Contenuto sponsorizzato

Maso Poli apre il suo Wine Point, eventi e aperitivi secondo elevatissimi standard di qualità e accoglienza con un paesaggio mozzafiato

L'azienda agricola, fondata nel 1974 da Luigi Togn, ha inaugurato il suo punto d'incontro sulla collina di Pressano dove offrire l'eccellenza enogastronomica e diffondere l'identità trentina in una cornice unica

Pubblicato il - 20 luglio 2018 - 18:45

PRESSANO. Maso Poli, la cantina sulla collina che domina Pressano, apre finalmente i battenti del suo Wine Point e lo fa in grande, secondo la filosofia che dalla sua inaugurazione nel 1974 la contraddistingue. Da luglio il programma rivolto al pubblico dell'azienda agricola sulle colline avisiane propone tour guidati, eventi e aperitivi serali, grazie ad un management giovane, ospitale e fiero di diffondere l'identità trentina insita nell'azienda.

 

Fondata nel 1974 da Luigi Togn, la splendida azienda agricola Maso Poli è gestita oggi dalla figlia Valentina con il marito Goffredo Pasolli e dalle sorelle Martina e Romina. Maso Poli ha avuto il merito di diventare negli anni una delle aziende agricole più conosciute della provincia di Trento. I motivi sono semplici: un paesaggio mozzafiato e la qualità dei suoi vini, amati e conosciuti anche al di fuori dei confini regionali e nazionali. Tra i fiori all'occhiello i suoi Traminer, Pinot nero, l'uvaggio Marmorat e l'immancabile Riserva Trentodoc.

 

Incastonata sulla collina di Pressano, la cantina è stata disegnata dallo studio di archiettura Pallaoro e Balzan con un’insolita forma a semicerchio che asseconda l'andamento dei vigneti ed offre un panorama straordinario sui vigneti e della Val d’Adige.

 

Un punto vino d'eccellenza, che non si limita a proporre la selezione dei vini di Maso Poli, ma vuole essere un punto d'incontro e di scambio, richiesto a gran voce dalla comunità che la cantina ha scelto di ascoltare. "Sono ormai quotidiane – spiega Martina Togn, una delle tre sorelle che gestiscono l'azienda agricola - le richieste da parte di clienti, turisti, professionisti del territorio e agenzie di viaggio di aprire i nostri spazi e creare un 'punto vino' dove fare cultura del luogo, offrire eccellenza nel servizio e nei prodotti gastronomici, offrire un luogo dove regalarsi una curatissima 'pausa aperitivo', un momento di quotidiano in relax, oppure stare in compagnia di amici ad festa con dj set o un concerto live, certi di trovare artisti e catering di ottimo livello. Nulla lasciato al caso, con il sorriso che ci è proprio di famiglia!"

Senza togliere l'importanza del singolo al di là della sua appartenenza alla comunità, in un luogo naturalmente accogliente grazie al clima famigliare che mette l'ospite rigorosamente al primo posto. "Per noi è importante comunicare la nostra identità trentina - spiega infine Valentina Togn che, oltre a gestire personalmente il Maso, è anche al suo terzo anno di presidenza del Movimento turismo del vino regionale-, il lavoro del vignaiolo che si traduce nella qualità dell'offerta. Vogliamo che chi sceglie il Wine Point Maso Poli per il suo aperitivo serale o per un' acquisto o una festa possa sentirsi  in un luogo esclusivo, coccolato, 'chiamato per nome' non un soggetto della massa. Il nostro concetto di ospitalità è qualità, accoglienza e cura."

 

Il Wine Point Maso Poli ha aperto i battenti il 10 luglio in collaborazione con l'enoteca Enogallo di Salorno. L’apertura è settimanale dal martedì al sabato, dalle 16 alle 20 (tutte le informazioni sul sito, Facebook e Instagram).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato