown è una sconfitta della politica che è in ritardo. La situazione economica e psicologica sarà insostenibile dopo queste settimane e sicuramente non dovevamo arrivare qui”.

 

Chi si aspettava un cambio di passo dal nuovo Governo sembra essere rimasto deluso. “Lo attendevamo ma non lo abbiamo visto – spiega Peterlana - ho l'impressione che non abbiano capito quello che sta accadendo oltre al fatto che la pandemia è fuori controllo”.

 

E sui ristori ormai per alcuni si respira aria di rassegnazione. “Siamo ormai stanchi di discutere e di chiedere – conclude Peterlana – bisognava intervenire prima. Ora ci troviamo con una situazione degli ospedali molto grave. L'unica speranza è che questa ennesima 'Zona Rossa' sia una soluzione definitiva. In caso contrario vediamo solo disperazione”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 novembre - 20:00
Trovati 111 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 33 guarigioni. Sono 50 i pazienti in ospedale. Sono 835.235 le dosi di [...]
Cronaca
28 novembre - 18:26
Il presidente di Patrimonio del Trentino Spa, Andrea Villotti, avrebbe preso in consegna una Porsche Macan da 90mila euro sequestrata [...]
Cronaca
28 novembre - 18:20
Sono diversi gli interventi messi in campo dai vigili del fuoco dell'Alto Adige a causa della neve. L'appello ai guidatori è quello di fare [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato