Contenuto sponsorizzato

Non solo bollicine: in Umbria c'è il Carapace, una scultura/cantina cattedrale del vino rosso firmata Lunelli

Tra le colline di Bevagna e Montefalco, in provincia di Perugia, i Lunelli producono dei grandi vini rossi e lo fanno in una cantina che è opera dello scultore Arnaldo Pomodoro. Quando arte e vino mostrano la loro migliore unione

Il Carapace di Arnaldo Pomodoro (Foto Facebook 'Il Carapace di Tenuta Castelbuono')
Di Cinzia Patruno - 10 novembre 2017 - 17:26

PERUGIA. E' uno scrigno il Carapace in rame che si nasconde discreto tra le colline e i vigneti di Bevagna, in provincia di Perugia. Quasi invisibile, se non fosse per la vicina colonna rossa, un dardo che si staglia nel cielo per segnalarne la presenza, attirando l'occhio dei visitatori dalla stradina sterrata che porta a questo gioiello creato nel 2012, proprietà della famiglia Lunelli.

 

Il dardo segnala la presenza della Tenuta Castelbuono.
Il dardo segnala la presenza della Tenuta Castelbuono.

 

E' stato Gino Lunelli, da sempre grande appassionato d'arte contemporanea, a commissionare quest'opera al grande scultore Arnaldo Pomodoro, lo stesso che aveva creato la scultura nel cortile delle Cantine Ferrari a Trento. Una sfida che è stata accolta dall'artista, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo per le sue celebri sfere in bronzo, a braccia e cuore aperto. Pomodoro ha qui sperimentato, varcando il confine sottile tra architettura e scultura (con il supporto dell'architetto trentino Giorgio Pedrotti), progettando una cantina in grado di inserirsi in maniera organica con l'ambiente circostante, ma allo stesso tempo funzionale alla produzione della quantità media di 118.000 bottiglie l'anno. In perfetta armonia con il panorama, il Carapace è stato definito una delle "cattedrali del vino" in Italia.

 

Il Carapace si mostra piano piano nel suo iconico splendore: un inganno cromatico in autunno, quando il foliage tende ai toni caldi del giallo, arancione e rosso, e il rame brillante di quest'opera si confonde. Un pensiero nella progettazione è andato anche ai materiali costruttivi, che provengono dall'Umbria e dal Trentino, come il porfido ed il legno lamellare.

 

Le colline di Bevagna, in provincia di Perugia.
Le colline di Bevagna, in provincia di Perugia.

 

Di ispirazione arcaica, la Tenuta Castelbuono: nella testa di Arnaldo Pomodoro la cantina nasce come tartaruga, l'animale antico simbolo di forza, longevità e stabilità. Ed è così che sono i suoi vini rossi: potenti, longevi, dal carattere deciso. I Lunelli producono qui due DOCG e due DOC: il Sagrantino e il Sagrantino Passito, il Montefalco e la sua Riserva.

La Tenuta Castelbuono in Umbria dove i Lunelli producono Montefalco e Sagrantino

 

 

 

I bianchi si lasciano al Trentino, in Umbria si fanno i rossi. Ma perché proprio il Sagrantino? I Lunelli avevano già aperto Tenuta Podernovo nell'entroterra toscano, nella zona di produzione del Sangiovese. Poi, il desiderio di produrre un rosso meno conosciuto, ma altrettanto buono, e il colpo di fulmine con le colline umbre e le sue tradizionali varietà rosse, dalle quali nascono vini fortemente tannici e dal carattere deciso. Vini in apparenza aggressivi, ma che poi vanno a fondersi in bocca in modo armonico, un po' come la loro terra d'origine.

 

Villa Margon in Trentino, Tenuta Castelbuono in Umbria e Tenuta Podernovo in Toscana, il trittico dei Lunelli, sono delle vere e proprie chicche: cantine che si dedicano a vini biologici, in quantità limitata e di altissima qualità. Ma soprattutto vini veri, dall'indissolubile legame con il proprio territorio ma con un forte potenziale nella commercializzazione a livello nazionale ed internazionale. Un marchio costruitosi negli anni ed ora più che mai indissolubile, dalle rinomate bollicine ai rossi meno noti, ma altrettanto meritevoli.

 

Il Carapace si ispira ad una tartaruga, simbolo di stabilità e longevità.
Il Carapace si ispira ad una tartaruga, simbolo di stabilità e longevità.

 

Un legame con la tradizione, dunque, ma non manca da parte dei Lunelli una forte spinta verso la modernità, resa possibile anche dalla consulenza di uno dei migliori enologi italiani Luca D'Attoma, arrivato nel 2015, del quale sarà presto possibile degustare la prossima annata e che regalerà certamente delle sorprese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato