Contenuto sponsorizzato

A rischio la candidatura di Degasperi. Per le nuove regole dei 5Stelle il candidato presidente lo deciderà la rete

Non sarà automatica la sua corsa come leader. Sembra che la riunione che si è tenuta a Roma abbia deciso di affidare a Rousseau la decisione. Un'altra regola potrebbe invece impedire a Giovanna Giugni di entrare in lista: si è candidata nel 2013 con Sel

Di db - 01 luglio 2018 - 06:01

TRENTO. Se il nodo della leadership per le prossime elezioni è all'ordine del giorno sia nel centrodestra sia nel centrosinistra, in casa 5 Stelle non sono messi tanto meglio. La riconferma di Filippo Degasperi, e la sua corsa a presidente della provincia il 21 ottobre prossimo, potrebbe essere ad alto rischio.

 

L'attuale consigliere provinciale avrebbe forse sperato che le regole rimanessero quelle di sempre, che potessero candidare a presidente soltanto coloro tra i grillini che avessero già fatto una legislatura, quindi solo e soltanto lui.

 

Ma nella riunione convocata a Roma, a cui hanno partecipato anche Abruzzo e e Basilicata (anche loro chiamati alle urne nel prossimo futuro), sembra si sia decisa un'altra cosa: possono candidarsi tutti gli iscritti ai 5 Stelle, poi sarà il voto sulla piattaforma Rousseau a decretare il candidato presidente.

 

La candidatura sicura non sarà quindi scontata per Degasperi, che potrebbe essere sfidato da Cristiano Zanella, molto più 'in linea' con Riccardo Fraccaro che, tutti sanno, non è per nulla in buoni rapporti con il consigliere provinciale. 

 

Degasperi dovrebbe affrontare le 'primarie' interne, nel caso Zanella si volesse candidare a presidente, e passare dal vaglio degli iscritti. Il Movimento a quel punto si spaccherebbe e sarebbero evidenti le due 'correnti' di chi sta con Fraccaro (e con Zanella) e di chi sta con il consigliere provinciale. 

 

Normale confronto democratico, nulla di scandaloso, ci mancherebbe. Ma di sicuro Degasperi non la prenderebbe bene se dovesse essere scalzato da Zanella, e nemmeno se fosse contrapposto a lui: dopo 5 anni in consiglio provinciale vorrebbe forse fare il candidato presidente 'di diritto'.

 

Ma c'è anche un'altra regola che sembra sarà ufficializzata, una deroga alle prescrizioni precedenti che vietavano la candidatura nei 5 Stelle di chiunque si fosse candidato, dopo la fondazione del Movimento, in altre liste.

 

Per le prossime provinciali sembra che il divieto non sia più lo stesso: possono entrare in lista che ex candidati per altre liste, purché nelle elezioni in cui correvano non fosse stato presente il Movimento 5 Stelle. Questo vale quindi per i grillini che si sono candidati in qualche lista civica di paese, che in mancanza della lista di riferimento hanno sostenuto, anche attivamente, un'espressione territoriale.

 

Ma non vale per Giovanna Giugni, una delle persone su cui molti all'interno dell'area di Degasperi guardavano come prossima consigliera provinciale. Lei si è candidata alle scorse provinciali con Sinistra e Libertà, quando nella stessa elezione correvano anche i 5 Stelle. Rimarrebbe quindi esclusa dalla lista e non potrebbe proprio candidare.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 19:59

Nel rapporto odierno la Provincia specifica che sono 6 le persone con sintomi, mentre 42 sono stati individuati mediante l'attività di contact tracing. Una quindicina di casi è legata alle indagini condotte tra i raccoglitori di frutta, mentre un numero analogo invece è collegato a contagi avvenuti in ambiti familiari. Emerge anche oggi un caso legato ai cluster della filiera alimentare

01 ottobre - 18:12

Tante, brutte, immagini di serate balorde, di rifiuti abbandonati, di una città che la domenica, troppe volte, si è svegliata in queste condizioni. L'ultima volta questo weekend quando in pochissimi rispettavano le norme di sicurezza per evitare la diffusione del virus. Il comitato antidegrado: ''Sarebbe opportuno scrivere urgentemente un nuovo regolamento anche a Trento che dopo le 22 è vietato il consumo di alcolici all'esterno dei locali e le vendita stessa''

01 ottobre - 19:14

Era dai primi di luglio che non si registravano morti per Covid in provincia di Belluno. Ora i decessi totali sono 114. Otto i positivi nelle ultime 24 ore, 5 nel Cadore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato