Contenuto sponsorizzato

La giunta dà il via libera, in ritardo, ai premi per lo sfalcio e incrementa del 10% i contributi, ma i pagamenti potrebbero comunque tardare

Sembra una buona notizia per gli agricoltori: la giunta provinciale ha rimodulato la pianificazione finanziaria delle risorse per il Psr 2014/2020 sulla Misura 10. La Provincia, già in ritardo sui pagamenti, ha anticipato risorse dalla prossima annualità, ma potrebbe non bastare per rispettare i tempi: incombe la certificazione anti-mafia

Di Luca Andreazza - 18 marzo 2019 - 05:01

TRENTO. Via libera della Provincia ai premi per lo sfalcio. "Riteniamo prioritario in questo momento il raggiungimento degli obiettivi di salvaguardia e ripristino della biodiversità e di prevenzione dell'erosione dei suoli, oltre che la salvaguardia del patrimonio genetico di alcune importanti razze locali e delle specie vegetali", commenta l'assessora Giulia Zanotelli, che aggiunge: "L'intenzione è quella di limitare il ricorso a tagli lineari che potrebbero disincentivare la pratica dell'alpeggio e lo sfalcio dei prati, indispensabili per fermare l'avanzata del bosco".

 

Sembra una buona notizia per gli agricoltori: la giunta provinciale ha rimodulato la pianificazione finanziaria delle risorse per il Psr 2014/2020 sulla Misura 10, quella relativa ai pagamenti agro-climatico-ambientali che riguarda i premi per lo sfalcio dei prati, per l'alpeggio, razze in via di estinzione, produzioni vegetali di pregio da tutelare come la farina da polenta spin di Caldonazzo e gialla di Storo.

 

Insomma sembra tutto perfetto, ma non è così. La giunta lavora soprattutto di tecnicismi per provare a ridare ossigeno al comparto, ma il fiato potrebbe essere già corto. Questo è un provvedimento che viene messo in campo di anno in anno per sostenere gli agricoltori e si articola in tre fasi. Si presenta la domanda dodici mesi prima, ipotizziamo il 2018, quindi arriva un anticipo entro fine anno, solitamente novembre, e il saldo nel 2019. 

 

La Provincia è però in ritardo per questa annualità, nonostante nella scorsa legislatura sia stata stanziata la somma di 1 milione di euro, aggiuntiva ai fondi già previsti, per un provvedimento di Mario Tonina in versione centrosinistra. Un milione che però poi è stato bloccato dalla coalizione di centrodestra, così come tante altre risorse, per far fronte all'emergenza maltempo. Un'operazione legittima, ma altrettanto legittimo che ora gli agricoltori chiedano che i rubinetti vengano riaperti.

 

Nel frattempo dalla capitale dovrebbero arrivare circa 200 milioni per la ricostruzione e allora l'assessora si è mossa per sbloccare i pagamenti dei contributi. Il milione è sempre congelato e la giunta ha addirittura anticipato le risorse del 2019 per circa 400 mila euro sulle domande del 2018 e la Misura 10 è così attuabile. Intanto per trovare le coperture per il prossimo anno ci si pensa più avanti. 

 

Non solo. Il provvedimento aumenta anche la percentuale di contribuzione a favore del settore. La delibera prevede in sostanza la liquidazione al 100% del contributo 2017 per il premio sfalcio (500 agricoltori interessati che due anni fa si erano visti assegnare "solo" il 90%) e l'incremento dall'80 al 90% delle domande presentate nel 2018 sulla Misura 10.

 

Forse una captatio benevolentiae, una specie di "scusate il ritardo". Ci sono però da liquidare due tranche contemporaneamente e qui arriva il nodo più grosso. Le cifre a questo punto sono per la gran parte superiori ai 25 mila euro: il risultato è che si deve passare attraverso il via libera della certificazione anti-mafia, i più "sfortunati" anche nei controlli a campione di Agea

 

Insomma, l'ingranaggio si sarebbe già un po' inceppato. In pratica, le domande e le assegnazioni passano da piazza Dante al commissariato del governo di Trento, dove gli uffici sono chiamati a dare il via libera definitivo dopo la certificazione anti-mafia e si possono distribuire i contributi. Il rischio è semplice da intuire: gli agricoltori potrebbero aspettare ancora diversi mesi per vedere i bonifici.   

 

Una situazione probabilmente già arrivata sulla scrivania dell'assessora. "Ci stiamo muovendo - dice Zanotelli - questa giunta provinciale ha chiesto sostanziali modifiche alla normativa anti-mafia. Sappiamo bene quanto i ritardi nella corresponsione degli aiuti creino problemi. Su questo fronte siamo impegnati con Coperfidi e altri soggetti per capire quali strumenti possono essere messi in campo per aiutare le nostre aziende agricole ed in particolare i giovani agricoltori".

 

Si spera che questa volta la Lega trentina possa essere ascoltata da quella romana per ricevere un aiuto nella gestione dei pagamenti, anche senza anti-mafia, ma i precedenti non inducono all'ottimismo e già si lavorerebbe al piano B per provare a liquidare i contributi nei tempi prestabiliti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 aprile - 12:55

Sono quattro i percorsi ai quali si lavora per toccare tutta l'Italia, da Nord a Sud, da Est a Ovest. L'intenzione è quella di marciare insieme e organizzare incontri in varie città per giovedì 20 giugno in occasione della giornata mondiale del rifugiato

23 aprile - 16:11

Un settore davvero strategico per il Trentino, tanto da riservare una quota non inferiore allo 0,25% delle entrate annuali facendolo riconoscere a livello internazionale per i tanti interventi portati avanti. Le opposizioni: "Ma non dicevano di volerli aiutare a casa loro? Solo slogan senza prospettiva". Dopo la proposta di disegno di legge, Futura interroga Fugatti

24 aprile - 15:46

Dopo alcune segnalazioni gli agenti hanno avviato le indagini, mentre l'amministrazione comunale ha installato appositamente alcune telecamere per poter monitorare in modo continuo il cimitero di Tione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato