Contenuto sponsorizzato

A fianco della torre medievale spunta un appostamento fisso da caccia. Degasperi: ''Sarà in regola? Va comunque demolita''

Un manufatto che non è passato inosservato a Filippo Degasperi (Movimento 5 stelle) che attraverso un'interrogazione attacca la giunta provinciale: "Chiediamo chiarimenti e gli interventi del caso: la costruzione deturpa evidentemente il sito archeologico e va demolita"

Di Luca Andreazza - 12 maggio 2019 - 20:30

ARCO. Un appostamento fisso da caccia a pochi metri dal Castil, una costruzione militare e testimonianza storica presente sul Monte Velo nel comune di Arco. Un manufatto che non è passato inosservato a Filippo Degasperi (Movimento 5 stelle) che attraverso un'interrogazione attacca la giunta provinciale: "Chiediamo chiarimenti e gli interventi del caso: la costruzione deturpa evidentemente il sito archeologico e va demolita".

 

Il sito del Castil è inserito nel piano regolatore generale del comune di Arco quale area di "rispetto archeologico" e quindi la realizzazione di questo appostamento risulterebbe discutibile dal punto di vista dell’opportunità, ma anche contraria alle normative.

"La costruzione militare è dotata di cinta muraria e torre quadrata da 12 metri di altezza. Realizzata tra il 1200 e il 1300 - dice il consigliere provinciale del Movimento 5 stelle - viene menzionata per la prima volta in un documento del 1255, passata ai signori di Arco nel 1265. Quindi è stata incendiata nel 1703 in una delle scorribande dei soldati di Vedome". 

 

Il sito era stato poi adattato anche quale residenza di caccia. "Forse - dice Degasperi - per questo motivo che vicino ai ruderi del torrione è stato realizzato un appostamento fisso. L’articolo 27 della legge provinciale sulla protezione della fauna selvatica detta disposizioni generali in merito al posizionamento di simili manufatti: la normativa prevede poi la preventiva denuncia al comune territorialmente competente e la coerenza rispetto ai criteri stabiliti con deliberazione della giunta".

La deliberazione della Giunta disciplina i criteri e prevede che "nella localizzazione degli appostamenti fissi sono da evitare le aree sensibili da punto di vista paesaggistico, così come quelli panoramici o scorci di rilievo paesaggistico", ma soprattutto "aree limitrofe a complessi storico artistici isolati". Gli appostamenti possono essere inoltre realizzati esclusivamente in legno.

 

"Ma il manufatto - aggiunge il pentastellato - presenta anche una scala metallica. Ci risulterebbe poi che la situazione sia stata inutilmente già segnalata da tempo alla Stazione forestale. La costruzione sembra poi in stato di abbandono, oltre a deturpare la valenza paesaggistica del luogo".

 

E così arriva la segnalazione del consigliere provinciale che interroga il presidente Fugatti. "Ci chiediamo - conclude Degasperi - se la denuncia di costruzione sia arrivata al Comune, ma anche il dettaglio delle verifiche svolte tra presenza e compatibilità della realizzazione del manufatto. Un appostamento che andrebbe demolito per ripristinare il decoro del sito".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'11 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 maggio - 19:18
Trovati 44 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 69 guarigioni. Sono 848 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
11 maggio - 18:31
Bocciata dalla Corte Costituzionale la norma voluta dalla Lega del Trentino e attaccata duramente dall'opposizione. Il Pd: "Noi da sempre contrari, [...]
Cronaca
10 maggio - 17:29
Fino al 30 giugno è possibile presentare la domanda online per ottenere uno dei 25 alloggi a canone moderato nella Circoscrizione di Gardolo. Sul [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato