Contenuto sponsorizzato

In Tirolo hanno già votato, vince l'Övp. Confermata la guida di Günther Platter, soddisfazione di Rossi e Patt

L'estrema destra della Fpö ha raggiunto il 15,5%, i Verd hanno raggiunto il 10,7%, i liberali Neos entrano per la prima volta nel parlamento del land con il 5,2%. Si aprono ora le trattative per la formazione del nuovo governo

Di db - 26 febbraio 2018 - 18:36

TRENTO. Mentre in Italia infuria la campagna elettorale, in Tirolo hanno già votato. Domenica scorsa i cittadini al di là del Brennero si sono recati alle urne per scegliere la composizione della nuova Dieta del Land.

 

La notizia è la riconferma di Günter Platter, di nuovo alla guida del Tirolo. La Övp del cancelliere Sebastian Kurz ha infatti vinto le elezioni: il governatore uscente l'ha spuntata con un margine notevole. Il suo partito ha raggiunto il 44,3% dei consensi.

 

Günther Platter ha condotto una campagna elettorale sul tema dell'immigrazione e su quello del traffico pesante da limitare nella tratta che attraversa il confine del Brennero, facendo aumentare del 4,9% i suoi voti rispetto al 2013.

 

I socialdemocratici si sono tenuti la seconda posizione con il 17,3% dei voti (+3,5% rispetto al 2013), lasciano indietro la destra della Fpö che comunque ha raggiunto il 15,5%, quando era al 9,3% cinque anni fa.

 

I Verdi, che sono forza di governo nella compagine a guida Platter, hanno raggiunto il 10,7%, perdendo l'1,9% dei consensi. I liberali Neos entrano per la prima volta nel parlamento del land dopo aver raggiunto il 5,2%.

 

Si aprono ora le trattative per la formazione del nuovo governo e in molti si chiedono se i popolari vorranno continuare l'alleanza con i Verdi, se mutueranno lo schema nazionale con l'ingresso al governo della Fpö o promuovere una Grosse Koalition con i socialdemocratici.

 

"Desidero fare le mie congratulazioni al Governatore Günter Platter per l’eccellente risultato elettorale. Negli anni ha sempre rappresentato un ottimo interlocutore con la nostra realtà e non possiamo che essere lieti per la sua rielezione".

 

Queste le parole del presidente del consiglio regionale Thomas Widmann a commento della rielezione a governatore del Tirolo di Günter Platter. Congratulazioni arrivano anche dall’obmann dell’Svp Philipp Achammer.

 

Ma anche il Partito Autonomista Trentino Tirolese esprime "le proprie congratulazioni al Capitano del Tirolo Günther Platter per i risultati elettorali di domenica scorsa della Övp, che si conferma primo partito del Tirolo".

 

"La Övp, al pari del Patt, è una forza politica che si riconosce nei valori del popolarismo europeo. In particolare con la Övp tirolese ci sono forti legami d’amicizia e una collaborazione che affonda le sue radici nel tempo, per il comune di impegno di crescita e valorizzazione del progetto dell’Euregio".

 

A Platter e alla ÖVP gli autonomisti trentini porgono "gli auguri di buon lavoro, con la certezza che questa importante affermazione elettorale consentirà di lavorare con ancor maggior forza per l’amicizia e la collaborazione tra i territori dell’Euregio".

 

Le congratulazioni istituzionali arrivano invece dall'omologo trentino Ugo Rossi che si è sentito personalmente con Günther Platter.  "È un risultato che conferma il lavoro fatto i questi anni - commenta -  in parte anche all'interno di quella collaborazione comune che si è via via consolidata all'interno della cornice dell'Euregio". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 15:52
L'allerta è scattata nel primo pomeriggio di oggi, mercoledì 8 luglio, quando l'uomo si è inabissato e non è più riemerso. Vani i tentativi dei soccorritori. E' il quarto tragico evento sui laghi trentini
08 luglio - 13:32

E' di dieci punti il programma presentato da Forza Italia questa mattina con il nuovo commissario per il Trentino Ettore Zampiccoli. Baracetti ha spiegato che è importante “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”

08 luglio - 09:59

Sondaggi svolti in tutto il mondo riportano che tra il 37 e il 50 per cento di anestesisti e rianimatori ha vissuto in prima persona almeno un caso di pazienti che hanno mostrato segni di vita minuti dopo che la rianimazione era stata dichiarata fallita. L'Eurac Research di Bolzano, insieme ad un'équipe internazionale, ha svolto uno studio approfondito per capire come è bene che i medici si comportino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato