Contenuto sponsorizzato

Magazzini agricoli come foresterie per i lavoratori stagionali, sì unanime al ddl di Ossanna: "Utilizzo che non potrà durare più di un anno, se non presentando domanda"

È stato approvato all’unanimità il disegno di legge proposto dal consigliere Lorenzo Ossanna del Patt, per permettere di utilizzare temporaneamente i magazzini agricoli come foresterie in cui alloggiare i lavoratori stagionali. L’utilizzo come foresteria non potrà comunque durare più di un anno, a meno che il proprietario non presenti domanda al Comune

Di Francesca Cristoforetti - 01 febbraio 2022 - 21:31

TRENTO. I magazzini agricoli potranno diventare foresterie per i lavoratori stagionali. Dopo aver accolto i due emendamenti con cui è stato riscritto il disegno di legge 84 proposto dal consigliere Lorenzo Ossanna del Patt per permettere di utilizzare temporaneamente i magazzini agricoli come foresterie in cui alloggiare i lavoratori stagionali, il ddl è stato approvato all’unanimità dalla Terza Commissione presieduta dal consigliere Ivano Job della Lega.

 

Ossanna ha ricordato che il provvedimento risponde a una richiesta sentita dalle aziende agricole messe in difficoltà dalla pandemia perché costrette a sostenere costosi interventi abitativi con cui ridurre i rischi di contagio dei dipendenti stagionali regolarmente assunti. Di qui la proposta di ricavare per loro delle foresterie all’interno dei depositi agricoli. “Foresterie – ha chiarito – dotate di spazi con servizi adeguati riducendo quelli del magazzino”. Il consigliere del Patt ha precisato che l’emendamento da lui presentato sostituisce completamente l’unico articolo del suo ddl, soprattutto per sottolineare il carattere temporaneo dell’utilizzo dei magazzini agricoli come foresterie, evitando quindi il cambio di destinazione d’uso di questi manufatti e per garantirne il ritorno alla precedente funzione agricola una volta cessato il bisogno di sistemare gli stagionali. L’utilizzo come foresteria non potrà comunque durare più di un anno, a meno che il proprietario non presenti domanda al Comune per continuare ad accogliere provvisoriamente i lavoratori. Ancora, l’emendamento di Ossanna stabilisce che le foresterie temporanee si possono realizzare all’interno dei depositi solo nel caso in cui l’azienda non disponga di altri fabbricati con destinazioni diverse dall’uso agricolo o di alloggi utilizzabili a questo scopo ed esclude la possibilità di costruire altri manufatti da utilizzare come magazzini agricoli in alternativa a quelli eventualmente adibiti a foresteria.

 

L’assessore all'ambiente Mario Tonina ha spiegato di aver concordato con il consigliere Ossanna un suo emendamento che estende la durata del vincolo dei manufatti agricoli anche a quelli realizzati prima della legge urbanistica del 2015, per poterne mutare la destinazione non più con una procedura complessa com’era previsto in precedenza, ma con una variante non sostanziale al Prg. Questo per garantire una semplificazione vantaggiosa della procedura di cambiamento di destinazione d’uso dei manufatti agricoli.

Presenti anche i dirigente dei trasporti della Pat Roberto Andreatta, il dirigente Roberto Stanchina, i consiglieri Alessio Manica (Pd), Denis Paoli (Lega) e la consigliera Lucia Coppola (Misto-Europa Verde). Uno dei punti salienti della discussione è stata di affidare la scelta di eventuali deroghe al vincolo perenne ai Comuni.

 

Il dirigente Andreatta ha aggiunto che l’intervento legislativo “tocca in realtà un nervo molto scoperto della disciplina urbanistica, perché riguarda il carattere perenne del vincolo posto sugli edifici a destinazione agricola”. Ha infatti ricordato la particolare salvaguardia con cui la legge provinciale tutela la destinazione dei manufatti agricoli. “Tuttavia – ha spiegato – il vincolo agricolo perenne non sempre oggi risponde ai cambiamenti che nel corso degli anni si sono verificati impedendo di attribuire a un edificio un’altra funzione, salvo in casi eccezionali che si contano sulle dita di una mano”. Di qui l’emendamento dell’assessore Tonina, che completa il ddl di Ossanna disciplinando in modo uniforme casi che vengono trattati in modi diversi: entrambi vanno nella direzione di superare il vincolo perenne. Nel caso della norma proposta da Ossanna, per andare incontro a un’esigenza concreta e attuale delle aziende agricole, mentre nel caso dell’emendamento dell’assessore Tonina, affidando ai Comuni la valutazione delle singole esigenze dei proprietari. Manica ha giudicato migliorativo l’emendamento presentato perché codifica la natura temporanea della deroga per il diverso uso richiesto di un manufatto destinato all’agricoltura. Il consigliere ha apprezzato la scelta di affidare la scelta di permettere un eventuale cambio della destinazione d’uso di questi manufatti ai consigli comunali con una variazione al Prg non sostanziale.

 

Coppola ha giudicato sensata la proposta del ddl rispetto a necessità oggettive di dare un alloggio a lavoratori stranieri di cui la nostra agricoltura in questi anni di pandemia ha bisogno: “Occorre comunque mettere al riparo dalla discrezionalità i cambi di destinazione d’uso ed è quindi giusto affidare ai consigli comunali la decisione della deroga rispetto al vincolo previsto per questi magazzini”. Coppola è stata anche rassicurata dai funzionari dell’assessore circa l’esistenza di norme che garantiscano la qualità degli edifici nei quali accogliere i lavoratori stagionali stranieri, perché nel regolamento dell’ultima legge sull’urbanistica del 2015 esiste una disciplina sull’uso temporaneo di edifici adibiti a foresteria.

 

Paoli, pur condividendo il ddl ha chiesto come si concili la trasformazione di un magazzino agricolo in foresteria, per esempio inserendo dei servizi, con la temporaneità di questo utilizzo e la necessità di ripristinarne poi la destinazione originaria, che potrebbe comportare notevoli oneri a carico dei proprietari.

 

Ossanna, dopo aver ricordato che per poter chiedere l’utilizzo di un edificio agricolo come foresteria un’azienda deve dimostrare che vi sono state negli ultimi tre anni di attività un certo numero di assunzioni, sul tema del mantenimento dei servizi nella foresteria, ha segnalato che l’azienda può presentare un’apposita domanda al Comune per non dover ripristinare necessariamente il magazzino nel momento in cui non sarà più utilizzato per ospitarvi i lavoratori stagionali.

 

Il dirigente Stanchina, rispondendo a una domanda di Job sull’esistenza di vincoli nei casi in cui dei manufatti agricoli siano collocati in zone ambientalmente protette, ha ribadito che la possibilità di derogare al vincolo urbanistico va valutata caso per caso a seconda della pianificazione esistente, ma che in ogni caso il ddl parla di contesti prettamente agricoli.

 

Manica ha ottenuto conferma dai dirigenti che l’emendamento dell’assessore introduce una modalità semplificata per la rimozione del vincolo perenne, vincolo che diventa di competenza comunale con una variante al Prg non sostanziale. Il consigliere ha poi ritirato un suo emendamento al ddl, a fronte dell’impegno dell’assessore Tonina di accogliere la proposta non in questo ma in un successivo provvedimento.

 

Il presidente Job ha accolto la richiesta di Manica trasmettere gli emendamenti al ddl al Consiglio delle autonomie locali perché il testo modificato ora è completamente diverso da quello originario.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
18 agosto - 06:01
L’elenco delle opere trentine per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 vale circa 83 milioni di euro, l’86% coperti con delibere della [...]
Cronaca
17 agosto - 19:36
Rino Mazzurana, 71 anni, era molto attivo nella comunità di Brentonico. Maestro in passato della banda giovanile, ha insegnato alla scuola [...]
Cronaca
17 agosto - 18:46
Nelle ultime ore la protezione civile ha diramato un avviso di allerta gialla per maltempo in Trentino e, come spiega a il Dolomiti l'ingegnere [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato