Contenuto sponsorizzato

Mauro Ottobre corre da solo. ''Con il Pd? Solo se al posto di Tonini mettono Paolo Toniolli''

Il leader di Autonomia Dinamica fa chiarezza sulle voci degli ultimi giorni di un suo avvicinamento al centrosinistra: "Non ci sono gli spazi politici, uno spiraglio solo se Tonini fa un passo indietro e il nostro candidato viene candidato alla presidenza"

Di Donatello Baldo - 13 settembre 2018 - 18:52

TRENTO. "Io con il centrosinistra? Devo ammettere che dal Pd mi hanno cercato ma ho detto che di spazi di manovra ce ne sono pochi". Mauro Ottobre, leader di Autonomia Dinamica, vuol fare chiarezza: "Non sono di quelli che cercano poltrone o soluzioni vantaggiose. Noi andiamo da soli, con il sottoscritto candidato presidente".

 

Ma lei ha detto che gli spazi di manovra sono pochi, non ha escluso la possibilità di convergere su Tonini.

Non ci sono le condizioni, dai. Impossibile. Si potrebbe ragionare soltanto se decidessero di candidare presidente Paolo Toniolli, ex amministratore delegato di Itea, ex dirigente di A22, presidente dell'Aeroporto Caproni, curriculum da paura. Allora ci sto e sono a disposto pure a fare un passo indietro.

 

Su Tonini dunque no.

Ma se nemmeno l'Upt vuole Tonini. Andiamo da soli, con Ottobre candidato presidente.

 

Lei era stato il primo ad allearsi con Daldoss, poi Daldoss è evaporato nel giro di una giornata, politicamente morto.

Non è riuscito a gestire le pressioni, è andato nel panico. A un certo punto ha perso la bussola e non ha capito più nulla. Si è pure seduto a quel tavolo, andando lui in casa d'altri. Se voleva aprire una trattativa doveva pretendere il contrario, che fossero loro ad andare a casa sua.

 

Ma lei non ne sapeva nulla della volontà dell'ex assessore tecnico di aprire al centrosinistra?

Noi eravamo aperti a tutti, purché territoriali. Avevamo detto in mille lingue che i partiti nazionali non li volevamo. Ed è andato a sedersi al tavolo nella sede del Pd...

 

Quindi correrà da solo, al centro. 

Con chi dovrei correre, con il centrodestra? Sono ormai una Spa dove si spartiscono poltrone e incarichi. Con la Lega? Noi saremo gli unici capaci di fare una vera opposizione, l'unica forza che può tenere testa alla 'venetizzazione' del Trentino che la LEga porterà avanti.

 

E' già in campagna elettorale lei, con la Lega nel mirino...

Noi nella lista abbiamo Paolo Toniolli, che ha un curriculum che fa paura. Nella Lega l'uomo di punta è Alessandro Savoi, non vorrei conoscere gli altri...

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 09:56

Andrea Weiss (Apt val di Fassa): "Un comparto fondamentale nel breve termine dobbiamo prepararci. La promozione? Delicatissima, ci sono tanti morti e si rischia di urtare la sensibilità del turista. Si potrebbe guardare poi a Francia e Germania per il futuro della strutturazione delle ferie italiane"

29 novembre - 10:21

Secondo le prime informazioni, il governo dovrebbe mantenere misure piuttosto stringenti per evitare che i contagi tornino a salire. I dati non sono infatti abbastanza bassi da poter immaginare un "rompete le righe". Si valutano il blocco dello spostamento fra Regioni una settimana prima di Natale, l'assenza di qualsiasi deroga sul coprifuoco (che rimarrebbe alle 22) e un'apertura straordinaria dei negozi per evitare assembramenti

29 novembre - 09:06

Drammatico il bollettino del Coronavirus nelle ultime 24 ore in provincia di Belluno. Sono 196 infatti i nuovi contagi registrati, mentre 5 persone sono decedute in due strutture ospedaliere del capoluogo. Oltre 4600 gli attuali contagiati nel territorio provinciale. Nella mattinata di domenica 29 novembre si svolgerà inoltre lo screening mirato ad Auronzo di Cadore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato