Contenuto sponsorizzato

Mauro Fezzi eletto alla presidenza della Federcoop trentina

Originario della Val di Non, già alla guida della Federazione allevatori: "Ci aspettano tante sfide, tutte impegnative"

Pubblicato il - 14 ottobre 2016 - 19:19

TRENTO. Mauro Fezzi è il nuovo presidente della Federazione trentina della Cooperazione. Eletto con 432 voti, il 77,5% dell'intera assemblea che si è riunita oggi nella sede di via Segantini a Trento. Originario di Termenago in Val di Sole, 63 anni, una laurea in scienze agrarie, ex dirigente generale del settore agricoltura presso la Pat e direttore generale della Fondazione Mach. Da un anno è alla guida della Federazione Allevatori.

 

“Ci aspettano tante sfide, tutte impegnative – ha detto – ma abbiamo fatto un lavoro positivo per smussare le divergenze e trovare l’accordo prima di tutto su un programma, preciso e con una tempistica stringente. Ora possiamo concentrarci sugli elementi positivi sui quali costruire”.

 

La Cooperazione ha contribuito allo sviluppo di questa terra – ha proseguito il neo-presidente – non solo alla sua conservazione, e ha lavorato per trovare nuovi modelli”. Nel suo primo discorso da presidente Fezzi si è soffermato sulla necessità di coinvolgere i giovani in un grande progetto di rinnovamento: “Senza paternalismi, dobbiamo mettere i giovani in condizione di affrontare le responsabilità”. Ha poi sottolineato la centralità dei soci che devono tornare ad essere protagonisti nelle cooperative: “Senza i soci la cooperativa muore”.

 

A breve, dopo l'assemblea di oggi e l'elezione del nuovo presidente, sarà necessario rivedere la struttura organizzativa con la nomina del nuovo direttore dopo le dimissioni volontarie dell’attuale, Carlo Dellasega.

 

Il documento programmatico su cui è stato trovato un accordo tra le diverse anime del movimento individua alcune misure definite ‘urgenti’, cioè da risolvere entro sei mesi dall'assemblea. Rispetto alla centralità del socio, si pone come urgente la necessità di modificare la rappresentanza assembleare delle società di scopo. Quanto al rinnovamento degli organi sociali, serve individuare il limite di mandati consecutivi per amministratori e sindaci.

 

Le due azioni più urgenti per assicurare trasparenza e sobrietà sono di istituire un albo pubblico nel quale inserire le cariche ricoperte e relativi compensi percepiti dagli amministratori e sindaci delle Cooperative di primo grado, dei consorzi di secondo grado, delle società partecipate e funzionali e della Federazione. In secondo luogo individuare criteri omogenei per la determinazione di un limite cumulativo dei compensi per gli amministratori e i sindaci delle Cooperative e della Federazione. Infine per favorire ed allargare più possibile la partecipazione, il Consiglio d’amministrazione guidato dal nuovo presidente dovrà stabilire ed approvare un limite stringente al cumulo delle cariche nelle società del sistema.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 10:25

Una decisione irrevocabile, non c'è spazio di contrattazione o ripensamenti. A far traboccare il vaso è stato il mancato sostegno da parte di alcuni componenti di maggioranza sulle modifiche al Prg. "Non ci interessa 'tirare a campare': non intendiamo tradire nessun elettore che ha riposto in noi e nella nostra coalizione la propria fiducia". Ora verrà nominato un commissario per traghettare il Comune a prossime elezioni

19 novembre - 11:11

E' avvenuto al casello di Bolzano Sud, dove la squadra mobile della polizia del capoluogo altoatesino, impegnata in un regolare controllo anticrimine, ha fermato un veicolo con alla guida un pregiudicato 39enne. Dalla successiva perquisizione emergevano una consistente somma di denaro in contanti e 4 etti di cocaina nascosti nell'autoradio

19 novembre - 05:01

C'è voluta una richiesta di accesso agli atti dell'ex assessore Michele Dallapiccola per avere quelle conferme in più, che la Provincia fin dal primo momento non ha voluto comunicare: "Da veterinario alcuni aspetti nella relazione non mi convincono: farò delle interrogazioni". Intanto sulla vicenda è silenzio da piazza Dante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato