Contenuto sponsorizzato

''Matrimonio tra gay porta all'estinzione della razza'', bufera sulla candidata leghista. Consoli (Patt): ''Nessuno prende le distanze? Non sono idee ma omofobia e razzismo''

Dopo un botta e risposta sui social tra il candidato autonomista alle comunali di Lavis e Stella Khorosheva Consoli si è accorto del post delirante fatto dalla leghista. Ha chiesto spiegazioni alla candidata sindaca e a un'altra persona in lista ma se la prima non gli ha risposto la seconda ha spiegato che delle proprie idee rispondono le singole persone

Di Luca Pianesi - 23 agosto 2020 - 17:07

LAVIS. ''Certe cose non possiamo tollerarle, non dobbiamo tollerarle. Queste non sono idee, non si possono bollare certe cose come 'è il mio pensiero'. Questa è omofobia, è istigazione all'odio, è qualcosa che non va accettato, mai''. A parlare è Marco Consoli, candidato del Patt di Lavis alle prossime elezioni comunali che è rimasto allibito, pochi giorni fa, dopo che ha avuto uno scambio di opinioni su Facebook con una candidata della Lega Stella Khorosheva. La conversazione è cominciata sulla pagina ''Sei di Lavis se..'' e verteva su temi e argomenti che riguardavano i programmi elettorali.

 

Khorosheva, a quel punto, ha scritto a Consoli che va bene avere un programma ma non bisogna essere buoni a tutti i costi. Lui ha replicato chiedendo cosa intendesse: ''con qualcuno bisogna essere buoni e con altri cattivi? Mi scusi signora ma la cattiveria mai contro nessuno. Se intende la fermezza nel far rispettare le regole ok ma mi dispiace la cattiveria mai''. A quel punto la candidata leghista ha spiegato a Cossali che il tema era troppo complicato da risolvere in poche battute e gli ha consigliato di visitare un altro profilo per capire come la pensava. Apriti cielo: raggiunta la pagina ha trovato questo post scritto da pochissimo da Khorosheva e che anche noi non possiamo che definire farneticante e inquietante soprattutto se scritto da una persona che si candida a gestire la cosa pubblica

 

 

''I gay hanno preso l'attenzione della gente'', ''L'obiettivo dei manipolatori è distruggere il cristianesimo'', ''il matrimonio tra gay porta alla estinzione della razza umana'' insomma, il peggio del peggio. Viene, poi citato Scott Lively (anche se scritto male), noto fondamentalista omofobo, grande sostenitore delle leggi anti-gay russe che è arrivato a spiegare che l'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama avrebbe sostenuto la rivoluzione in Ucraina del 2014 perché omosessuale e voleva impedire che l'Ucraina seguisse la Russia nelle sue leggi liberticide. Insomma personaggi che si commentano da soli.  

 

 ''Omofobia, razzismo, non sono questioni che si possono lasciare andare - spiega Consoli - e così ho chiesto spiegazioni a Monica Ceccato, candidata sindaca della Lega che ha in lista l'autrice di questo post. Non ho avuto risposta. Ho messo lo screenshot sotto un post di un'altra candidata della Lega Claudia Michelatti chiedendole pubblicamente di prendere le distanze da questa schifezza e lei ha spiegato che quel che viene pubblicato non è detto che combaci esattamente con le sue idee e che delle proprie teorie rispondono le singole persone. Ma queste non sono idee, non sono teorie. Questa roba va stigmatizzata e basta. Mi sembra davvero incredibile. Spero che Monica Ceccato intervenga per prendere pubblicamente le distanze da certi pensieri. Omofobia e razzismo vanno solo condannate''.

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 12:02

In provincia di Bolzano non si fermano i contagi, l’appello di Kompatscher: “La curva dei contagi da Covid-19 è cresciuta in maniera più rapida rispetto a quanto previsto dagli esperti. Rinunciamo tutti quanti a quelle situazioni di rischio in cui si possano riunire troppe persone, si tratta di un sacrificio necessario per tornare il prima possibile ad una vita più serena e tranquilla”

31 ottobre - 10:43

L'uomo, un 65enne, stava lavorando con la motosega in cima ad una pianta alta oltre 10 metri quando si è sbilanciato ed ha ruotato di 180 gradi

31 ottobre - 09:47

Si è spento nella casa di cura di Mezzocorona il 94enne di San Michele all'Adige Rodolfo Bragagna, protagonista della guerra partigiana contro l'occupante tedesco nella Piana Rotaliana e in val di Cembra. Impegnato in azioni di sabotaggio contro il nemico, fu soprannominato "il solitario"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato