Contenuto sponsorizzato

Candidato presidente, il Pd farà un nome alternativo che non passerà. E in sella rimane Rossi

Ogni alternativa si scontra con i veti incrociati e con gli equilibri interni.  Le Stelle Alpine fin da subito hanno messo sul tavolo il nome dell'attuale presidente. Gli altri, invece che organizzarsi, coalizzarsi, fare sintesi e trovare qualcuno che potesse veramente portare un po' di aria nuova, hanno perso tempo

Di Donatello Baldo - 30 maggio 2018 - 20:41

TRENTO. "Si cambia tutto, si cambia tutto, anche il candidato presidente. Rinnovamento! Rigenerazione! Cambio di rotta!". Un ritornello che si è sentito gridare ai quattro venti, soprattutto dal Partito Democratico in questi ultimi mesi. Ma alla fine non cambierà niente e Rossi rimarrà alla guida della coalizione

 

Se non sarà lui il candidato, non sarà nemmeno uno 'di sinistra': si punterà su qualcuno che gli assomiglia (come Carlo Daldoss) o su qualcuno che la rotta la sposta addirittura a destra (il sindaco Valduga). La proposta del Pd sarà scartata e questo sembra l'abbiano capito anche gli stessi dem. 

 

Ci hanno provato, e per cascare in piedi un nome lo faranno. Se sarà Franco Ianeselli (molto improbabile) o Monica Baggia (altamente probabile) poco importa, perché ad oggi non è questo il profilo che può rappresentare tutti e il Pd non ha la forza per imporsi. Lunedì prossimo ci sarà il coordinamento del partito, poi l'assemblea provinciale: al segretario si darà mandato di proporre un nome alla coalizione.

 

Poi, non è detto, perché si sa che in politica tutto può succedere e magari i democratici trovano una forza inaspettata. La contingenza, quello che succede a Roma, possono influire e dare coraggio. E forse è anche possibile che la 'resistenza al cambiamento' che qualche big - che vorrebbe Rossi - sia sconfitta e si ritrovi l'unità. Vedremo

 

Ma fosse anche questo lo scenario, c'è da capire cosa diranno i rappresentanti dell'Upt. Sono loro che chiedono pazienza, che vogliono andare piano: devono aspettare che i Civici di Valduga e Oss Emer si decidano, che dicano da che parte stare. Civici che sono sempre meno convinti del da farsi perché annusano anche loro che ormai il cavallo dato per vincente alle elezioni non è proprio detto che sia il centrosinistra.

 

L'Upt rischia di rimanere con niente in mano, perché il suo obiettivo non è soltanto quello di trovare il candidato presidente ma anche un nuovo soggetto a cui attaccarsi, in cui confluire, con cui generare qualcosa di nuovo che lo possa comunque contenere. Perché da solo l'Upt non vanno da nessuna parte. Aspettano Valduga, e lo proporranno per la presidenza

 

Se Valduga sale sulla barca del centrosinistra è ovvio che non vuol andare a fare il mozzo. Vuole fare il capitano: ma come potrebbe il Pd digerire questo nome che sposterebbe un po' (tanto) più a destra l'intera maggioranza? Impossibile, ma anche qui la politica riserva sorprese inimmaginabili. Vedremo anche in questo caso.

 

Comunque sia, ogni ipotesi rischia di far saltare il banco del rinnovamento. Ogni alternativa sembra impraticabile, Rossi sembra insostituibile, solo lui è può garantire un equilibrio. Se proprio dovesse essere messo il veto su Ugo Rossi - ma ad ora è difficile che sia così - Patt e Upt potrebbero convergere su Daldoss, e il Pd assecondare la scelta senza dire nulla. 

 

Il tempo stringe, ha ragione il Patt. E le Stelle Alpine fin da subito hanno messo sul tavolo il nome dell'attuale presidente. Gli altri, invece che organizzarsi, coalizzarsi, fare sintesi e trovare qualcuno che potesse veramente portare un po' di aria nuova, hanno ciurlato nel manico, hanno perso tempo, e a questo punto anche la scommessa di cambiare il leader della coalizione. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato