Contenuto sponsorizzato

Elezioni, Bolzano non si Lega e vince ancora Caramaschi. Zanin si ferma a quasi 15 punti di distanza

La sfida che al primo turno sembrava dare il candidato della destra avanti, salvo poi vedere il centrosinistra chiudere avanti di un punto, è andata all'ex sindaco

Di Luca Pianesi - 04 ottobre 2020 - 22:20

BOLZANO. Zanin - Caramaschi, Caramaschi - Zanin. Il ballottaggio a Bolzano è una sfida tra i due storici blocchi contrapposti con il centrosinistra autonomista che ha trovato il sostegno anche dell'Svp, che, così è stato spiegato, ha preferito la serietà e l'affidabilità del sindaco uscente alla compagine avversaria che al suo interno presentava anche frange di estrema destra nazionale.

 

Dall'altro lato, infatti, la destra più destra con Lega e Fratelli d'Italia a fare la voce grossa nel blocco che sostiene l'imprenditore Roberto Zanin. La partita ha visto i due blocchi arrivare al via del ballottaggio con una distanza minima, solo un punto percentuale con Renzo Caramaschi avanti con il 34% e Zanin dietro con il 33,1%. Più dietro l'Svp di Luis Walcher che si era fermata al 13,5% e che ha deciso per l'apparentamento con il centrosinistra e i candidati Gennaccaro (7,7%), Thomas Brancaglion (4,9%), Maria Teresa Forini (2,7%), Pulisi Ghizzi Maurizio (2,6%) e altri (poco più dell'1%).

 

Il ballottaggio ha visto crollare l'affluenza di ben 13 punti percentuali (dal 60,7% al 47,3%). A più di un terzo di spoglio delle schede (a 30 sezioni su 80) Caramaschi e il centrosinistra autonomista avevano 5 punti percentuali di distanza dalla destra di Zanin (53% contro 47%). Con il passare del tempo (e delle sezioni scrutinate) la vittoria di Caramaschi si è andata sempre più delineando: un successo netto con oltre 10 punti percentuali: 57% contro il 43% di Zanin.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

20 gennaio - 19:17

Il 21 gennaio 1921 il Partito socialista italiano, riunito a Livorno per il XVII Congresso, si spaccò. Una componente fuoriuscita fondò il Partito comunista d'Italia, forza che avrebbe segnato la storia del '900 italiano. Quella rottura fu però anche il sintomo della difficoltà a leggere il presente, con il fascismo che l'anno successivo avrebbe preso il potere. Lo storico Marcello Flores: "Nel momento in cui serviva maggiormente unità, ci si frantumò sulla rivoluzione. Ma la prospettiva rivoluzionaria era scomparsa"

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato