Contenuto sponsorizzato

“Nessuno scempio ambientale e nessuno spreco di risorse pubbliche”, dopo le polemiche per la neve in centro a Folgaria interviene il sindaco

Dopo l’interrogazione di Degasperi arriva la replica piccata dell’amministrazione: “Chiediamo più serietà ed oggettività alla politica, non vogliamo passare per spendaccioni e poco attenti all’ambiente, perché poi il conto lo paga la comunità”. Il presidente Asat Folgaria: “Basta fango sulle istituzioni e sugli operatori di Folgaria”

Di Tiziano Grottolo - 25 febbraio 2020 - 17:44

FOLGARIA. La questione ha fatto molto discutere: nel giro di una giornata, nel comune di Folgaria, è stata prima sistemata e poi rimossa nel pomeriggio una certa quantità di neve, circa 8 camion, che sarebbe servita da contorno per l’evento “Aperitivo Bianco” (QUI articolo).

 

Il consigliere provinciale Filippo Degasperi a tal proposito ha firmato un’interrogazione denunciando: “Evidentemente continuano a mancare sia la percezione del cambiamento climatico che la capacità di immaginare iniziative che facciano dell’autenticità e delle caratteristiche peculiari dell’Altopiano il loro punto di forza. Anche la sobrietà pare essere ignorata – accusava il consigliere – vista l’abitudine a contare sul costante afflusso di finanziamenti provinciali”.

 

Critiche respinte con fermezza al mittente dal sindaco di Folgaria Michael Rech: “L’iniziativa che si doveva tenere ieri, 24 febbraio, poi annullata a seguito dell’ordinanza provinciale, consisteva nell’animazione del centro di Folgaria con musica, spettacoli, espositori eccetera. Il nome richiama l’evento ben più ampio e conosciuto della Notte Bianca che ormai da anni organizziamo nel centro di Folgaria durante l’estate. Entrambe le iniziative fanno parte del programma condiviso tra Apt, Consorzio dei commercianti Voglia di Folgaria e Comune per valorizzare il centro di Folgaria e le connesse attività commerciali”. 

 

Un’iniziativa che avrebbe dovuto portare circa un migliaio di partecipanti, come spiega lo stesso primo cittadino, il programma prevedeva in Piazza San Lorenzo la creazione di un’area innevata con attività per bambini, la dimostrazione della pratica dello sci nordico e la proposta sentieristica del territorio da fruire con le ciaspole o con le fatbike. “Per innevare la piazza è stata utilizzata solo neve naturale nella misura di 8 camion – sottolinea Rech che poi aggiunge – abbiamo coperto un’area di circa 250 metri quadri con neve raccolta su terreno comunale a Passo Coe”.

 

Il sindaco proprio non ci sta a passare per un’amministrazione poco attenta all’ambiente: “Folgaria è un comune con certificazione Emas, aderiamo a un programma per la riduzione del consumo energetico e commisuriamo sempre costi benefeci rispetto a tutte le iniziative”.

 

Sulla questione del mezzo battipista utilizzato per distribuire la neve Rech precisa: “Non appartiene a FolgariaSki ma ad una società privata di Folgaria che in leale collaborazione e gratuitamente ha messo a disposizione il gatto e l’operatore. Nessuno scempio ambientale – continua il primo cittadino – nessuno spreco di risorse pubbliche, solo tanta buona volontà”. A preoccupare Rech c’è anche il danno d’immagine che rischia di colpire località come Folgaria: “Non vogliamo passare per spendaccioni e poco attenti all’ambiente, perché poi il conto lo paga la comunità. Chiedo più serietà ed oggettività alla politica anziché aggredire il nostro territorio a colpi di interrogazioni e dichiarazioni sui giornali”.

 

Meno diplomatico William Gatti, Presidente Asat Folgaria che non ha usato mezzi termini: “Puntualmente il consigliere Degasperi non perde occasione per gettare fango sulle istituzioni e sugli operatori di Folgaria. Troppo facile parlare con lo stipendio sicuro di consigliere provinciale, invito Degasperi a finirla, perché imbeccato regolarmente dai suoi amici ex consiglieri comunali a Folgaria, cacciati a furor di popolo dalla Comune”.

 

Ad ogni modo sindaco e Degasperi sembrano aver scelto la via della diplomazia, infatti i due dovrebbero incontrarsi il prossimo venerdì per avere un confronto diretto su diversi tempi che riguardano Folgaria. “Ripeto – conclude Rech – questi interventi sono legittimi ma preferirei che invece che cercare pedissequamente l’errore altrui si provasse ad imbastire un rapporto funzionale alla crescita del territorio”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
20 giugno - 10:48
La ripresa degli spostamenti nel Vecchio continente passerà dall'entrata in vigore, il 1 luglio, del Green pass (Eu digital Covid certificate): [...]
Cronaca
20 giugno - 09:20
Mistero sul lago di Garda dove, a bordo di un’imbarcazione arenata, è stato rinvenuto il cadavere di un uomo. Il natante presenta danni da urto [...]
Cronaca
20 giugno - 11:21
Nessun caso positivo registrato dall'analisi dei 1.339 test antigenici eseguiti ieri, il numero dei decessi rimane stabile a 1.180 e sono tre i [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato