Contenuto sponsorizzato

Fine vita, anche Mina Welby agli incontri su bioetica e biodiritto organizzati dall'università di Trento

Oggi, martedì 17 ottobre alle 16, al Dipartimento di Lettere e Filosofia l'incontro con la presidente dell'associazione Luca Coscioni. Il docente trentino Casonato: "La bioetica e il biodiritto contemporanei sono scossi da una serie di questioni, da quelle più tradizionali a quelle più innovative"

 

 

Pubblicato il - 16 ottobre 2017 - 15:41

TRENTO. Sono spesso definiti temi 'divisivi', quelli che dividono appunto le coscienze, che implicano questioni morali e che fanno dibattere scienza e religione su cosa sia giusto e cosa sia sbagliato. Di questo si occupa la bioetica, e della declinazione legale e legislativa, quando poi sono le norme a dover legalizzare o punire, si occupa il biodiritto.

 

Di bioetica e biodiritto, all'interno di un ciclo di incontri interdipartimentali, se ne occuperà l'Università di Trento su iniziativa delle cattedre  di bioetica al Dipartimento di Lettere e Filosofia e di biodoritto a Giurisprudenza. Con gli studenti parleranno quattro relatrici e un relatore, e gli appuntamenti saranno tre (martedì 17, mercoledì 18 e martedì 24 ottobre dalle 16 alle 20 a Lettere). 

 

I primi due incontri, a cui parteciperanno Mina Welby (presidente dell’Associazione Luca Coscioni), Andrea de Bertolini (presidente dell’Ordine degli avvocati di Trento), Francesca Marin (filosofa dell’Università di Padova) e Loreta Rocchetti (medico, esperta in bioetica), saranno dedicati alle tematiche più attuali relative al fine-vita.

 

Il terzo incontro, invece, vedrà la partecipazione di Giulia Cavaliere (ricercatrice al King's College di Londra) e tratterà delle più recenti sfide legate alla ricerca su embrioni e cellule staminali. 

 

"La bioetica e il biodiritto contemporanei sono scossi da una serie di questioni, da quelle più tradizionali a quelle assolutamente innovative» spiega Carlo Casonato, docente a Giurisprudenza. "Fra le prime può ricordarsi come sia in discussione alla Commissione Sanità del Senato un disegno di legge in tema di consenso e disposizioni anticipate".

 

"Approvato alla Camera, rischia ora di rimanere sotterrato dagli oltre 3mila emendamenti proposti. In tema di eutanasia, inoltre, Marco Cappato dovrà rispondere in tribunale del reato di assistenza al suicidio, che prevede fino a dodici anni di carcere, per aver accompagnato dj Fabo a morire in Svizzera".

 

Ma oltre al fine vita c'è anche il grande tema della tecnologia. "Fra le questioni tecnologicamente più innovative, invece, una potente tecnica di gene editing (CRISPR-Cas 9) sta suscitando dilemmi etici e giuridici profondi, mentre la robotica, al pari delle neuroscienze, pone interrogativi riguardo, ad esempio, alla nostra identità, all’intelligenza umana rispetto a quella artificiale, oltre che ad altre possibili forme di personalità giuridica".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 04:01

In queste ore i vertici dell'Ordine dei medici sono scesi in campo per evidenziare preoccupazioni, riportare perplessità e criticità del sistema, ma anche proposte per migliorare la situazione in questa fase delicata della seconda ondata di Covid-19. Un settore attenzionato è quello delle Rsa

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato