Contenuto sponsorizzato

La ministra Bonetti a Trento: “In politica più spazio alle donne”. Conzatti: “Ripristinare i corsi nelle scuole per promuovere la parità di genere”

La senatrice trentina Conzatti e la ministra Bonetti hanno incontrato i candidati sindaci Ianeselli e Valduga. Sulle candidature “sì” al “ticket”: “Abbiamo formato liste paritarie spingeremo per l’espressione del voto uomo-donna”

Di Tiziano Grottolo - 29 agosto 2020 - 16:54

TRENTO. “Il nostro Paese ha bisogno di promuovere protagonismo femminile e liberare opportunità per tutte le donne”, così la ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti durante l’incontro che l’ha vista protagonista, assieme alla senatrice di Italia Viva Donatella Conzatti, con i candidati delle liste Più Italia Viva Trento e Italia Viva Roveto. “Si tratta di costruire un nuovo modello sociale – ha aggiunto la ministra – in cui la parità di genere sia struttura capillare, trasversale e fondativa. Non si tratta solo di garantire i diritti delle donne ma di promuoverne il valore e la potenzialità a sostegno di tutta la collettività, attraverso anche la promozione del lavoro femminile e la presenza delle donne nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni”

 

Questa è stata anche l’occasione per confrontarsi con i due candidati sindaci Franco Ianeselli e Francesco Valduga, mentre la senatrice Conzatti si è soffermata sul ruolo della politica per guardare a un futuro scevro da ogni ingiustizia e violenza. “Assieme alle mie colleghe – ha affermato la senatrice – stiamo lavorando a due proposte per promuovere la parità di genere. La prima riguarda il ripristino nelle scuole non solo del Trentino, ma di tutto il territorio nazionale, dei corsi di educazione al rispetto che devono essere frequentati dagli studenti anche all’università”.

 

Quest’ultimi uno strumento utile per contrastare ogni forma di violenza e discriminazione favorendo il superamento di pregiudizi e disuguaglianze. “Altro aspetto centrale nella lotta contro la violenza sulle donne – ha proseguito Conzatti – riguarda la creazione del fondo nazionale destinato al finanziamento, all’istituzione e al potenziamento dei centri per il recupero degli uomini autori di violenza domestica e di genere. Poiché è riconosciuto che gli uomini maltrattanti tendono a reiterare il comportamento anche nell’ambito delle nuove relazioni, risulta fondamentale il loro recupero”.

 

Proprio per mettere a punto una serie di misure contro la violenza sulle donne è stato presentato dalla senatrice un disegno di legge in cui vengono indicati gli interventi per il potenziamento delle misure a tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, al fine di favorire il recupero degli autori delle aggressioni. “Desideriamo costruire una società paritaria e per questo le donne dovrebbero omaggiare le nostre candidate e candidati della loro fiducia. Dove abbiamo formato liste paritarie spingeremo per l’espressione del voto uomo-donna. Abbiamo programmi che pongono attenzione al lavoro e all’imprenditoria femminile, alla conciliazione dei tempi ed alla condivisione dei carichi di famiglia”, ha concluso Conzatti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 11:49

Ieri altri due istituti superiori con positivi e anche un bimbo di un asilo. I contagi nelle ultime 24 ore sono 25 e quasi 1600 le persone che in Alto Adige si trovano in isolamento domiciliare 

28 settembre - 11:15

E' successo nelle prime ore di questa mattina, sulla strada statale 237. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Tione, la polizia delle Giudicarie e la forestale. Per la donna tanta paura ma fortunatamente nessuna ferita grave. L'auto ha subito gravi danni  

27 settembre - 20:29

Mentre il presidente della Regione Kompatscher lavora per portare la concessione dell'autostrada nelle mani solo degli enti pubblici, da parte della giunta provinciale trentina la sensazione è che si stia remando in direzione contraria. L'ex presidente Ugo Rossi: "Fugatti ostacola la comunanza di visione tra le province. Vuole fare gli interessi dei veneti. Così rischiamo di andare alla gara"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato