Contenuto sponsorizzato

Sardagna è un feudo autonomista. La Lega resiste a Gardolo (con fatica) dove vince Lenzi e Dal Ri sfonda a Villazzano

Buona performance delle Stelle alpine con Roberto Stanchina anche a Ravina/Romagnano, mentre Maule e Brugnara si dividono Povo. E' Paolo Piccoli a vincere nella circoscrizione S. Giuseppe/S. Chiara 

Di Luca Andreazza - 23 settembre 2020 - 13:15

TRENTO. Il centrosinistra conquista praticamente tutte le circoscrizioni di Trento: termina 10 a 2 per la coalizione guidata da Franco Ianeselli. Tutti i territori si colorano di rosso, resistono per il centrodestra solo Gardolo e Meano, ma c'è un arretramento della Lega rispetto alle ultime elezioni provinciali, quelle che hanno consegnato piazza Dante al carroccio.

 

Il centro abitato di Sardagna diventa un feudo autonomista. Il merito è del presidente uscente di circoscrizione: Alberto Pedrotti è praticamente egemonico e intercetta 198 voti. Profeta in patria, si assicura metà delle preferenze totali (391) e costruisce qui le sue fortune per entrare in consiglio comunale. Il Patt sale al 35% davanti al 16% del Pd, mentre 14,77% per la Lega.

 

Buona performance delle Stelle alpine anche a Ravina/Romagnano. La Lega dimezza i consensi rispetto alle elezioni provinciali. Il Pd chiude davanti a tutti a 16,22%, inseguito a stretto giro da carroccio e Patt, rispettivamente a 15,24% e 15,07%. E' il regno di Roberto Stanchina per distacco: premiato con 204 voti una corsa chiusa a 519 preferenze (il più votato in casa Patt).

 

Il resto è tanto dem. Il Partito democratico si è ripreso la circoscrizione dell'Argentario. E' la prima forza politica e intercetta il 17,84% delle preferenze, seppur in calo rispetto alle provinciali chiuse al 19,96%. Il carroccio ferma la corsa in seconda piazza con il 12% ma perde circa 9 punti percentuali. Sul podio Trento unita per Merler che raggiunge quasi l'11%. I più votati sono stati Renato Tomasi (Azione-Unione), Armando Stefani (Pd), Eleonora Angeli (Trento unita) e Piergiorgio Frachetti (Fratelli d'Italia).

 

I dem conquistano anche il Bondone e migliorano il consenso rispetto al 2018: primo partito a 17,32%. Alle spalle la Lega scivola dal 27,91% al 16,81%. Le Stelle alpine sono terzi a 8,21%. Da segnalare Sergio Cappelletti (Azione-Unione) con 153 preferenze, seguito da Domenico Fadanelli (Patt) con 142 e Claudia Postal (Lega) con 75 voti.

 

Sempre il Pd torna a guidare il centro storico/Piedicastello a 17,54%, che conferma sostanzialmente quanto ottenuto un paio di anni fa. La Lega registra un -10%: da 22,46% scende a 12,40%. Una partita combattuta a livello di preferenze: Paolo Zanella a 116 voti, poi Maricahiara Franzoia a 95 preferenze, Paolo Piccoli (Insieme Trento) e Elisabetta Bozzarelli (Pd) con 90 voti. Qui Andrea Maschio (Onda civica) registra la miglior performance con 50 preferenze. 

 

 

I democratici crescono a Mattarello: quasi il 20% davanti al 14% del carroccio. I top sono Filomena Chillà e Carlo Ducati rispettivamente con 125 e 114 voti. Il Pd regge nella circoscrizione Oltrefersina con il 19,64%. Emorragia di preferenze invece per la Lega: un tracollo dal 21,90% delle provinciali all'attuale 12%. Diversi i centenari: Filosi a 196 voti, Dellantonio a 181, Franzoia a 122, Panetta a 119, Baggia e Bozzarelli a 100. 

 

Un punto percentuale in più per il Pd a Povo rispetto al 2018: 21,74%. La Lega invece si attesta poco oltre il 10%, tallonato da Patt e Azione-Unione. In collina è stata una sfida tra Michele Brugnara e Chiara Maule: finisce 153 a 144 per il democratico. I dem raggiungono il 19% a Villazzano, mentre il carroccio insegue al 13%. Il più votato è Alessandro Dal Ri con 102 preferenze e stacca Maule (43 voti) e Robol (40 voti).

 

Nella circoscrizione di San Giuseppe/Santa Chiara il Pd doppia la Lega: 18% a 9%, meglio del carroccio Insieme per Trento e Futura che si attestano al 10%. Ottime le performance di Piccoli Bozzarelli, Franzoia, Italo GilmozziZanella.

 

La Lega resiste ma con il fiatone a Gardolo. Il carroccio chiude in testa con il 19,59% (il 31,89% delle provinciali sembra un ricordo), segue il Pd a 16,54% che si prende 4 punti percentuali. Il più votato è Walter Lenzi che raggranella 222 dei 354 voti totali, quindi ecco Antonella Mosna a 166 preferenze, solo terzo il consigliere provinciale Devid Moranduzzo con 136 voti. 

 

Più solido il risultato del carroccio a Meano: perde "solo" il 6% rispetto a 2 anni fa e resta la prima forza politica con il 25%. Alle sue spalle il Patt con il 16,87% (+5% rispetto al 2018), terzo il Pd con poco più del 10% (-3% rispetto al 2018). Davanti a tutti c'è Stefano Risatti (249 voti), seguito da Alessandro Saltori a 195 voti. In generale è il Pd è il primo partito sul territorio comunale con il 18,14%, quindi la Lega al 13,74% e Patt al 7,81%. Seguono Insieme per Trento (7,94%) e Futura (7,70%). 

 

Movimento 5 stelle

miglior risultato per voti: 243 a Oltrefersina e 3,86% a Gardolo

 

Movimento La Catena

miglior risultato per voti: 25 a Oltrefersina e 0,42% a Villazzano

 

Europa Verde

miglior risultato per voti: 403 a centro storico/Piedicastello e 4,85% a centro storico/Piedicastello e S. Giuseppe/S. Chiara

 

Insieme per Trento

miglior risultato per voti: 796 a S. Giuseppe/S. Chiara e 10,49% a S. Giuseppe/S. Chiara

 

Azione-Unione

miglior risultato per voti: 356 a Argentario e 8,31% Povo

 

Patt

miglior risultato per voti: 540 a Oltrefersina e 35,08 a Sardagna

 

+TrentoViva

miglior risultato per voti: 495 a Oltrefersina e 7,26 a Villazzano

 

Futura

miglior risultato per voti: 793 a S. Giuseppe/S. Chiara e 10,45% a S. Giuseppe/S. Chiara

 

Partito democratico

miglior risultato per voti: 1.707 a Oltrefersina e 21,74% a Povo

 

Rifondazione comunista

miglior risultato per voti: 132 a centro storico/Piedicastello e 1,59% a centro storico/Piedicastello

 

Si può fare

miglior risultato per voti: 297 a Oltrefersina e 9,32% a Povo

 

Forza Italia

miglior risultato per voti: 195 a Oltrefersina e 2,24% a Oltrefersina

 

Fratelli d'Italia

miglior risultato per voti: 581 a centro storico/Piedicastello e 8,09% a Ravina/Romagnano

 

Trento unita per Merler sindaco

miglior risultato per voti: 696 Argentario e 10,88 a Argentario

 

Lega

miglior risultato per voti: 1.081 a Gardolo e 25,06% a Meano

 

Agire

miglior risultato per voti: 183 a centro storico/Piedicastello e 2,20% a centro storico/Piedicastello

 

Rinascimento Trento Carli sindaco

miglior risultato per voti: 280 a centro storico/Piedicastello e 7,25% a Mattarello

 

Unione dei democratici cristiani

miglior risultato per voti: 65 a Oltrefersina e 0,95% a Argentario

 

Onda civica

miglior risultato per voti: 264 centro storico/Piedicastello e 3,26% a Mattarello

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato