Contenuto sponsorizzato

Addio al Comitato faunistico, Dallapiccola contro Zanotelli: ''Un errore e metodo sbagliato, così si rischia l'abolizione della caccia in Trentino''

L'ex assessore commenta la decisione della neo titolare leghista. "Non ho mai partecipato in modo assiduo all'interno del Comitato, ma era un momento di autogoverno, i protagonisti del processo dovevano essere le varie componenti chiamate in causa, libere di confrontarsi. Invece hanno abdicato al loro ruolo"

Di Luca Andreazza - 24 febbraio 2019 - 18:40

TRENTO. "L'eliminazione del Comitato faunistico è un errore, così come il metodo non sembra corretto, seppur legittimo e prerogativa della giunta. Il rischio è quello dell'abolizione della caccia", queste le parole dell'ex assessore Michele Dallapiccola sul provvedimento della neo titolare Giulia Zanotelli per semplificare il quadro normativo che disciplina la caccia e operare la revisione della legge, ormai trentennale (Qui articolo).

 

Un risultato è l'addio al Comitato faunistico provinciale, che tra i componenti vedeva anche i membri del Wwf, della Lipu, Legambiente, di Pan-Eppaa e altri movimenti ambientalisti per istituire un tavolo faunistico provinciale che dovrebbe assicurare l’informazione, la partecipazione e il raccordo tra la Provincia e i soggetti coinvolti nei vari aspetti della gestione faunistica, anche ai fini della programmazione delle iniziative e degli interventi per la tutela del patrimonio faunistico e per l’esercizio della caccia.

 

"E' vero - commenta il consigliere provinciale del Patt - non ho mai partecipato in modo assiduo all'interno del Comitato nei 25 incontri totali, ma ho preso parte a circa 250 riunioni con il Servizio foreste e fauna della Provincia istituite ogni lunedì mattina: ho sempre seguito tutte le questioni. La scarsa presenza in Comitato ha una ragione semplice: si trattava di un momento di autogoverno, i protagonisti del processo dovevano essere le varie componenti chiamate in causa, libere di confrontarsi e fare sintesi. Il mio ruolo era quello di intervenire quando serviva un punto di vista politico e non tecnico, ma anche in caso di temi particolarmente delicati oppure se era necessaria una mediazione tra le parti".

 

Un problema che non sembra più porsi dopo la soppressione di questo organo. "Ora - evidenzia Dallapiccola - sembra che queste realtà, cacciatori in primis, abbiano preferito abdicare al proprio ruolo per sedersi intorno al nuovo tavolo, più interlocutorio che decisionale. Una decisione improvvisa, senza il giusto coinvolgimento".

 

Una linea dettata dalla giunta, una decisione che rientra tra le sue prerogative. "Nulla da eccepire sulla facoltà del governo provinciale di agire in questo modo - aggiunge l'ex assessore - ma la metodologia è risultata poco opportuna. A mio avviso si sarebbe dovuti passare attraverso le commissioni consiliari per aprire un dibattito e affrontare eventuali criticità. Invece hanno tagliato fuori praticamente tutte le realtà ambientaliste e animaliste, senza un confronto".

 

E l'assessore mette le mani avanti e lancia un campanello d'allarme. "E' difficile recuperare la fiducia e valorizzare ambientalisti e animalisti - conclude Dallapiccola - se si tradisce la loro fiducia. E' stato difficile gestire e ricucire i rapporti dopo il caso di Daniza. Ma questo atteggiamento della nuova giunta rischia di aprire un altro pericolo: se dovesse passare l'ipotesi del referendum a quorum 25% e non si stabilisce un dialogo con queste componenti importanti della società, allora l'abolizione della caccia in Trentino potrebbe essere dietro l'angolo".  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 17:44

Quando i carabinieri si sono affacciati dalla porta del bar, aperto nonostante le restrizioni, all’interno hanno individuato 9 clienti, di questi due non indossavano la mascherina. Stessa sorte anche per un altro locale della zona

24 novembre - 08:24

E' successo ieri, il piccolo stava giocando in casa mentre i genitori erano occupati in altre faccende. Ad un certo punto si è aggrappato ad un mobile che gli è poi caduto addosso. Inutili purtroppo i tentativi di tenerlo in vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato