Contenuto sponsorizzato

La commissione maltempo incontra tutti ma della giunta neanche l'ombra. Rossi: ''Paradossale''. Manica: ''C'è stata più discussione qui che per il bilancio''

Tutti i soggetti coinvolti nella questione maltempo (dagli imprenditori, alle amministrazioni locali, dagli artigiani, ai sindacati, dalle asuc ai vigili del fuoco) sono sfilati davanti alla commissione ma l'assessora Zanotelli non si è mai fatta vedere. L'ex presidente della Pat: ''Mancanza di rispetto verso chi è venuto a porci questioni cruciali e chiede risposte politiche''

Di Luca Pianesi - 12 febbraio 2019 - 20:33

TRENTO. ''Anche oggi l'assessora Zanotelli non c'era. Sta diventando una cosa paradossale. Stiamo affrontando il tema dei temi, quello del maltempo e dei danni causati al patrimonio boschivo. Abbiamo incontrato tutta la filiera del legno, dagli imprenditori ai commercianti, dagli artigiani alle Asuc, dal consorzio dei comuni, ai rappresentanti della Magnifica Comunità di Fiemme e poi le parti sociali e chi più ne ha più ne metta. E la figura di riferimento di questo governo provinciale non era presente''. C'era, invece, eccome l'ex presidente della Provincia Ugo Rossi in sede di commissione speciale maltempo. Ed è stato lui, assieme a Manica del Pd a sottolineare la totale assenza di rappresentanti della giunta, a raccogliere le posizioni del mondo dei boschi e del legname, tutte le figure chiave che hanno vissuto e stanno vivendo i danni dal maltempo di fine ottobre.

 

Perché a questo la commissione serviva. Ad ascoltare le categorie, rassicurarle, raccogliere le loro istanze per poi decidere quali politiche adottare. ''Eppure non si è mai visto nessuno nemmeno la nuova assessora Zanotelli - spiega Rossi - una mancanza di rispetto assoluta per i tanti che sono venuti a parlarci a riferirci problemi e criticità. Un segnale di profonda debolezza. Qui ci sono presidenti di categorie, direttori di aziende, amministratori che chiedono risposte, che in qualche modo vanno rassicurati. Per esempio vorrebbero sapere l'approccio qual è rispetto agli alberi schiantati al suolo: salvaguardare il legname e quindi lasciarlo a terra o recuperarlo il più velocemente possibile per liberare il sottobosco per turisti e camminatori? O ancora: ci sono seconde case a Dimaro che la gente del posto affitta a turisti. Secondo i criteri in essere avrebbero diritto a minori contribuiti e sostegno. Ma non sono le case di ricconi che da fuori vengono qui a fare le vacanze. Sono case di persone del posto. Che si fa? Io ho vissuto da presidente della Pat Moena e da assessore la terribile frana di Piné del 2010. In entrambi i casi eravamo intervenuti rapidamente e in sostegno alle comunità locali. Qui che si vuole fare?''.  

 

Ed effettivamente quella di oggi è stata davvero una commissione cruciale. Presieduta da Ivano Job, la Commissione speciale di studio sui danni causati dalla tempesta Vaia e sulle conseguenti misure di intervento, ha iniziato le audizioni dei principali
soggetti e rappresentanti dei territori interessati e coinvolti dal disastro ambientale. Ad essere sentito per primo è stato il Consiglio delle autonomie locali – Consorzio dei Comuni. A seguire l'organismo ha raccolto le valutazioni dell'Associazione provinciale delle Asuc, delle Consortele di Rabbi, della Magnifica Comunità di Fiemme, della Regola feudale di Predazzo, delle Regole di Spinale e Manez e la Federazione dei corpi dei vigili del fuoco volontari della Provincia autonoma di Trento.

 

Poi sono interventi il Coordinamento provinciale imprenditori, la Camera di commercio e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil. In ordine i Comuni hanno ipotizzato l'intervento diretto della Pat per calmierare il mercato del legname. Le Asuc e le Regole hanno sollecitato il ripristino del paesaggio e dei sentieri. La Magnifica Comunità di Fiemme si è detta preoccupata per i mancati guadagni futuri dovuti alla riduzione dei volumi dei boschi mentre gli imprenditori del legno hanno chiesto un'azione della Pat per sostenere i prezzi, incentivando lo stoccaggio del materiale pregiato. Il sindacato invece si è detto preoccupato per la sicurezza del lavoro e ha chiesto che i lavoratori del Progettone non vengano utilizzati nei lavori di ripristino. Sì invece al potenziamento dei Bacini Montani.

 

Insomma di carne al fuoco ce n'è stata davvero tanta. Ugo Rossi e Alessio Manica a conclusione lavori sono stati i più critici rispetto alla mancata presenza di esponenti dell'esecutivo. L'esponente Pd ha ricordato inoltre che è stato fatto più confronto con la società in questa commissione, che non sulla variazione di bilancio. ''Manca la capacità di confrontarsi - conclude Rossi - forse perché mancano davvero le risposte alle domande che arrivano dalla società. Un brutto segnale''.

 

La seduta è stata quindi chiusa da Ivano Job che ha sottolineato che sul recupero di sentieri il Progettone potrà essere impiegato mentre, sulla mancata presenza della Giunta ha detto che si farà interprete delle richieste di Rossi e di Manica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 19:12

Tantissimi i giovani e le famiglie che sono arrivate a Trento accogliendo la proposta del popolo delle sardine di scendere in piazza per ribadire la loro distanza da odio, rabbia e populismo

06 dicembre - 17:07

L'ex presidente della Pat ribadisce oggi la sua distanza dalla Lega di Salvini con un messaggio di solidarietà alle tante persone che tra poco si riuniranno in Piazza Dante: ''Non ci sarò perché penso loro preferiscano essere neutre politicamente. Ma faccio tanti auguri!''

06 dicembre - 11:12

Le abbondanti precipitazioni nevose delle ultime settimane hanno favorito l'inizio della stagione del letargo. Ecco quindi un orso che, sul Brenta orientale, è impegnato a raccogliere materiale vegetale per prepararsi la tana in vista del letargo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato