Contenuto sponsorizzato

Nucleo Elicotteri, Fraccaro attacca Mellarini: "Ha cercato di occultare la verità in modo spregiudicato"

Dopo la timida richiesta di Donatella Conzatti di "dimissioni" rivolta al suo ex segretario oggi è il deputato 5 Stelle a riprendere l'inchiesta de il Dolomiti sui documenti dell'Enac che smentiscono le dichiarazioni dell'assessore provinciale alla protezione civile. Questa volta, però, all'analisi non segue nemmeno la richiesta di fare un passo indietro

Di Luca Pianesi - 17 febbraio 2018 - 18:32

TRENTO. "L'assessore Mellarini ha cercato di occultare la verità in modo spregiudicato". Così il deputato del Movimento 5 Stelle Riccardo Fraccaro sul caso portato alla luce da il Dolomiti che ha riguardato la riorganizzazione dei vertici del Nucleo Elicotteri della Provincia. I documenti esclusivi pubblicati negli scorsi giorni che dimostrano come l'Ente nazionale aviazione civile, dopo le verifiche condotte il 10 ottobre dal team ispettivo presso la base di Trento, scriveva alla Provincia frasi di questo tenore: è stata ravvisata "una sensibile carenza di supervisione e controllo sullo svolgimento delle operazioni all'interno dell'organizzazione" e il "verificarsi di deviazioni dagli standard normativi per la sicurezza delle operazioni, ammesse dal direttore delle operazioni di volo".

 

Il tutto era avvenuto all'indomani del secondo grave incidente in pochi mesi a un elicottero (il primo era caduto sul Nambino e il secondo aveva rischiato grosso a Pietramurata finendo per colpire con le pale dell'elica la parete). L'Enac, dopo quanto accaduto, quindi, aveva fatto controlli e imposto alla Provincia dei cambiamenti immediati di rotta visto che la gestione delle operazioni risultava non conforme alle procedure previste a livello nazionale. La Pat ha operato la riorganizzazione solo nell'ultimo momento utile (il primo dicembre) e il 4 l'assessore Mellarini la spiegava con queste parole:

 

 

 

Insomma, il contrario, rispetto a quanto documentato dalla nostra inchiesta e dagli atti dell'Ente nazionale aviazione civile. Le opposizioni, però, hanno dimostrato una volta di più perché sul territorio da sempre sono opposizione e tali rimarranno per molto tempo ancora. Solo Agire con Cia ha preso posizione sulla questione (producendo anche degli altri documenti importanti) in maniera chiara. Per il resto l'avversaria diretta di collegio di Mellarini, a Rovereto, Donatella Conzatti ha chiesto le dimissioni del suo ex segretario (prima era dell'Upt e oggi è candidata con Forza Italia) ma in maniera talmente timida da mostrare di non crederci nemmeno lei. Al contrario oggi Fraccaro pare cogliere la gravità dell'accaduto ma allo stesso tempo non riesce a formulare quella richiesta che dovrebbe apparire ovvia in circostanze simili. 

 

 

"I gravissimi episodi che hanno coinvolto il Nucleo elicotteri mettendo a repentaglio l’incolumità degli operatori - spiega Fraccaro - sono il frutto del mancato rispetto degli standard di sicurezza, delle carenze nella supervisione delle operazioni di volo e dell’inadeguatezza dei controlli sui relativi rischi. A certificarlo è l’Enac, che lo scrive nero su bianco nella relazione prodotta al termine dell’audit straordinario condotto dal team ispettivo. L’assessore Mellarini ha cercato di occultare la verità in modo spregiudicato".

 

Fraccaro si produce quindi in un buon riassunto di quanto da noi scritto in questi giorni: "Subito dopo l’ultimo dei due incidenti ai mezzi di elisoccorso l’Enac ha svolto delle ispezioni, rilevando enormi difformità rispetto alle procedure vincolanti previste dal manuale delle operazioni. Per questo ha classificato la criticità di livello 1 e avviato la procedura per limitare le operazioni di volo. Nonostante il livello di criticità imponesse di attivarsi subito, la Provincia se n’è infischiata per settimane e, per giunta, ha adottato iniziative autonome invece di attenersi alle prescrizioni dell’Enac. Solo dopo la controreplica dell’Ente, che ha lanciato l’allarme sul rischio di nuovi incidenti e dato un ultimatum di 10 giorni, la Provincia si è svegliata adottando una delibera di riforma del Nucleo elicotteri".

 

E quindi la conclusione: "Tuttavia - completa il deputato 5 Stelle - ha nascosto ai trentini le reali motivazioni di questa riorganizzazione, negando che ci fossero rilievi da parte degli enti preposti e anzi parlando di notevoli standard qualitativi, quando invece era stato assegnato il massimo livello di criticità. L’assessore alla protezione civile è stato di fatto commissariato dall’Enac e ha mentito ai cittadini mettendo tutti a rischio con i suoi comportamenti. Non si può disprezzare così – conclude Fraccaro – chi ogni giorno rischia la propria vita per salvarne delle altre: ai piloti e ai membri del Nucleo Elicotteri va tutta la nostra solidarietà". 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 19:05

Nel pomeriggio si è riunita la sala operativa della Protezione civile. In arrivo sono previste abbondanti precipitazioni che rischiano di appesantire i manti nevosi, già a rischio scivolamento a quote medio-alte, e di portare i corsi d'acqua al di sopra della soglia d'attenzione. La situazione dovrebbe cambiare nella serata di domani

18 novembre - 19:55

Terminate le ricerche della cagnolona che sabato era precipitata da cima Mandriolo. In migliaia hanno scritto ai padroni per sostenerli e per esprimere loro vicinanza e solidarietà ma oggi le operazioni si sono concluse. ''Questo post anche per testimoniare quante meravigliose persone ci abbiano aiutato e supportato, solo per il desiderio di farlo e per esserci vicini''

18 novembre - 19:41

L'allarme è scattato attorno alle 18.30. Sul posto oltre ai vigili del fuoco di Trento sono intervenuti anche gli agenti della polizia locale e i tenici di Novareti 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato