Contenuto sponsorizzato

Legalizzazione della cannabis, appello dei Radicali: "Ci servono autenticatori"

Continuano i banchetti di raccolta firma per la legge antiproibizionista ma scarseggiano gli autenticatori.

Pubblicato il - 08 ottobre 2016 - 12:21

 

TRENTO. Per sostenere la legge sulla legalizzazione della cannabis basta una firma, e i Radicali invitano a firmare. Il loro banchetto è presente ormai da giorni nel centro storico del capoluogo, all'angolo tra via Oriola e via Oss Mazzurana.  Ma per raccogliere le firme servono gli autenticatori, e i Radicali lanciano un appello: "Aiutateci".

 

 

Per poter svolgere questo ruolo bisogna essere consigliere comunale nel comune in cui si raccolgono le firme, ma anche un semplice dipendente provinciale, un insegnante ad esempio, e in questo caso la "giurisdizione" vale per tutto il territorio provinciale, come nel caso lo volesse fare un consigliere provinciale. Ma sono pochi coloro che, con questi requisiti, stanno aiutando i Radicali trentini nella raccolta delle sottoscrizioni.

 

Ci hanno aiutato i consiglieri comunali di Traento dei 5Stelle - afferma lo storico esponente dei radicali Fabio Valcanover - ma ora siamo al punto di non poter raccogliere le firme per mancanza di chi ce le autentica". Per questo l'avvocato ha registrato un video-appello in cui si rivolge ai trentini per invitarli a firmare e a chi è in possesso dei requisiti per autenticare di mettersi a disposizione. 

Nel vidio afferma che a firmare presso i banchetti si sono rivolti anche magistrati e personale che nella giustizia lavora, "che ben conosce gli effetti negativi del proibizionismo". Si rivolge anche alle televisioni locali Valcanover, chiedendo di approfondire l'argomento, di fare informazione su un tema importante. Lui volentieri si scontrerebbe davanti a una telecamera contro un proibizionista. 

 

Per informazioni, o per mettersi a disposizione per la raccolta firme, questo il contatto: fabio.v.tn@inwind.it

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 18:04

Il totale resta quindi a 5.495 casi e 470 vittime da inizio epidemia. Analizzati 142 tamponi. Sono 4.988 i guariti da Covid-19. Nessun decesso e nessun contagiato anche in Alto Adige

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

06 luglio - 16:28

In fase Covid-19 l'uomo era stato trasferito ai domiciliari nella casa di lui e lei e questo aveva scioccato la famiglia di Eleonora che da quasi un anno chiede giustizia per la barbara uccisione della giovane donna. Negli scorsi giorni la perizia ha confermato che l'uomo è capace di intendere e volere e ora rischia l'ergastolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato