Contenuto sponsorizzato

Fratelli d'Italia vota per le primarie e sceglie anche con chi allearsi. De Bertoldi: ''Ricostruiamo il partito verso le europee e le comunali del 2020''

Doppio voto: dei delegati che parteciperanno alla conferenza programmatica di Torino e sulle idee. Quattro quesiti su eventuali coalizioni, sul ruolo di Meloni in Europa, sul reddito di cittadinanza e sul governo nazionale

Pubblicato il - 06 aprile 2019 - 19:59

TRENTO. Giornata di voto per gli iscritti a Fratelli d'Italia. Anche nella sede di passaggio Zippel, come a Bolzano e in altre sedi locali d'Italia, sono in corso le primarie per eleggere i delegati che andranno alla conferenza programmatica del partito che si terrà a Torino il 13 e il 14 aprile e (contestualmente) le "primarie delle idee". Un'occasione quella di oggi, dice il senatore trentino Andrea de Bertoldi, per fare il punto sui temi in vista delle elezioni europee di maggio e dell'appuntamento elettorale delle comunali del 2020.

 

Un enorme tricolore installato sul soffitto, al centro di una scrivania l'urna elettorale con un'immagine di Giorgia Meloni e uno slogan riferito alle elezioni di maggio: "In Europa per cambiare tutto. Torniamo a difendere l'Italia". Così si presenta la sede del partito di Trento durante le primarie. L'appuntamento è doppio, con l'elezione di chi parteciperà alla conferenza programmatica di Torino e un sondaggio sulle idee politiche della base.

"Quello di oggi - spiega il senatore trentino Andrea de Bertoldi - è un appuntamento verso Torino, che sarà un momento di apertura verso le elezioni europee. Una conferenza programmatica alla quale prenderanno parte i delegati eletti in tutte le province d'Italia. Dal Trentino Alto Adige ne arriveranno una sessantina su un totale nazionale di oltre 1.400 delegati".

 

E proprio i circa 30 delegati del Trentino sono in fase di elezione. I candidati delegati in provincia sono "una cinquantina", fanno sapere da Fratelli d'Italia. Persone scelte tra gli iscritti al partito o che (ed è questo il caso dei simpatizzanti) che hanno sottoscritto il manifesto dei valori di Fratelli d'Italia. Ai delegati eletti si aggiungeranno poi quelli "di diritto", sindaci, parlamentari, consiglieri provinciali e regionali.

 

Una partita alla quale si aggiunge quella delle idee: le persone che hanno scelto di votare sono chiamate anche a esprimere la loro posizione su quattro quesiti politici. "Le scelte che Fratelli d'Italia deve fare. Esprimi la tua opinione" recitano le due schede (ognuna con due domande a risposta chiusa, "a crocette") che sono date da compilare ai votanti.

 

La prima domanda: "Nelle elezioni che richiedono alleanze di coalizione, secondo te, Fratelli d'Italia dovrebbe correre con (e qui la scelta è lasciata all'elettore tra tre opzioni, ndr): il centrodestra: FdI, Lega e Forza Italia; Fratelli d'Italia e Lega; non dovrebbe fare alleanze".

 

La seconda domanda: "Se alle prossime elezioni europee dovessero affermarsi le forse sovraniste di cui FdI fa parte, Giorgia Meloni dovrebbe: fare il commissario europeo per fermare l'immigrazione di massa in Europa o continuare a occuparsi prevalentemente delle questioni nazionali".

Domanda numero 3: "Lo Stato spenderà molti miliardi per il reddito di cittadinanza, risorse che avrebbe potuto spendere per ridurre le tasse e sostenere le imprese che assumono. Cosa dovrebbe fare FdI?". La scelta in questo caso è triplice: "Un referendum per abolire il reddito di cittadinanza" oppure "Battersi in parlamento per modificarlo" o "Aspettare di vedere i risultati di questa misura".

 

L'ultima domanda è invece: "Fratelli d'Italia ha tenuto con il governo Grillo leghista una posizione di "opposizione patriottica" votando le misure utili e contestando quelle dannose. Secondo te questo governo (prima scelta) sta facendo bene, va aiutato; (seconda scelta) sta paralizzando la nazione, prima cade meglio è; (terza scelta) giusta la posizione di FdI di valutare le singole misure del governo".

"Alle elezioni europee andiamo con l'idea di arrivare "in Europa per cambiare tutto" - spiega il senatore de Bertoldi - Vorremmo un'Europa più dei popoli e meno dei tecnocrati. Siamo entrati nel gruppo dei conservatori riformisti in Europa. Un'evoluzione in senso liberal-democratico". Poi l'accenno alla situazione nazionale: "Vogliamo porci come la seconda gamba della destra per il Paese".

 

Il focus torna poi, sempre con le parole del senatore Andrea de Bertoldi, al livello provinciale: "Con molto entusiasmo - dice - siamo ripartiti da zero dopo l'abbandono della presidente nell'estate 2018. Abbiamo ricostruito il partito in tutte le valli del Trentino". Un vero e proprio tour del territorio quello compiuto dal senatore che ha toccato e sta toccando in questi giorni l'Alto Garda, le valli di Fiemme e Fassa e la Valsugana.

 

De Bertoldi parla proprio di un "percorso di radicamento territoriale" e, a chi gli chiede quale sia la direzione d'azione del dopo-Poletti risponde: "Dopo Poletti abbiamo trovato un partito inesistente. Siamo dovuti ripartire da zero. Abbiamo apportato dei cambiamenti in termini umani e politici, di linee programmatiche. L'obiettivo per il 2020 è quello di essere presenti e conquistare Trento andando al governo. Vogliamo dare al nostro Paese e al Trentino una politica da destra di governo, finalmente veramente patriottica e finalizzata ai bisogni degli italiani, alla ripresa che con questo governo giallo-verde non si vede ancora".

 

Inevitabile, poi, la domanda sulla vicenda che ha visto le dimissioni della ex presidente di Fratelli d'Italia e candidata di Civica Trentina Marika Poletti dal ruolo di capo di gabinetto dell'assessore Gottardi (quiqui e qui articoli): "Su questo non c'è nulla da dire perché Poletti per il partito rappresenta un periodo passato. Ora di lei parli il partito che prima la ha presa e poi l'ha allontanata" risponde de Bertoldi.

I risultati delle primarie per i delegati e "delle idee" si sapranno nei prossimi giorni, quando i voti avranno passato la "convalida" che avverrà a Bolzano. Intanto un'anticipazione per le europee: da Fratelli d'Italia fanno sapere che "per la regione Trentino Alto Adige ci sarà una candidata, una donna, che sarà anche in posizione utile". Il nome, al momento, è top secret, ma negli ambienti vicini al partito circola quello di Francesca Gerosa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato