Contenuto sponsorizzato

Famiglie cooperative in sciopero. I sindacati: “Quasi il 70% dei punti vendita ha aderito”. Riparte la trattativa: ''Posizioni ancora lontane''

Quasi il 70% dei punti vendita ha aderito alla protesta: il 24 giugno nuovo confronto sul contratto. Intanto oggi è arrivata la prima busta paga con il taglio del contratto integrativo, che pesa per 170 euro in meno. I sindacati: “Nei prossimi giorni verranno messe in atto altre azioni di mobilitazione e di protesta” 

Di MOb - 14 giugno 2024 - 17:14

TRENTO. Giornata di sciopero per le lavoratrici e i lavoratori delle famiglie cooperative, che questa mattina si sono ritrovati in piazza Dante a Trento formando poi un corteo che ha raggiunto la sede della Federazione.

 

Le posizioni tra Cooperazione e sindacati al momento però restano distanti. L'unico punto di avanzamento – comunicano i sindacati - è che la protesta di oggi, a cui ha aderito circa il 70% dei punti vendita in tutta la provincia 

(48 famiglie cooperative su 66, per un totale di 1472 dipendenti su circa 1900), è servita a far ripartite il confronto. Una delegazione di dipendenti guidati da Carla Tatti, Fabio Bertolissi e Stefano Picchetti di Filcams, Fisascat e Uiltucs, ha incontrato il direttore della Federazione Alessandro Ceschi e il responsabile delle relazioni sindacali, Italo Monfredini.

 

In un faccia a faccia durato quasi un’ora è stato chiaro, allo stato attuale, che la posizione di via Segantini non è cambiata. A fronte dell’alta adesione alla protesta, però, le parti hanno condiviso la necessità di far ripartire la trattativa fissando un nuovo incontro in ristretta, già programmato per il 24 giugno.

 

“Non abbiamo buone notizie da darvi”, hanno detto i tre sindacalisti, parlando alle lavoratrici e ai lavoratori fuori dalla sede della Cooperazione. “Torneremo a discutere e questo anche perché la vostra protesta è stata notevole. Impossibile ad oggi prevedere l’esito del confronto, perché le posizioni restano lontane. Lo stato di agitazione e la protesta vanno avanti: nei prossimi giorni verranno messe in atto altre azioni di mobilitazione e di protesta”.

 

In mattinata una delegazione di dipendenti e sindacati era stata ricevuta anche dall’assessore alla Cooperazione Mario Tonina, che ha ascoltato le ragioni delle lavoratrici e dei lavoratori e ha preso l’impegno di facilitare il confronto tra le parti. Intanto oggi è arrivata la prima busta paga con il taglio del contratto integrativo, che pesa per 170 euro in meno.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 luglio - 13:14
L'orsa è stata presa in un'area compatibile con quella dove si muove l'orsa ricercata per l'aggressione al turista francese del 16 luglio. Si [...]
altra montagna
24 luglio - 12:00
Dalla pubblicazione dello studio di fattibilità della diga del Vanoi si è parlato molto del rischio frane nella zona dove si dovrebbe vedere la [...]
Montagna
24 luglio - 11:22
E' successo nella giornata di ieri (23 luglio) a Chiesa in Valmalenco (in Provincia di Sondrio): undici ragazzini tra i 9 ed i 12 anni hanno [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato