Contenuto sponsorizzato

Il consigliere aggredito verbalmente in piazza Dante, Maschio: ''E' ora che l'amministrazione intervenga per davvero"

Il consigliere pentastellato vittima di un fuoriprogramma in zona stazione. Andrea Maschio: "Serve più decisione. Spaccio? Legalizziamo le droghe leggere. Prostituzione? Vedrei bene una casa chiusa all'ex hotel Panorama" 

Di Luca Andreazza - 29 marzo 2018 - 20:07

TRENTO. Vittima di un'aggressione verbale in piazza Dante. E' successo mercoledì 28 marzo intorno alle 18 a Andrea Maschio, consigliere comunale del Movimento 5 stelle. "Stavo passeggiando - dice - in piazza per capire la situazione dopo l'approvazione della delibera proposta dall'M5s che vieta il consumo di alcolici nei giardini e parchi. La fotografia è però desolante: bottiglie sparse ovunque, questo nonostante la polizia stesse facendo il giro".

 

Dopo la domanda d'attualità della Lega sullo stato dell'arte in merito all'applicazione della delibera, si apprende che il Comune attende a intervenire. L'amministrazione aspetta soprattutto il posizionamento degli appositi cartelli per sanzionare i trasgressori. "Un provvedimento - aggiunge il consigliere comunale - piuttosto inutile: sarò curioso di sapere quanti pagheranno la multa. La birra va sequestrata e bisogna trovare altre soluzioni".

 

E nel corso della 'perlustrazione' il pentastellato ha subito un'aggressione verbale. "Minacce e insulti - evidenzia Maschio - ma fortunatamente ero a distanza di sicurezza e quando ho preso il cellulare in mano come per allertare le forze dell'ordine, l'uomo si è calmato. Una situazione che però mi ha turbato perché potrebbe e accade a chiunque".

 

Una situazione che certamente non stupisce la cittadinanza. "Sarebbe necessario avere il coraggio di intervenire e fare determinate scelte. Come nel caso della mozione Bridi per la prostituzione: intanto cominciamo a far spostare dalle abitazioni 'professioniste' e clienti, in attesa di poter aprire le case chiuse'.

 

Non è una novità la posizione del consigliere in materia droghe leggere e case chiuse. "Un modo - dice Maschio - per depotenziare e colpire queste piaghe, oltre che garantire un controllo sanitario e un gettito economico. Sarebbe ora di legalizzare un quartiere e come luogo preposto penso all'ex hotel Panorama, il quale sarebbe servito anche dalla funivia. Non risolve il problema dello sfruttamento, ma intanto ci sarebbero dei vantaggi". 

 

Un altro tema è quello delle droghe leggere. "Si potrebbe - sottolinea il consigliere - vendere il prodotto nelle farmacie. Questo garantisce un controllo sulla qualità e il commercio. Certo non risolve il problema della tossicodipendenza, che presenta una criticità più profonda e dipende da tanti fattori, ma intanto dopo si può colpire più duramente lo spaccio delle sostanze pesanti".

 

Anche in Provincia si assiste al ritorno di eroina e cocaina. "Se si legalizzano le droghe leggere - aggiunge il pentastellato - si perde nei giovani quella specie di 'entusiasmo' per trasgredire. Non possiamo aspettare che la situazione diventi gravissima. Le generazioni più giovani sono sempre più a rischio. Abbiamo il Ser.d che è all'avanguardia e preparato che andrebbe coinvolto e ascoltato molto di più".

 

A Bolzano esiste il 'drop-in', aree nelle quali alle persone vengono offerte prestazioni e strumenti per abbattere i rischi igienico-sanitari connessi all’uso di stupefacenti. Un luogo intermedio tra i servizi e la strada, uno spazio di tregua dove le persone con problemi di dipendenza, ma non solo, possono trovare un punto di accoglienza e ristoro.

 

Esiste anche a Bolzano (gestito dalla Caritas) e fornisce accoglienza diurna sei giorni alla settimana, cambio di siringhe usate con quelle sterili, distribuzione e vendita di materiale di profilassi, possibilità di fare una doccia e lavare la biancheria, ma anche colloqui e consulenze sociali, come la ricerca di casa, inserimento lavorativo, interventi di crisi e informazioni per comunità e disintossicazione.

 

"E' necessario - conclude Maschio - sostenere maggiormente le associazione e le realtà di volontariato. Posizionare distributori e raccoglitori di siringhe. Dobbiamo ricostruire la società civile e aiutare queste persone deboli, che sono le prime vittime di questo disagio".

 

 

  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'08 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 luglio - 13:11

L'assessore all'istruzione della Provincia di Trento si è distinto nelle ultime settimane per aver presenziato alle riaperture di tutte le scuole dell'infanzia possibili e immaginabili, con foto di lui in ogni posizione, e comunicati stampa al limite della propaganda. Il mondo della scuola resta tra quelli più trascurati dalla Giunta Fugatti e ancora non si hanno certezze circa le modalità di ritorno alle lezioni

09 luglio - 12:32

Dopo il lancio dell'iniziativa "Un fiume di idee", con cui il candidato per il centrosinistra alle Comunali di Trento ha chiesto dei pareri ai cittadini nell'impossibilità di avere incontri in presenza, sono stati presentati i risultati. Maggiori investimenti sulle piste ciclabili dedicate, attenzione alla socialità dei più piccoli e ripresa della attività culturali sono state indicate come le priorità. E sulla sicurezza: "Altri candidati giocano sulla paura, noi no. I cittadini sono maturi"

09 luglio - 13:07

Superata la tensione, per la capo pattuglia, madre di due bambini, c’è stato spazio per un momento di commozione, in particolare quando la piccola, felice anche per essere salita a bordo di un’auto della polizia, è stata riportata dal padre che ha ringraziato i soccorritori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato