Contenuto sponsorizzato

A Trento oltre 300 euro per una stanza, “Agli stranieri? Non si affitta”. Gli attivisti: “La carenza abitativa è già esplosa, chi tiene una casa sfitta deve pagare più tasse”

In quasi tutti i comuni del Trentino il prezzo degli affitti sta aumentando (nell’ultimo anno almeno del 7,14%), in particolare nel capoluogo dove si arriva a pagare tranquillamente più di 16 euro al metro quadro. Organizzazioni degli studenti e attivisti chiedono rispose perché dicono: “L’emergenza casa è già esplosa e per molti e quasi impossibile trovare un alloggio”

Di Tiziano Grottolo - 02 July 2022 - 06:01

TRENTO. “Appartamento per studenti, disponibile a Trento da settembre: affitto 1.000 euro”, “Stanza a uso singolo o doppio per 400 euro” e ancora “Trilocale, 60 metri quadrati, per 3 studenti a 980 euro al mese”. Sono questi gli annunci in cui ci si può imbattere se si cerca una casa nel capoluogo. Prezzi che non sono esattamente alla portata di tutti.

 

La tipologia di persone che cerca un’abitazione nel capoluogo è molto variegata. Ci sono gli studenti universitari (16mila gli iscritti ai corsi di studio secondo i dati ufficiali), i giovani lavoratori e le famiglie. Poi ci sono gli stranieri e i lavoratori a basso reddito per i quali trovare un alloggio è quasi impossibile. È proprio la grande “fame” di abitazioni e le richieste che ormai arrivano tutto l’anno a determinare il maggior potere contrattuale dei locatori. Questo senza contare che in molti preferisco affittare ai turisti che pagano meglio.

 

Il fatto è che i prezzi degli affitti sono costantemente in salita. Come riporta uno studio pubblicato da Papernest, un portale che si occupa di individuare le offerte migliori per i consumatori, tra il 2021 e il 2022, il valore medio degli affitti nella provincia di Trento è aumentato del 7,14%. Di fatto, il prezzo medio degli affitti nel 2020 era di 11 euro al metro quadrato, cifra salita a 11,2 euro nel 2021, raggiungendo i 12 euro al metro quadrato nel 2022.

 

Cifre che combaciano con quella rilevata dal portale di Immobiliare.it che stima in 11,24 euro al metro quadrato il valore medio degli affitti nel comune di Trento. Questi dati però potrebbero essere persino sottostimati perché con una rapida ricerca su alcuni portali specializzati si trovano case in affitto (soprattutto quelle per studenti) a prezzi che superano i 16 euro al metro quadro. Come se non bastasse secondo le previsioni degli esperti i canoni cresceranno ancora.

 

“Il problema degli affitti a Trento è gravissimo”, dice Federico Amalfa coordinatore dell’Udu, l’Unione degli universitari di Trento. “Questa carenza abitativa l’abbiamo vista esplodere l’anno scorso e ora dopo il periodo dei test estivi e con l’inizio delle lezioni a settembre sappiamo che la situazione peggiorerà ulteriormente”. Se è vero che l’Ateneo e l’Opera universitaria stanno progettando nuovi studentati per potenziare l’offerta, fra burocrazia e ritardi si potrebbero perdere importanti finanziamenti. “Ad agosto scade il bando del Ministero dell’Università e della Ricerca per presentare la richiesta per finanziare la costruzione di uno studentato a Piedicastello, il progetto esecutivo è in ritardo e temiamo che non si arrivi mai all’approvazione dell’opera”.

 

Della questione si era interessato anche il consigliere di Futura Paolo Zanella: “L’immobilismo di Patrimonio del Trentino su tutta l’area e le imminenti scadenze previste dal bando ministeriale rischiano di far perdere i 10 milioni di finanziamento, le risposte dell’assessore all’istruzione però sono sempre state evasive”.

 

Il costante innalzamento dei prezzi è stato denunciato anche dall’Assemblea antirazzista che assieme al Centro sociale Bruno e all’Assemblea contro il Carovita, hanno recentemente bloccato lo sfratto di una famiglia. “C’è un innalzamento costante dei prezzi, stiamo cercando di aiutare alcune famiglie ma le agenzie immobiliari ci dicono in partenza che alcuni proprietari non vogliono nemmeno prendere in considerazione la domanda di un cittadino straniero”.

 

Non solo, perché se un tempo come caparra bastavano tre mensilità ora ne vengono chieste fino a sei: “È chiaro che certe cifre sono fuori dalla portata di molti – sottolineano gli attivisti – anche nelle zone periferiche si arriva a chiedere fino a 3.600 euro come cauzione. Per le famiglie poi servono spazi adeguati, un giovane si adatta e può trovare delle soluzioni assieme ad altri connazionali, ma per chi ha figli diventa difficile”. Alcuni stanno trovando degli alloggi nelle Valli ma in questi casi c’è il problema degli spostamenti verso il capoluogo o il posto di lavoro.

 

Per affrontare queste criticità gli attivisti chiedono che venga creato un fondo provinciale per le morosità, oltre a investire per aumentare il numero delle case popolari Itea: “È necessario aumentare la tassazione sugli appartamenti sfitti dei palazzinari di professione”, commentano dall’Assemblea antirazzista.

 

Dal canto suo l’Udu fa sapere di avere in programma una campagna informativa da lanciare assieme alle organizzazioni sindacali degli inquilini: “Gli studenti – dichiara Amalfa – devono conoscere i loro diritti ed essere aggiornati sulle peculiarità di un contratto d’affitto. Abbiamo notato che in molte case le spese condominiali sono triplicate se non quadruplicate ma questo incremento non combacia con il reale aumento del costo dell’energia, alcuni proprietari stanno lucrando sulle spalle degli inquilini”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
14 agosto - 14:50
L’orso era stato curato al Casteller a causa di un investimento, a giugno invece era stato reimmesso in natura e ha mantenuto un comportamento [...]
Cronaca
14 agosto - 15:31
Dalle prime informazioni l'uomo, un 63enne originario di Marostica, che si trovava alla Malga con il fratello e il nipote, si era incamminato per [...]
Cronaca
14 agosto - 15:47
Sono stati trovati 236 positivi a fronte di 1.518 tamponi. Nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono 73 i pazienti ricoverati in ospedale, di cui 1 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato