Contenuto sponsorizzato

Crisi economica, frena la caduta del fatturato (da -14% a -9%). Spinelli: ''Segnali positivi. Il sistema trentino ha tenuto alla pandemia''

Mentre segnano perdite prossime o superiori al 50% i ristoranti-bar, le attività sportive-ricreative-di intrattenimento, il ricettivo e il 98,9% il settore degli impianti a fune l'assessore allo sviluppo economico vede aspetti positivi: ''Turismo e settore ricettivo stanno attualmente registrando un livello di prenotazioni per luglio e agosto superiore a quello del 2020''

Di L.P. - 01 giugno 2021 - 17:59

TRENTO. Il fatturato complessivo delle imprese è calato del 9% con un forte impatto in termini di occupazione contenuto dal blocco nazionale dei licenziamenti. Alla caduta dei ricavi per ristoranti-bar e quasi totale per il ricettivo e gli impianti a fune, fa da contraltare il buon andamento del manifatturiero (+9,2%) e delle esportazioni trentine tornate a crescere (+8,6%). Questo in sintesi il quadro emerso dai dati presentati alla camera di commercio di Trento relativi al primo semestre del 2021 che, di fatto, hanno strappato più di un sorriso all'assessore allo sviluppo economico Achille Spinelli: ''Ci sono segnali positivi che colgo più forti in questa indagine. Il sistema economico trentino ha tenuto alla pandemia grazie alla sua diversificazione e alla performance del manifatturiero''.

 

In questo primo trimestre i settori che hanno manifestato le maggiori contrazioni di fatturato su base tendenziale, con riduzioni prossime o superiori al 50%, sono i ristoranti-bar, le attività sportive-ricreative-di intrattenimento, il ricettivo e il settore degli impianti a fune, che ha perso quasi la totalità del fatturato (-98,9%). Meno marcata la perdita per i servizi alla persona (-14,1%), che non sono stati interessati da provvedimenti restrittivi così severi.

I settori tradizionalmente indagati dall’indagine congiunturale presentano invece variazioni in aumento, ad eccezione del commercio al dettaglio (-6,3%).

 

I trasporti si connotano per una dinamica pressoché stagnate (+0,4%), mentre gli altri comparti presentano variazioni positive più sostenute; di particolare rilevanza quella che riguarda il manifatturiero (+9,2%), che risulta essere già in piena ripresa. Complessivamente, considerando tutti i settori investigati nell’indagine, la stima della variazione tendenziale del fatturato trimestrale è pari a -9,0% mentre nel trimestre precedente era stato del -14%.

 

''Conosciamo - ha proseguito l'assessore - le difficoltà dei nostri settori più esposti, turismo, ristorazione, commercio nelle aree turistiche, servizi collegati. La Provincia di Trento è in campo per intervenire sulle criticità con la legge provinciale 7 e i suoi aiuti. Ci auguriamo però che questa sia l’ultima manovra che si concentra sul sostegno e che le prossime possano essere concentrate su rilancio e investimento. Per mirare alla crescita dimensionale delle nostre imprese, affinché riescano sempre più a competere, esportare, assumere dando salari migliori ai propri dipendenti''. 
 

Incoraggianti anche le opinioni degli imprenditori intervistati sulle prospettive nel prossimo anno. Giudizi che sono destinati a rafforzarsi ora con il miglioramento per il quadro pandemico, l’avanzamento della campagna vaccinale e i segnali di ripresa per tante realtà.

 

''La diversificazione - ha aggiunto Spinelli - è una caratteristica che il Trentino vuole mantenere. Abbiamo visto quanto sia utile sostenere tutti i settori, un insieme che ci dà segnali di crescita e positività per il futuro. Anche il turismo e il settore ricettivo, fortemente colpiti dalla pandemia, stanno attualmente registrando un livello di prenotazioni per luglio e agosto superiore a quello del 2020 quindi le prospettive sono migliori''.

 

L’esame delle criticità connesse alla ripartenza nei diversi settori - a partire dal reperimento dei lavoratori stagionali del turismo, obiettivo a cui mira la raccolta delle candidature lanciata dall’Agenzia del lavoro e che al momento si sta rivelando un flop - si accompagna alle valutazioni strategiche. Un cambio di prospettiva per l’intervento della Provincia a favore del tessuto produttivo trentino è valutato positivamente dall’assessore. La speranza, ha concluso Spinelli, è poter intraprendere nel prossimo futuro un percorso decisamente a favore degli investimenti e della crescita dimensionale delle imprese trentine.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 dicembre - 05:01
Tra le richieste di alcuni genitori vi è la reintroduzione delle 'bolle' già usate in pandemia o un ridimensionamento del numero dei gruppi [...]
Cronaca
04 dicembre - 19:40
Mentre restano stabili i ricoveri e non si segnalano decessi cresce il contagio in provincia. A Trento ci sono 42 nuovi positivi, a Rovereto e [...]
Cronaca
04 dicembre - 20:37
Si sono ritrovati come ogni sabato in piazza Dante, dove nel pomeriggio hanno disturbato il traffico sulle strisce pedonali che conducono alla [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato