Contenuto sponsorizzato

Il Pd davanti a due opzioni: ''Nome nuovo (che non fa) o rimane Rossi candidato presidente''. E alla fine sarà lui

Assemblea Pd, ennesima fumata nera. Anche questa volta nessuna indicazione per il profilo che dovrà sfidare l'attuale governatore. "Si decide nei prossimi giorni ma necessaria convergenza di tutta la coalizione"

Di Donatello Baldo - 05 giugno 2018 - 00:44

TRENTO. Nemmeno stavolta: dall'assemblea del Pd, convocata apposta per decidere il nome da contrapporre a quello di Ugo Rossi, non è uscito nessun nome. Illusi e delusi, tutti: i componenti dell'assemblea, gli iscritti, i cronisti. "Ma allora che ci siamo venuti a fare?", ha bisbigliato qualcuno.

 

Il segretario lo spiega: "Chiedo un mandato pieno per negoziare su due opzioni. Perché le alternative sono solo due - ha detto Giuliano Muzio -  o quella che vede anche nel candidato presidente un segnale di discontinuità profondo, un nome nuovo e fuori dai giochi, oppure la riproposizione dell'attuale presidente".

 

In ogni caso, "la condizione è che sia siglato un nuovo patto con la comunità". Un elenco di punti che il segretario ha elencato nella sua introduzione, dal lavoro alla riforma istituzionale, dall'ambiente al decentramento.

 

Quindi, o un nome nuovo che sia condiviso oppure un Rossi bis che riscrive il patto di governo. La novità è evidentemente nell'ultima parte, nella dichiarazione esplicita che il nome di Ugo Rossi non è un'ipotesi targata solo Patt ma è l'ipotesi della coalizione intera, e anche del Pd.

 

Se l'obiettivo è la condivisione, nella sua forma democratica del dire ci sto o non ci sto, Rossi diventa il super-favorito. Se l'obiettivo è quello di "cercare una convergenza che eviti spaccature profonde nelle forze che si contrapporranno a Lega e 5Stelle", il nome nuovo non troverà nessuno spazio.

 

E anche in questo caso Rossi è il favorito: perché le Stelle Alpine si sono impuntate e hanno minacciato da molto tempo la loro intenzione di preferire il loro nome di bandiera alla tenuta della maggioranza.

 

Ma il nome? Che nome verrà fatto? "Oggi non mi sento ancora in grado di pronunciarne uno pubblicamente - ha ammesso Muzio davanti all'assemblea - e non lo faccio per rispetto delle persone a cui non si può chiedere di essere burattini nelle mani di nessuno".

 

Per non bruciarlo, per non farlo diventare il nome del Pd, isolandolo dal resto degli alleati. "In questi giorni uscirà - assicura - a costo di chiudersi a chiave dentro una stanza fino a che non si troverà il candidato condiviso".

 

Assicura che la mediazione non sarà al ribasso, e ribadisce che alternative non ce ne sono. O Ugo Rossi o qualcuno che sia fuori dai giochi: non Carlo Daldoss, per capirsi. E nemmeno Valduga, su cui il segretario nutre molti dubbi sulla sua entrata nella coalizione.

 

"Il tempo stringe e se siamo in ritardo è perché stiamo ancora aspettando che qualcuno decida da che parte stare". Muzio dà invece quasi per certo che a sinistra del Pd ci sarà un'aggregazione di forze, "anche se in quell'area le cose cambiano giorno per giorno e non si capisce bene che cosa stia succedendo".

 

Dopo la relazione del segretario le facce erano perplesse. Pochi gli interventi. Nessun big ha preso la parola, nessun consigliere provinciale, nessuno dei 'potenti' del partito. Qualche giovane, qualcuno dei circoli: "A noi chiedono il nome, il tempo stringe".

 

La relazione è stata messa dunque ai voti. "Ma su cosa dobbiamo votare?", ha chiesto qualcuno. "E' la terza volta che diamo il mandato al segretario per trovare l'alternativa a Rossi e porre alla coalizione la questione della discontinuità". Si vota: nessun contrario, sette gli astenuti, a favore tutti gli altri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato