Contenuto sponsorizzato

''Trento non si Lega'' e anche buona parte del Trentino dice ''no'' a Fugatti e a questi due anni di amministrazione provinciale

Dove è passato Salvini la Lega ha perso (o al massimo è andata al ballottaggio) e anche chi ha cercato di portare il Patt verso quella sponda, come il presidente Panizza, è stato bocciato anche a casa propria. Gli errori del segretario Bisesti sono stati evidenti in tutti i campi ma Fugatti c'ha messo del suo con l'incredibile (ed effettivamente non credibile) annuncio del concerto di Vasco per il prossimo anno

Di Luca Pianesi - 23 settembre 2020 - 10:50

TRENTO. Trento non si Lega e a quanto pare anche buona parte del resto del Trentino. Dopo l'esito delle ultime elezioni regionali con Campania, Puglia e Toscana finite direttamente al centrosinistra e con Marche, dove ha vinto il candidato di Fratelli d'Italia, Liguria, dove ha vinto l'ex forzista Toti Veneto dove la lista di Zaia ha triplicato i voti della Lega di Salvini, il Capitano sembra davvero aver perso il ''tocco magico'' che indubbiamente aveva fino a un anno e mezzo fa. Dove è stato, nel suo tour da niente esaurito in provincia di Trento, la Lega ha perso e perso male. I suoi fedelissimi sono stati respinti dai territori, si pensi a Monica Ceccato a Lavis o a Vanessa Cattoi ad Ala.

 

Ma soprattutto i suoi rappresentanti in Trentino, il segretario provinciale Mirko Bisesti, il presidente Maurizio Fugatti e il presidente della Regione Roberto Paccher, che hanno girato paese dopo paese per sostenere liste e i candidati bollati Lega e hanno fatto da scalda pubblico, sempre pochino lo ricordiamo, per gli show di Salvini tra Lavis, Trento, Rovereto, Riva del Garda, Arco e Ala, hanno ricevuto un sonoro ''No grazie'' dall'elettorato. La Giunta provinciale si era spesa direttamente, come mai successo prima, con un'assoluta mancanza di rispetto verso chi rappresentano, i trentini tutti, per portare alle urne i trentini ''loro'' e hanno perso.

 

Troppo scadenti questi due anni di guida provinciale a trazione leghista caratterizzati da un disastroso mix di improvvisazione, incapacità, limiti umani e personali che di settimana in settimana hanno fatto sprofondare i trentini nell'imbarazzo. Si pensava al cambiamento, che era sacrosanto e anche auspicabile in una democrazia dove l'alternanza è uno dei motori della buona amministrazione, ma nessuno si sarebbe mai immaginato quanto visto in questi due anni. Mirko Bisesti all'istruzione, Stefania Segnana alla sanità, Giulia Zanotelli all'agricoltura e gestione della fauna, Roberto Failoni al turismo, Achille Spinelli al lavoro e il presidente Maurizio Fugatti da soli bastano a descrivere la situazione politica provinciale del Trentino.

 

Loro lo hanno capito e hanno provato a investire su questo voto amministrativo con il risultato che stiamo raccontando ma che arriva da lontano. Due esempi: per mesi si è cercato di convincere l'opinione pubblica che il candidato giusto era tale Alessandro Baracetti poi, a venti giorni dalla chiusura delle liste, si è deciso di farlo saltare per Andrea Merler. Un disastro mai visto con un segretario della Lega, Bisesti, a rassicurare tutti che quella sarebbe stata la mossa vincente che avrebbe riunito la coalizione. Risultato? La coalizione ha perso altri pezzi e ieri è arrivata una sconfitta peggiore di cinque anni fa (quando la Lega viaggiava sul 13% stessa percentuale che è tornata a prende questa tornata elettorale).

 

Ma che Bisesti la stoffa dell'amministratore non ce l'abbia era già palese qualche mese fa quando nella sua Aldeno non era nemmeno riuscito a costituire una lista con il simbolo della Lega. Nemmeno i ''compiti a casa'' era riuscito a fare figurarsi quelli degli altri, potrebbe dire qualcuno. I compiti altrui li ha provati a svolgere il presidente Fugatti cercando di regalare il colpo ad effetto di fine campagna elettorale a tutti i suoi candidati sparsi sul territorio: peccato che Vasco Rossi non fosse della sua stessa opinione e l'idea di farsi strumentalizzare dalla Lega era l'ultima nella scala dei progetti del mitico Blasco. E così il boomerang servito a Merler e tutto il panorama della destra trentina è stato servito direttamente dal presidentissimo.

 

La Lega è crollata in molte amministrazioni dove ha presentato il simbolo: a Brentonico, a Lavis, a Cavalese, a Mori, a Caldonazzo e addirittura è riuscita a perdere ad Ala con la parlamentare Cattoi schierata come papabile prima cittadina, affossata da un misero 30% di consenso. E a Trento l'altra parlamentare candidata per tirare su voti, Martina Loss, non ha superato i 130 consensi. A Riva la Lega va al ballottaggio e ad Arco pure ma per il rotto della cuffia (per una settantina di voti ce l'hanno fatta a battere tre liste ambientaliste). E paradossalmente sono rimasti ''puniti'' dagli elettori anche quelli che sono stati percepiti ''vicini'' alla Lega. Uno su tutti: Franco Panizza, che da presidente del Patt, ex senatore e segretario particolare di Vittorio Sgarbi, è andato a perdere nella sua Campodenno. Proprio lui che da tempo lavora per portare il Patt tra le braccia del Carroccio.

 

Una sconfitta incredibile ma che segna il passo e mostra, ancora una volta di più, che ormai i partiti e i movimenti politici contano davvero poco (si pensi che a Trento il Pd è il primo partito con il 18% quando 5 anni fa aveva 11 punti in più e il secondo partito è la Lega con il 13%) e l'elettorato premia o penalizza i candidati rispetto a quello che hanno fatto o che faranno. In Veneto persone di destra, centro e sinistra hanno votato per Zaia perché ha dato prova di saper governare l'emergenza meglio degli altri. In Trentino la bocciatura per l'amministrazione Fugatti è senza appello. Se i compiti a casa poi li dovrà fare Bisesti il rischio di non superare l'anno può diventare concreto. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato