Contenuto sponsorizzato

Elezioni, ora è ufficiale: per le provinciali si vota il 21 ottobre con spoglio il giorno successivo

Si potrà votare dalle 6 alle 22 e lo spoglio dei voti inizierà alle ore 7 del giorno successivo.

Pubblicato il - 08 maggio 2018 - 17:01

TRENTO. Mentre a livello nazionale tutto è in stallo e tra veti incrociati pare impossibile risolvere la situazione (ora si parla di tornare a votare a luglio o a dicembre) in Trentino si sa che si voterà il 21 ottobre per le elezioni provinciali. Lo stabilisce il decreto firmato dal presidente Ugo Rossi in accordo con il collega altoatesino Arno Kompatscher, che verrà pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige giovedì 10 maggio.

 

Si potrà votare dalle 6 alle 22. Lo spoglio dei voti inizierà alle ore 7 del giorno successivo. Il decreto d'indizione dei comizi elettorali sarà pubblicato il 22 agosto, mentre il 6 settembre sarà la volta della pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi.

 

I contrassegni di lista di cui all'articolo 22 della legge elettorale provinciale potranno essere presentati presso la Provincia non prima delle 8.00 del 7 settembre 2018 e non oltre le 12.00 dell'8 settembre 2018. Le liste dei candidati andranno infine presentate presso la Provincia nel periodo compreso fra il 17 settembre e le 12.00 del 20 settembre.

 

Una partita che si annuncia per nulla scontata anche per quanto riguarda la composizione delle liste. Tornando al voto anche a livello nazionale la quantità di candidabili aumenterà notevolmente e nello spazio ridotto di poche settimane i partiti dovranno formare liste credibili e consistenti e fare delle scelte puntando su uno o sull'altro a seconda della competizione elettorale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato