Contenuto sponsorizzato

Baratter lascia la politica: ''Con la mia famiglia ho deciso diverso percorso di vita''. Il 21 per votare ci sarà la doppia preferenza

Mentre il consigliere eletto con il Patt chiude la sua carriera politica con questa legislatura ecco le novità per le prossime elezioni sul piano formale: se si daranno due preferenze dovranno essere maschio e femmina pena la nullità del voto

Pubblicato il - 30 agosto 2018 - 15:39

TRENTO. Bisognerà votare un uomo e una donna se si vorranno esprimere entrambe le preferenze. E' questa la più grande novità in arrivo per le prossime elezioni provinciali che si terranno domenica 21 ottobre. Una novità che costringerà partiti e movimenti puntare forte anche sulle candidate e non solo sui candidati e, di conseguenza, a costruire liste ben strutturate.

 

Chi, sicuramente, non verrà reinserito in una di queste liste è Lorenzo Baratter. Il suo percorso politico, infatti, si chiuderà con la fine di questa legislatura.

 

E' lui stesso a comunicarlo: "Ho deciso con la mia famiglia di proseguire il mio percorso di vita cogliendo altre opportunità professionali. In questa occasione desidero fare dei ringraziamenti. Innanzitutto al presidente Ugo Rossi, al quale auguro il massimo successo nella prossima tornata elettorale. A lui sono molto grato sia umanamente che politicamente per l’impegno e la lealtà che ha sempre dimostrato nel suo operare. Ringrazio poi di cuore tutte le persone e le istituzioni con cui ho avuto l’onore e il piacere di collaborare in questi proficui cinque anni al servizio del Trentino e dell’Autonomia. Sono convinto che l’esperienza fatta insieme sarà preziosa anche per il proseguimento del mio percorso futuro".

 

Nel dettaglio ecco come si voterà e quali sono le novità introdotte dalle ultime norme.

 

Il voto si esprime in uno dei modi seguenti: barrando il simbolo della lista prescelta il voto va alla lista e al candidato presidente; barrando il nome del candidato presidente il voto va al candidato presidente; barrando sia il simbolo della lista prescelta, sia il nome del candidato presidente collegato alla medesima lista il voto va al candidato presidente e alla lista. 

 

L’elettore può esprimere fino a due voti di preferenza per l’elezione del consiglio provinciale. Se esprime due voti di preferenza, questi devono essere diretti a candidati di genere diverso della stessa lista; in caso contrario la seconda preferenza è annullata.

 

Il calendario delle operazioni elettorali prevede queste scadenze: da venerdì 7 a sabato 8 settembre deposito dei contrassegni; da lunedì 17 a giovedì 20 settembre presentazione delle candidature; entro venerdì 21 settembre esame ed approvazione delle candidature da parte dell'Ufficio centrale circoscrizionale; entro sabato 6 ottobre affissione in tutti i Comuni del manifesto delle candidature.

 

Deposito dei contrassegni
L'attività di deposito dei contrassegni, dei simboli che rappresenteranno le liste dei candidati, dovrà avvenire fra le 8 di venerdì 7 settembre e le 12 di sabato 8 settembre presso il competente ufficio della Direzione generale della Provincia.

 

Presentazione delle candidature
Nelle giornate dal 17 al 20 settembre è previsto il deposito, sempre presso il competente ufficio della Direzione generale della Provincia, delle candidature alla carica di presidente e di consigliere.
Questi gli orari:
lunedì 17, martedì 18 e mercoledì 19 dalle ore 8.00 alle ore 18.30;
giovedì 20 dalle ore 8.00 alle ore 12.00.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 15:26

Domani scadrà la proroga fatta nei mesi scorsi da parte della Provincia per i posti invernali e extra nei dormitori affinché le persone, con l'emergenza coronavirus, non siano abbandonate in strada. Ora, però, il rischio è che 160 persone non abbiano più un posto dove dormire. La mobilitazione dell'assemblea Antirazzista in piazza Duomo a Trento 

30 maggio - 12:02

L’inseguimento è avvenuto sulla montagna di Mortaso, in località Zeller, in Val Rendena, pochi giorni fa ed il relativo video aveva trovato ampia diffusione in rete, suscitando numerosissime, comprensibili, reazioni indignate. Il Corpo Forestale Trentino ribadisce l’indicazione di non inseguire assolutamente la fauna selvatica

30 maggio - 15:22

E' successo nella mattinata di oggi a Bassano del Grappa. Il rumore dello sparo ha allertato tutti i colleghi che si trovavano nell'edificio. Sul posto si sono portati immediatamente i soccorsi sanitari ma per il poliziotto non c'era più nulla da fare 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato