Contenuto sponsorizzato

Muse, lavoratori in stato di agitazione: "E' inaccettabile essere sfruttati per dare lustro alla vetrina del Trentino”

Sindacato e lavoratori chiedono che si stabilizzi l’orario di lavoro su turnazioni con un congruo anticipo, che vengano rispettate le norme in materia di orario di lavoro e straordinario, che si azzerino i residui negativi di banca

Di GF - 16 aprile 2024 - 16:09

TRENTO. Lavoratrici e lavoratori in stato di agitazione al Muse di Trento. “E' inaccettabile essere sfruttati per dare lustro alla vetrina del Trentino” le parole della Funzione pubblica della Cgil. 
Lavorare per le cooperative in appalto al Muse è sempre stato difficile hanno spiegato i sindacati che che hanno annunciato lo stato di agitazione. 

 

“Un appalto sbagliato, un committente la cui organizzazione è inadeguata, società cooperative che vincono appalti al ribasso e sfruttano i lavoratori – spiega in una nota il sindacato - sono questi gli ingredienti di base per un risultato che da anni ha comportato una condizione generale di lavoro difficilmente sopportabile. La situazione nell’ultimo periodo, se possibile, è peggiorata ulteriormente con una turnistica che viene comunicata con appena 24 ore di anticipo, nessuno sa se, quanto e quando lavorerà nel mese in corso, le cooperative (Coopculture, Socioculturale e Csu) non garantiscono né gli orari minimi né quelli massimi, alcuni lavoratori si trovano ad accumulare ore a debito ed altri a fare straordinari oltre ogni limite contrattuale, part time involontari che non consentono lo svolgimento di alcuna altra attività lavorativa”.

 

Una condizione che sta esasperando la quarantina degli addetti in appalto. Sono educatori museali, pilots, mediatori scientifici e custodi non più disposti a tollerare questo stato di cose. Così nei giorni scorsi si è deciso di proclamare lo stato di agitazione. “Se non troveremo ascolto nei vertici del Museo e nelle cooperative che gestiscono gli appalti questo sarà solo il primo passo”, annunciano Alberto Bellini e Gabriele Bianco che seguono queste lavoratrici e lavoratori per Fp Cgil.

 

Attualmente le tre cooperative stanno operando in regime di proroga dell’appalto. “Mentre il Muse gestisce una laboriosa ed oscura procedura di rinnovo dell’affidamento dei servizi esternalizzati, le cooperative gestiscono la proroga riducendo i costi al massimo e sfruttando oltremisura i lavoratori ed il Muse, come ha sempre fatto, scarica ogni onere di organizzazione direttamente su chi si occupa di erogare i servizi”, denunciano i sindacalisti.

 

Oltre al danno anche la beffa, continuano: “Il Muse pubblicizza, con un articolo su Muse Extra e sulla pagina Facebook del museo, tutte le attività che dimostrano come si preoccupi del benessere dei suoi lavoratori, dello stress che il lavoro al museo provoca, della preoccupazione verso la parità di genere ed il bilanciamento vita/lavoro dei lavoratori stessi. Peccato che tutte queste iniziative escludano i lavoratori delle cooperative che pure da sempre sono al centro delle attività museali e la cui condizione è ormai surreale”.

Il cambio appalto in corso, inoltre, rende il quadro ancora più complesso; molti si trovano ad operare sotto un velato ricatto: la disponibilità è corsia preferenziale per accedere al girone dei salvati e dunque mantenere il posto di lavoro.

“In passato Fp Cgil è intervenuta più volte, siamo riusciti a far stabilizzare una parte dei lavoratori al Muse, siamo riusciti a più riprese a far migliorare per certi periodi le condizioni, a rendere stabili le turnazioni, ma tutto dura sempre troppo poco, basta qualche minimo cambiamento nelle condizioni di contorno e tutto ripiomba nell’assoluta anarchia”, rivendicano Bellini e Bianco che, nello stesso tempo ammettono: mai si erano avute condizioni peggiori e per questo non possiamo più tollerare questo stato di cose.

Sindacato e lavoratori chiedono che si stabilizzi l’orario di lavoro su turnazioni rese ai lavoratori con un congruo anticipo, che vengano rispettate le norme in materia di orario di lavoro e straordinario, che si azzerino i residui negativi di banca. “In caso contrario ci riserviamo ogni opzione legittima di mobilitazione fino allo sciopero. Con buona pace delle straordinarie condizioni di benessere organizzativo interno millantate dalla comunicazione istituzionale del Muse”, concludono i due sindacalisti.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 21:10
Giornata di lavoro per i vigili del fuoco e per il sistema di Protezione civile in Trentino. Disagi alla viabilità tra frane e strade chiuse in [...]
Ambiente
21 maggio - 21:17
Salute e costi, inquinamento, differenziata e l'energia per il riscaldamento domestico, il confronto con Bolzano e la richiesta di attivare un [...]
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato