Contenuto sponsorizzato

Il centrosinistra autonomista si ricompatta dopo il referendum: "Pieno sostegno a Rossi"

Tutti i segretari della coalizione hanno sottoscritto un documento per confermare "il pieno sostegno, leale e coerente, al Presidente della Provincia e alla sua Giunta" pur esprimendo, anche, la necessità di aprire una fase di confronto per ampliare la propria offerta politica

Di Luca Pianesi - 11 dicembre 2016 - 17:26

TRENTO. "Pieno e leale sostegno al presidente Ugo Rossi e alla sua Giunta". Questo il senso del comunicato unitario inviato a firma di tutte le forze politiche che compongono il centrosinistra autonomista. La vittoria del No, anche in Trentino, non ha scalfito, almeno politicamente, la compattezza di governo e quindi non ci sarà nessun passo indietro di Rossi e della sua giunta, come invece chiedevano a gran voce le opposizioni. Già la notte stessa del referendum, infatti, Fugatti, Cia, Bezzi e Fraccaro chiedevano le dimissioni del presidente della Provincia. La sua colpa? Quella di essersi speso in prima persona, mettendoci faccia e entusiasmo, nella battaglia referendaria a favore del Sì.

 

Ovviamente la richiesta di dimissioni era un atto quasi scontato da parte delle opposizioni (in nessuna parte d'Italia, infatti, sono caduti i governi regionali all'esito del referendum), però oggi le forze della coalizione hanno voluto ribadire il loro sostegno al presidente. Un atto importante quasi più per la stessa coalizione che per gli avversari politici. Rossi, infatti, due giorni dopo il referendum ha chiesto proprio questo ai suoi alleati: fedeltà e compattezza. "Questo voto ci interroga profondamente - dichiarava a ildolomiti.it Rossi - e la nostra coalizione deve riflettere sulla sua coesione e sul senso dello stare assiemeNell'immediato ci sono degli adempimenti cruciali e decisivi tra i quali la nostra legge di stabilità che abbiamo il dovere di condurre in porto. Già questi due soli appuntamenti richiedono la massima coesione e lealtà, a cui faccio fin d'ora appello. Non credo però che bastino le dichiarazioni di principio ma che sia necessario e urgente che i partiti della coalizione si esprimano su questo con deliberazioni chiare e nette". 

 

Oggi, forse, il primo passo in questa direzione è stato compiuto. Questo il testo sottoscritto dalle forze del centrosinistra autonomista:

 

"L'esito del referendum del 4 dicembre scorso ha portato alle dimissioni del Presidente del Consiglio dei Ministri e all’apertura di una crisi di Governo dai contorni fortemente incerti e problematici.

 

Conscio della gravità del momento che sta vivendo l’Italia, responsabilmente il Presidente Mattarella - al quale va tutta la nostra stima ed il nostro sostegno - ha affidato l’incarico all’on. Gentiloni di formare il nuovo Governo.

 

Tutto questo non può e non deve incidere sullo svolgimento del programma e sull'efficacia dell'attività della Giunta provinciale, impegnata ad aprire il Trentino a nuove sfide e a nuove opportunità, al fine di renderlo più competitivo sullo scenario nazionale ed internazionale.

 

Una ragione in più per ribadire la validità del progetto politico-programmatico alla base della coalizione del Centrosinistra Autonomista e la necessità, oggi più di prima, di una salda unità di intenti da parte di tutte le forze che la compongono.

 

Le forze politiche che compongono la coalizione del Centrosinistra Autonomista, PD - PATT - UpT - UAL - PSI - Verdi - IdV, confermano quindi il pieno sostegno, leale e coerente, al Presidente della Provincia Ugo Rossi e alla sua Giunta, assicurando un impegno aggiuntivo, convinto ed operativo, nel comune sforzo di dare risposte concrete e affidabili alle aspettative del Trentino e delle sue comunità.

 

Il tutto all’unico scopo di far crescere la capacità rappresentativa della coalizione e di essere “laboratorio” di politica che non si fa omologare dalle logiche nazionali e che guarda al futuro del Trentino.

 

Le medesime forze politiche - alle quali spettano in primis l’analisi e le proposte per il rilancio della Coalizione - esprimono nel contempo la necessità di aprire una fase di confronto per promuovere una maggiore capacità del Centrosinistra Autonomista di ampliare la propria offerta politica, intercettando i cambiamenti che attraversano anche la Comunità Trentina".

 

I firmatari:

 

Italo Gilmozzi - Segretario politico PD

Franco Panizza - Segretario politico PATT

Tiziano Mellarini - Segretario politico UpT

Manuel Farina - Segretario politico UAL

Alessandro Pietracci - Segretario provinciale PSI

Lucia Coppola e Maurizio Migliarini - Portavoci Verdi del Trentino

Salvatore Smeraglia - Segretario provinciale Italia dei Valori

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 11:46

Nel bollettino quotidiano dell'azienda sanitaria altoatesina, i numeri del contagio continuano a segnare cifre importanti. Sono 437 i nuovi positivi su quasi 3500 tamponi, mentre le morti salgono ancora con 7 decessi. Da inizio epidemia le vittime sono state 530 (235 nella sola seconda ondata)

29 novembre - 09:56

Andrea Weiss (Apt val di Fassa): "Un comparto fondamentale nel breve termine dobbiamo prepararci. La promozione? Delicatissima, ci sono tanti morti e si rischia di urtare la sensibilità del turista. Si potrebbe guardare poi a Francia e Germania per il futuro della strutturazione delle ferie italiane"

29 novembre - 08:53

In dieci hanno deciso di organizzare una protesta, pacifica ma decisamente rumorosa, e ora si sono ritrovati nei guai con una denuncia all’autorità giudiziaria per manifestazione abusiva e disturbo alle persone

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato