Contenuto sponsorizzato

Elezioni comunali, per le donne il momento è questo: da Maria Devigili ad Aisha Ashfaq da Jennifer Pezzini a Paola Martinelli +Italia Viva è ''femminista''

Le liste di Italia Viva sono miste e paritarie in tutto il Trentino e la presenza femminile è piuttosto alta: nella lista civica di Rovereto a sostegno del candidato sindaco Valduga, le donne sono il 60% e a Lavis, che oltre ad esserci una lista paritaria, c’è una candidata sindaca donna, Maria Devigili. Ecco come si sono presentate alla cittadinanza

Di Claudia Schergna - 14 agosto 2020 - 11:37

TRENTO. Tante donne in lista e tanta voglia di cambiare le cose, questa volta per davvero. Italia Viva, qualche giorno fa, ha scelto Piazza Santa Maria, a Trento, per presentare le sue candidate alle prossime comunali. I tema cardine era quello della parità di genere, sia in politica, che nella vita lavorativa e sociale di tutti giorni. Donatella Conzatti, senatrice di Italia Viva, ha ricordato come il diritto alle pari opportunità in politica sia sancito dall’articolo 51 della Costituzione, ma ancora non venga rispettato appieno in molte zone d’Italia compresa la nostra regione.

 

“In Trentino questo principio costituzionale viene applicato a livello provinciale, tramite la preferenza di genere ma in Alto Adige ancora no - spiega Conzatti -. Questo è grave ovunque ma è ancora più grave per una regione autonoma come la nostra, che dovrebbe essere all’avanguardia”. La senatrice Conzatti ha spiegato che cosa significherà votare con la preferenza di genere: si sceglierà cioè un candidato a piacere come prima preferenza, mentre la seconda scelta dovrà essere di genere opposto.

Le liste di Italia Viva sono miste e paritarie in tutto il Trentino e la presenza femminile è piuttosto alta: nella lista civica di Rovereto a sostegno del candidato sindaco Valduga, le donne sono il 60% e a Lavis, che oltre ad esserci una lista paritaria, c’è una candidata sindaca donna, Maria Devigili.

 

“Metteremo in atto delle scelte che incentivino le assunzioni al femminile e l’imprenditorialità, perché non si parli più di conciliazione dei tempi per la famiglia e quelli per il lavoro - conclude Conzatti -. Ci sono poche liste che hanno fatto la scelta di essere femministe. Noi ci crediamo tantissimo, ci crediamo per queste amministrative, ci crederemo ancora di più per le prossime provinciali”.

 

Paola Martinelli, coordinatrice di +Trento Viva, ha ricordato che tra le priorità della lista c’è quella di avere una città che offra più opportunità alla donne: “Abbiamo scritto femminista nel programma, lo perseguiamo nei fatti”. Elisabetta Zanella, di + Trento Viva, ha affermato che Franco Ianeselli è un candidato ottimale per ottenere questo cambiamento: “Abbiamo un candidato sindaco molto sensibile sul tema. Bastano piccoli gesti: come per esempio l’orario con cui si convocano i consigli comunali è un tema importante perché spesso è inconciliabile con altri incarichi di cura, che spesso ricadono sulle donne. Sono stufa di sentirmi chiedere ‘come fai con i bambini?’. Servono piccoli passi concreti per darci la possibilità di dare il contributo alla città”.

 

Nell’intervento della candidata sindaca per Lavis, Maria Devigili, si è rimarcata la necessità di investire nella cultura, per avere una società più aperta e inclusiva: “Vengo da una famiglia contadina - ha raccontato - quindi conosco il problema: purtroppo nella piccole realtà isolate e di campagna c’è ancora tanto maschilismo”.

 

Molte altre candidate hanno poi espresso il loro punto di vista sul tema e spiegato il motivo della loro candidatura. Laura Bazzanella, nella lista di Lavis a sostegno di Devigili, ha raccontato: “Come musicista donna mi sono sempre resa conto che dovevo dimostrare il triplo degli uomini per ottenere l’1% della considerazione che avevano loro”.

 

Jennifer Pezzini, candidata con +Trento Viva, è non vedente dalla nascita. Ha parlato della necessità di offrire più opportunità sia per le donne che per le persone disabili: “Ho voluto candidarmi per essere capita: bisogna includere i disabili, sopravvalutarli, tante volte si viene sottovalutati per il proprio handicap e per il proprio genere e non si viene valorizzati”.

 

Aisha Ashfaq, candidata nella lista di +Trento Viva e per la circoscrizione di Gardolo, ha portato la sua esperienza come immigrata di seconda generazione: “Sono nata a Trento da una famiglia pakistana. Io mi sento un’italiana, una trentina che però non ha messo da parte le sue origini. Mi candido perché non mi sento rappresentata, secondo me mancano figure che ritraggano l’esperienza di persone con origine straniere. Voglio far passare il messaggio che c’è bisogno di lottare contro gli stereotipi e i pregiudizi legati alle donne che provengono da contesti socio-culturali diversi da quelli italiani e da quelli occidentali, come il mio”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 settembre - 05:01

Era impiegato fino a 12 ore giorno per pochi euro alla settimana, lavoratore in nero soccorso dalla guardia di finanza: Sono senza un euro ma sono sollevato. Se il futuro mi preoccupa? Certo, ma almeno ora posso affrontarlo a testa alta”

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato