Contenuto sponsorizzato

''Dopo la botta siamo rimasti tramortiti''. Il Pd cerca di rialzarsi, Andreatta: ''Nostro avversario la cultura leghista''

A Trento la conclusione degli incontri sul territorio dei consiglieri provinciali. Tonini: "Ora fase congressuale, tenendo presente unità e pluralismo". In platea anche Dellai, Fravezzi e Ghezzi. Gilmozzi: ''Ripartiamo dall'umiltà''

Di Donatello Baldo - 13 gennaio 2019 - 05:01

TRENTO. Quattro incontri sui territori e la conclusione del mini-tour a Trento, con gli iscritti ma anche con qualche alleato o possibile interlocutore. In platea anche il sindaco Alessandro Andreatta, anche il "mitico" Lorenzo Dellai (così l'ha definito presentandolo Giorgio Tonini), l'ex senatore Vittorio Fravezzi in rappresentanza dell'Upt e Paolo Ghezzi di Futura.

 

Si è notata l'assenza del Patt. "Abbiamo invitato Rossi e Panizza ma hanno preferito non venire - osserva comprensivo Tonini - perché gli autonomisti attraversano un momento di riflessione, non dobbiamo forzare. Sono attratti dalle posizione block-frei ma sono anche in maniera netta all'opposizione e questo è un dato per nulla scontato".

 

La riunione che si è svolta al Centro Santa Chiara è forse il primo tentativo di ripartenza per il Partito democratico, dopo l'annus horribilis della doppia sconfitta alle nazionali e alle provinciali.

 

"Abbiamo preso una botta tale che rimanere a terra tramortiti è una cosa che ci sta - osserva il capogruppo pd in Consiglio provinciale - ma l'importante è rialzarsi e reagire. Quello che abbiamo fatto in queste settimane è proprio il segnale di ripresa per avviare al meglio la stagione congressuale".

 

Perché c'è il congresso, anche se il dibattito è in sordina, e a breve si decide sul futuro della dirigenza sia nazionale che locale. "Ora i circoli discuteranno sulle mozioni e dal 25 gennaio ci saranno anche le candidature dei segretari provinciali". Le prossime settimane saranno intense per i democratici, chiamati a immaginare il loro futuro, sia a Trento che a Roma.

 

Il consiglio di Tonini è saper tenere insieme unità e pluralismo. Un consiglio arrivato dopo lo sfogo di Italo Gilmozzi che ha chiesto un congresso 'risolutivo', quasi un duello tra le posizioni: "Ci sia un confronto ma poi chi non si adegua se ne vada", perché il rischio a detta sua è che si continui con un partito in cui "ognuno la pensa a modo suo".

 

Quello di Gilmozzi è stato uno sfogo. "Dobbiamo chiedere scusa agli elettori perché siamo stati noi a combinare tutto questo. Abbiamo fatto perdere credibilità al Partito democratico trentino, non siamo riusciti a dare visioni diverse, a differenza del centrodestra che infatti ha vinto".

 

E l'ex segretario se l'è presa anche con la supponenza del Pd: "Dobbiamo smetterla di dire che noi siamo quelli intelligenti e gli altri sono tutti ebeti. Basta guardare tutti dall'alto in basso. Io lo dicevo: se vado a un dibattito con Moranduzzo che tutti considerano politicamente un minus habens, vince lui, la gente vota lui. Dobbiamo capire il perché, il perché siamo arrivati a questo".

 

(Successivamente a questa dichiarazione, con la definizione di Moranduzzo come minus habens, seppur in senso politico, Gilmozzi precisa che "non era intenzione offendere in alcun modo il consigliere, anzi, come per altro è stato riportato, lo scopo era sottolineare il consenso elettorale dello stesso, ottenuto grazie alla sua capacità di interloquire con la comunità e le sue esigenze". Si scusa per l'eventuale "fraintendimento" e conferma "la stima nella sua persona")

 

Tra gli interventi anche quello del sindaco Andreatta. La sua lettura della situazione è puntuale: "Siamo passati dalla cultura del berlusconismo a quella del leghismo. La cultura della paura, l'immagine e la semplificazione al posto della sostanza e della riflessione. Oggi - ha sottolineato il sindaco - le competenze sembrano non servire, sono messe ai margini".

 

Per il primo cittadino serve un Pd "che non basti a se stesso", toccando il punto delle alleanze e della costruzione dell'alternativa. Questione solo abbozzata, non sviscerata (forse si farà al congresso). Questione però urgente perché il sindaco sa bene e lo lascia intendere: ci sono sfide elettorali nel breve e medio termine, le suppletive e le comunali del 2020.

 

Il tema della sicurezza non poteva essere ignorato, non dal sindaco Andreatta che su questo è continuamente tirato per la giacca. "Di sicurezza abbiamo cominciato a parlarne nel 2008. In quel tempo sembrava che l'illuminazione risolvesse tutto, e illuminammo le zone più buie. Poi sembrava che la soluzione fossero le telecamere e ne mettemmo tante. Poi si diceva che gli spazi devono diventare luoghi, e ci fu l'intervento sull'arredo urbano".

 

Un racconto quasi divertente della storia della sicurezza a Trento, che è proseguito con la descrizione delle altre 'richieste' risolutive: "Poi si scopre che il cittadino si tranquillizza se vede uomini in divisa, e questo è vero. Allora aumenti degli agenti, ma poi ci vuole anche il presidio fisso, poi la cittadinanza attiva con i cittadini che partecipano al controllo del territorio".

 

E poi arriva la proposta di Fugatti: "Mette 50 mila euro per un solo anno per mettere guardie giurate davanti a delle chiese, meglio se una sola, meglio se quella di Santa Maria. Solo per una anno, solo con 50 mila euro e con l'obbligo di non fare progetti strutturali. Ora - dice Andreatta - se dico no a 50 mila euro dicono che non voglio investire sulla sicurezza. Vedremo come fare".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

Il governatore del Trentino intende incontrare il ministro pentastellato, che aveva impugnato il ddl lupo della precedente giunta provinciale, per avviare un confronto e risolvere le criticità. Dorfmann: "Dicotomia tra le aree di montagna e le zone rurali da un lato contro le popolazioni metropolitane dal maggior peso elettorale e che non comprendono le nostre difficoltà dall'altro"

18 gennaio - 12:44

Previste simulazioni nazionali per i primi due scritti. Si inizia a febbraio, secondo test a marzo e aprile. Il colloquio orale rimane pluridisciplinare

18 gennaio - 11:57

Entrambe sono state trasportate all'ospedale Santa Chiara fortunatamente con ferite lievi. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato