Contenuto sponsorizzato

Gradimento ministri, Fraccaro in fondo alla classifica. Trionfa Salvini, la top five è tutta Lega

Il rapporto dell'istituto di ricerche di mercato Euromedia Research conferma la fiducia degli italiani per il Carroccio. Di Maio solo al sesto posto. Per alcuni sussisterebbe "un problema di notorietà", Fraccaro è quartultimo su 19 (18 ministri e il sottsegretario alla Presidenza del consiglio Giorgetti)

Di Cinzia Patruno - 05 luglio 2018 - 19:03

ROMA. Lega top, 5 Stelle un po' meno. E il ministro trentino Riccardo Fraccaro lo conferma. Secondo un recente sondaggio realizzato da Euromedia Research sul gradimento dei ministri del governo Conte, il nostrano ministro per i rapporti con il parlamento e democrazia diretta si piazza quartultimo con una percentuale di fiducia del 29,1 per cento.

 

A dirlo sono le 'pagelle' elaborate dall'agenzia Euromedia Research, uno dei più importanti istituti nazionali che si occupano di ricerche di mercato, che vogliono restituire un'immagine della fiducia degli italiani nei confronti dei diciotto ministri del Governo Conte. Il rapporto Euromedia spiega che l'indice di fiducia è stato calcolato sulla base di una batteria di domande in serie riguardanti l'operato svolto fino ad oggi come ministro.

 

In fondo alla classifica, Fraccaro se la gioca con il collega grillino ministro della Giustizia Bonafede (29) e i leghisti Marco Bussetti (25,9) e Erika Stefani (25,79), rispettivamente ministro dell'istruzione e ministra degli affari regionali e autonomia.

 

Ma la 'Top 5' è tutta Lega. Il ministro più amato dagli italiani è Matteo Salvini, vicepremier e ministro degli Interni, che conquista i connazionali con un bel 52 per cento. Il primo grillino lo si trova solo in sesta posizione: il ministro del lavoro nonché vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio conquista il 40,5 per cento, preceduto dai leghisti Giorgetti (46,3), Bongiorno (45,8), Tria (43,8) e Savona (40,6).

Lo studio, realizzato dalla direttrice di Euromedia Research Alessandra Ghisleri, conferma come il gradimento e la fiducia dei cittadini nei confronti della Lega continuino a crescere. Merito sicuramente del suo attivissimo leader, notevolmente più avanti degli altri in punti percentuali.

 

Un onesto sesto posto per il ministro delle politiche agricole della Lega Gian Marco Centinaio (39,6), mentre il ministro delle Infrastruttute Danilo Toninelli del Movimento 5 stelle si piazza ottavo (35,9). Metà classifica per Enzo Moavero Milanesi agli affari esteri, Giulia Grillo alla salute e quel Lorenzo Fontana, ministro alla famiglia e alla disabilità per il quale "i gay non esistono". Seguono i grillini Costa, Trenta, Lezzi e Bonisoli per arrivare a Fraccaro.

Il documento ci tiene poi a sottolineare che "Per molti ministri sussiste un problema di notorietà", mentre la direttrice e sondaggista Ghisleri specifica che si tratta di un trend temporaneo e che "le narrazioni possono subire modifiche in conseguenza di eventi sociali, politici ma anche dell'abilità dei singoli ministri di farsi capire". Forse il ministro Fraccaro riuscirà, col tempo, a farsi capire meglio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato