Contenuto sponsorizzato

Dalla val di Fassa al Nepal per scalare una cima ancora vergine sull'Himalaya, l'impresa di Silvia Loreggian e Stefano Ragazzo: "L'abbiamo battezzata Sato Pyramide"

Stefano Ragazzo e Silvia Loreggian, guide alpine che vivono e lavorano in val di Fassa, hanno compiuto un'impresa che resterà nella storia: "Il 31 ottobre 2022 abbiamo raggiunto una vetta sulla quale mai nessuno, prima di noi, era salito. L'abbiamo battezzata Sato Pyramide, perché quando la osservavamo col binocolo da valle sembrava una grossa piramide"

Di Sara De Pascale - 01 dicembre 2022 - 14:16

HIMALAYA (NEPAL). L'alpinismo è per alcuni 'soltanto' uno sport, per altri invece una vera e propria filosofia di vitaStefano Ragazzo e Silvia Loreggian, compagni d'avventure, colleghi del gruppo Guide Alpine Vibes, e nondimeno compagni di vita, hanno fatto delle esperienze in montagna motore dei loro giorni, non soltanto per lavoro ma anche per passione. Desiderosi di partire alla volta di cime vergini e inesplorate, dopo certosine ricerche, sono approdati in Nepal, sull'Himalaya, dove hanno conquistato, per primi, l'inviolata cima Sato Pyramide, a quota 6100 metri. 

 

I due alpinisti iscritti all'albo delle Guide Alpine trentine cercavano "da tempo informazioni in merito a montagne non ancora esplorate - esordisce Stefano Ragazzo, originario di Padova, a Il Dolomiti -. Non è stato per nulla semplice ma grazie ad alcuni amici e conoscenti siamo riusciti a trovare qualche nome, iniziando a elaborare un piano. Partendo da un puntino su di una mappa indicante una catena montuosa in Nepal, abbiamo messo in atto delle vere e proprie ricerche utilizzando Google Earth ed altri canali con immaginisatellitari, provvedendo infine a contattare il dipartimento del turismo nepalese per avere conferma che quelle fossero davvero cime ancora vergini e le relative quote, così da poter chiedere poi il permesso di scalata".

 

É partita così la preparazione per una spedizione "organizzata da autodidatti: la nostra volontà era quella di arrampicare in stile alpino utilizzando soltanto il materiale imprescindibile alla salita, cercando di non portare nulla di superfluo e di non lasciare poi nulla sulla montagna - precisa - puntando quindi sulla sostenibilità". La spedizione ci ha impegnati per circa 30 giorni e molto lavoro prima della partenza per definire ogni singolo dettaglio, "al fine di raggiungere una zona lontana da centri abitati o dai circuiti turistici - racconta la guida alpina -. Motivo che ci ha condotti ad organizzare una parte della spedizione affidandoci ai locali nativi della valle, per quanto riguarda il vitto e l’alloggio durante il trekking di avvicinamento al campo base ed il trasporto del materiale, per il quale ci siamo fatti aiutare da un pastore di yak con i suoi yak", ricorda l'alpinista padovano.

 

Partiti alla volta di quella che avrebbe dovuto essere la loro base d'appoggio, dove installare la tenda con provviste e attrezzatura da arrampicata, Silvia e Stefano hanno percorso per giorni sentieri impervi con innumerevoli domande in mente: "'Riusciremo a piantare la nostra tenda nel punto che abbiamo individuato attraverso il satellite?', ‘Riusciremo a raggiungere la cima che vogliamo scalare dalla valle che abbiamo scelto?’, ci chiedevamo in attesa di scoprirlo di persona". Per raggiungere il "nostro campo base ci sono voluti un volo interno, due giornate di jeep e sei giorni di cammino, accanto al pastore e a due yak che trasportavano i carichi, raggiungendo infine una vallata nella quale nessuno era mai approdato - rivela Stefano - se non alcuni pastori molti anni fa".

 

Abbandonate dal pastore e dagli animali, le due guide alpine sono rimaste così da sole trascorrendo i primi giorni in quota insieme a mal di testa, nausea e disturbi del sonno: "Abbiamo impiegato circa una settimana e mezzo per acclimatarci: in quei casi, il mal di montagna è più che normale - dichiara Ragazzo -. Per due settimane e mezzo siamo andati sùe giù, esplorando la zona nel tentativo di capire quale fosse la parete migliore per salire verso la vetta". Dopo poco meno di un mese dalla partenza dall'Italia, i due alpinisti hanno finalmente conquistato la cima a quota 6100 metri, 'calpestata' e raggiunta attraverso la via Kalypso, "nome da noi scelto in onore dell'Odissea omerica, capolavoro che avevamo letto durante la nostra permanenza al campo base".

"Prigionieri dell'amore per la montagna" come Ulisse lo fu della ninfa Calipso, che a lungo lo trattenne sull'isola di Ogigia, Loreggian e Ragazzo hanno incanalato sentimenti, determinazione e forza di volontà riuscendo nel loro ardito intento, arrivando a Sato Pyramide il 31 ottobre 2022: "É stato indescrivibilmente emozionante camminare e arrampicare dove nessun essere umano aveva messo piede prima di noi", confessa Stefano, nonostante le peripezie e difficoltà affrontate -. Abbiamo dovuto sopportare importanti escursioni termiche tra il giorno e la notte, di notte infatti le temperature scendevano a meno 20 gradi. Non solo la via ma neanche la vetta raggiunta aveva nome: abbiamo così deciso di battezzarla Sato Pyramide, perché quando la osservavamo col binocolo da valle sembrava una grossa piramide".

Alla fine della grande impresa, restava solo un (non indifferente) quesito: "Avevamo con noi un satellitare per comunicare con il pastore di yak che, a spedizione conclusa, avrebbe dovuto raggiungerci di nuovo per accompagnarci a valle con il restante materiale. Il 6 novembre gli abbiamo così mandato un messaggio, al quale lui non poteva tuttavia rispondere: con lui ci eravamo accordati solo a parole e non eravamo quindi sicuri che avrebbe poi mantenuto la promesse - conclude Stefano -. Rimasti in attesa speranzosi ma senza certezze in pugno, abbiamo infine gioito nel veder arrivare il nostro 'yak man' con i suoi animali a recuperarci dopo una tanto straordinaria quanto storica spedizione".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
08 febbraio - 20:38
La Commissione internazionale per la protezione delle Alpi esprime la sua grande preoccupazione per i Giochi olimpici invernali del 2026: [...]
Cronaca
08 febbraio - 20:02
Il piccolo Nicolas aveva solo 10 anni, le sue condizioni di salute si erano aggravate negli ultimi giorni. Grande cordoglio nella comunità di [...]
Società
08 febbraio - 19:16
Chico Forti si trova ancora in carcere ma per il suo 64esimo compleanno è stata inaugurata una statua che lo raffigura e sono arrivati gli [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato